Colloqui di lavoro

Come prepararsi al meglio ad un colloquio di lavoro

Affrontare il colloquio di lavoro può essere motivo di stress e agitazione. Ci sono infatti molti aspetti da considerare prima di andare ad un colloquio di lavoro, ed è necessario prepararsi al meglio per poter gestire eventuali momenti di difficoltà. La preparazione richiede quindi un'attenzione particolare a qualsiasi dettaglio. Sarà importante avere un abbigliamento adeguato, mantenere un atteggiamento sicuro e positivo e gestire i momenti di difficoltà dimostrando fermezza.

Di seguito, alcune indicazioni specifiche per affrontare al meglio il tuo colloquio di lavoro.

Come comportarsi durante il colloquio di lavoro

Per capire come comportarsi durante il colloquio di lavoro, occorre come prima cosa specificare che il colloquio inizia appena varchi la soglia dell'azienda. La prima impressione ha il suo impatto, dunque cerca di essere gentile con chiunque incontri, anche prima di iniziare il colloquio vero e proprio. Potresti doverti recare in segreteria prima del colloquio o potrebbe esserci qualcuno ad accoglierti. Ricorda dunque di salutare in modo garbato, presentarti e spiegare di essere stato chiamato per un colloquio.

Inoltre, è probabile che tu debba aspettare qualche minuto prima di poter incontrare la persona che ti farà il colloquio. In questo momento, sarà importante mantenere una postura composta, con le braccia adagiate in grembo o sui braccioli e i piedi posati sul pavimento o incrociati alle caviglie. Inoltre, evita distrazioni, come usare il tuo telefono cellulare, che ti consigliamo di silenziare o spegnere, o passeggiare all'interno della sala d'attesa. Usa invece questo momento per concentrarti e ripassare le possibili domande che ti verranno fatte.

Una volta che arriverà la persona incaricata del colloquio, sarà il momento di alzarti e presentarti in maniera molto formale stringendole la mano. Cerca di sorridere e guardarla negli occhi. In questo momento, sarà fondamentale avere un tono di voce fermo e deciso, per trasmettere sicurezza e personalità. Appena rotto il ghiaccio, aspetta sue indicazioni e tieniti pronto a seguire quello che ti verrà chiesto. È probabile che tu debba attraversare un corridoio e incrociare gli altri dipendenti; in questo caso, saluta cordialmente e mostrati subito gentile e aperto.

La fase preliminare del colloquio

Una volta arrivato all'interno della stanza per il colloquio, siederai molto probabilmente di fronte alla persona che dovrà esaminare le tue competenze professionali e attitudinali. Talvolta, potrebbero esserci più persone all'interno della stanza. A seconda dei casi, infatti, è possibile che una persona conduca il colloquio, mentre l'altra rimane in silenzio a osservare e prendere appunti. Per evitare di distrarti, dovrai rivolgerti e parlare sempre direttamente con il tuo interlocutore, cercando di considerare il meno possibile l'altra persona.

Molto probabilmente sarà il responsabile del colloquio a iniziare la conversazione, partendo con qualche considerazione generale per rompere il ghiaccio. In questo caso, aspetta che ti lasci la parola e non interromperlo. Spesso il responsabile del colloquio ha il curriculum del candidato a portata di mano e lo sfoglia per discuterlo insieme e chiedere approfondimenti. Ricordati comunque di portare sempre con te una copia del tuo CV, in caso il responsabile non l'avesse con sé e desiderasse rivederlo in tua presenza in versione cartacea.

Nel caso dovesse esserci un periodo prolungato di silenzio, potresti gentilmente prendere la parola e ricordare per quale posizione sei stato chiamato. Tuttavia, in questa fase preliminare di solito non è il candidato a dover gestire la conversazione ma è il responsabile ad aprirla e dirigerla verso gli argomenti che più gli interessano; osserva dunque come si evolve l'incontro, dagli il tempo di sedersi e sistemarsi, senza mostrare agitazione o ansia.

In molte occasioni, infatti, verrà prestata attenzione non solo alle risposte che sarai in grado di dare, ma anche e soprattutto al tuo linguaggio non verbale, e dunque alla postura, alla gestualità, alle espressioni e ai tuoi atteggiamenti. Dovrai cercare di mostrare maturità, positività e tranquillità. Sarà molto importante mantenere un tono di voce fermo e deciso, e altrettanto significativo sarà mantenere il contatto visivo con l'interlocutore.

Vediamo a seguire come potrebbe procedere il colloquio dopo questa fase preliminare.

Le domande del colloquio

Non si può prevedere con assoluta certezza qualsiasi domanda del colloquio, perché ogni azienda è a sé, così come ogni responsabile delle risorse umane o datore di lavoro. Tuttavia, possiamo dire che la domanda iniziale del colloquio sarà probabilmente quella più difficile da gestire, perché dovrai essere in grado di offrire una risposta adeguata nel momento di massima agitazione.

Ricorda di non avere fretta nel rispondere, cerca di riflettere e ponderare bene le tue risposte. Una strategia utile a questo proposito potrebbe essere quella di prepararsi nei giorni precedenti a rispondere a una serie di domande che verosimilmente verranno fatte in sede di colloquio. Ovviamente le domande possono variare a seconda del tipo di settore e del ruolo per cui si è inviata la candidatura, ma cerchiamo di stilarne alcune che sono fra le più frequenti.

A seguire, delle domande che conviene sempre preparare:

  • Perché hai scelto di inviare la tua candidatura presso la nostra azienda?
  • Cosa ti aspetti dal lavoro in questa azienda?
  • Quali sono i tuoi punti deboli?
  • Come ti trovi a lavorare in team?
  • Che tipo di atteggiamento hai con i colleghi?

Queste sono alcune delle domande generiche che potrebbero esserti rivolte. Per questo motivo, nei giorni precedenti il colloquio preparati delle risposte nelle quali andrai a offrire una panoramica delle tue competenze professionali, ma anche delle tue aspirazioni e dei motivi che ti hanno spinto a candidarti per quella posizione lavorativa. Oltre a queste domande, potrebbero chiederti di risolvere un caso di lavoro specifico e, a quel punto, dovrai basarti sulle tue competenze e conoscenze professionali; potresti portare un esempio di una situazione affine che ti è capitata in passato.

In molti casi non esiste una risposta univoca e universale, quindi ricordati sempre di prenderti del tempo e riflettere prima di rispondere; in questo modo dimostrerai sicurezza e capacità di riflessione anche in momenti di stress e di massima tensione. Ricorda che è molto importante rispondere in modo naturale a tutte le domande che ti verranno poste, senza cercare di impressionare l'interlocutore con risposte sorprendenti o sensazionali. Come potrebbe giocare a tuo sfavore una dimostrazione di insicurezza, allo stesso modo potrebbero mal giudicare un comportamento troppo presuntuoso.

Il momento del congedo

Una volta che il colloquio sarà terminato, non avere fretta di lasciare la stanza ma segui le indicazioni del responsabile. Aspetta che ti saluti oppure che si alzi per accompagnarti alla porta; a quel momento, dovrai salutarlo stringendogli la mano in maniera decisa, ringraziandolo formalmente per il colloquio. Prima di congedarti molto probabilmente ti verranno date indicazioni sull'esito del colloquio. In caso contrario, potrai in maniera cortese chiedere informazioni a riguardo. Quando uscirai dall'azienda ricorda di salutare gentilmente la persona alla segreteria che ti aveva accolto all'inizio del colloquio.

Consigli per prepararsi al colloquio

Il colloquio di lavoro può avere un alto livello di imprevedibilità, ma ci sono delle regole abbastanza fisse che possono aiutarti ad affrontare e gestire in maniera corretta le vari fasi dell'intervista.

A seguire, alcuni consigli da tenere a mente per il colloquio.

Vestiti in maniera appropriata

L'abbigliamento è una componente fondamentale per fornire una prima impressione di se stessi all'interlocutore. Per questo motivo, opta per un abbigliamento elegante ma sobrio, evitando di indossare indumenti o accessori troppo vistosi. Prima di decidere cosa indossare, potrai verificare sul sito dell'azienda la policy per approfondire il dress code. In base alla loro politica, potrai decidere il tuo tipo di abbigliamento. È importante mantenere il tuo stile e non stravolgere quelli che sono i tuoi gusti, per poter essere a tuo agio durante il colloquio. Cerca quindi di trovare un equilibrio appropriato tra il tuo stile e le richieste dell'azienda.

Prepara cosa dovrai dire

Nonostante non sia possibile conoscere in anticipo le domande del colloquio, sarà senz'altro molto importante preparare una serie di accorgimenti sulle frasi da usare prima, durante e al termine del colloquio. In questo modo, potrai arrivare preparato sin da subito e dimostrare una atteggiamento sicuro e tranquillo in un ambiente nuovo. È consigliabile adoperare un tono di voce deciso e chiaro, in modo che l'interlocutore non debba sforzarsi per sentire le tue parole.

Se ti è possibile, esercitati con qualcuno nei giorni precedenti e simula il colloquio. Scegli una serie di domande e cerca di rispondere come se fossi davanti al datore di lavoro. In questa maniera, sarai già parzialmente preparato a gestire i tempi per rispondere e conoscerai già determinati argomenti.

Ricordati del linguaggio non verbale

Assieme al linguaggio verbale, altrettanto fondamentale durante tutto il colloquio sarà quello non verbale. Per trasmettere sicurezza e positività, cerca di mantenere una postura dritta, senza curvare le spalle. Allo stesso tempo, sforzati di mantenere il contatto visivo con l'interlocutore durante tutta la conversazione. Al contrario, abbassando lo sguardo o chiudendo le spalle, comunicherai in maniera molto diretta un senso di insicurezza e disagio.

Tuttavia, fai anche attenzione a non mostrare un'eccessiva sicurezza, che potrebbe essere percepita come superbia. Durante il colloquio è fondamentale mostrarsi equilibrati, umili e rispettosi. Per questo motivo presta particolare attenzione alle richieste che ti vengono fatte e rispondi in modo pertinente alle domande, senza eccedere e andare oltre a quelle che sono le richieste dell'interlocutore.

Se sei in procinto di fare un colloquio, se stai mandando delle candidature o se sei semplicemente curioso di sapere come si fa a prepararsi al meglio per un colloquio, leggendo la nostra guida avrai sicuramente le idee più chiare.

Articoli correlati

Visualizza altro 

Cosa rispondere alla domanda: "Perché vuoi lavorare con noi?"

Perché vuoi lavorare con noi? È questa una delle domande più comuni posta durante i colloqui di lavoro. Scopri come rispondere in modo semplice ed efficace.

Come prepararsi a un colloquio di lavoro telefonico

Devi affrontare un colloquio di lavoro telefonico? Ecco come prepararsi, quali sono le domande più frequenti e le migliori risposte da dare.