Video colloquio in differita: cos'è e come prepararsi

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 3 gennaio 2022

La redazione editoriale di Indeed è un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore e si avvale dei dati e degli strumenti di analisi di Indeed per fornire consigli utili a guidare il tuo percorso lavorativo.

Si sente sempre più spesso parlare di video colloquio in differita, ma di cosa si tratta esattamente? Oggi, la tecnologia si è fatta strada nelle nostre vite, fino a conquistare anche il mondo del lavoro e del recruiting. Indipendentemente dalle competenze tecnologiche individuali, ci siamo abituati a frequentare corsi aziendali online o partecipare a riunioni da remoto. Tuttavia, il concetto di video colloquio in differita desta ancora qualche perplessità.

In questo articolo chiariremo cosa caratterizza questo tipo di colloquio, ne vedremo i vantaggi dal punto di vista del recruiter e da quello del candidato, e scopriremo come prepararsi al meglio per sostenerlo.

Videochiamate e video colloqui

La videochiamata consente di comunicare con una o più persone a distanza tramite dispositivi che sfruttano sistemi VoIP (Voice over IP), ovvero che utilizzano Internet al posto della classica rete telefonica. La peculiarità dei sistemi VoIP è che oltre a poter parlare, ci si può anche vedere, il tutto in tempo reale.

Esistono diverse piattaforme che consentono di effettuare questo tipo di chiamate, come Skype o Zoom, per citare le più popolari. Lo scopo ultimo della videochiamata può essere personale, nel caso di call tra amici o familiari, oppure professionale, nel caso di videoconferenze o video colloqui.

Proprio questi ultimi hanno rivoluzionato il mondo del lavoro, ottimizzando tempi e costi della selezione in presenza e permettendo di valutare un numero maggiore di candidati.

Video colloquio in differita: che cos'è?

Addentrandoci nell'ambito della selezione del personale online, esiste un'altra modalità di recruiting a distanza: il video colloquio in differita. Eccone di seguito le due caratteristiche fondamentali:

  • Asincronia. La differenza rispetto a un video colloquio standard è relativa alla sincronicità. Un normale video colloquio, infatti, si svolge in diretta, mentre quello in differita è registrato.

  • Preselezione. Di solito si ricorre a questo metodo come fase preselettiva. Lo scopo del video colloquio in differita è approfondire le informazioni già riportate sul CV e conoscere meglio i candidati, per decidere se portarli alla fase successiva.

Il video colloquio in differita prevede una serie di domande alle quali dovrai rispondere in un tempo prestabilito dall'azienda (di solito 60 secondi). Ricorda che la sessione del colloquio è unica. Potrai quindi esercitarti quanto vorrai, ma non interrompere o ripetere la registrazione vera e propria, una volta avviata.

I vantaggi del video colloquio in differita

Abbiamo visto che questo tipo di colloquio rappresenta una fase preselettiva, a metà tra la lettura del CV e il colloquio live. Lo scopo è quello di fare un'ulteriore scrematura e portare a una fase successiva solo i candidati più in linea con i requisiti aziendali. Questo è vantaggioso tanto per chi deve assumere, quanto per chi si candida.

In qualità di selezionatore potrai:

  • Approfondire anche quei profili i cui CV non erano stati pienamente convincenti, dandoti la possibilità di trovare il giusto candidato proprio tra quelli che, in assenza di questa fase preselettiva, avresti probabilmente scartato.

  • Dedicare più tempo e attenzione ai candidati che giungeranno alla fase successiva poiché, avendo superato quest'ulteriore scrematura, saranno realmente in linea con la posizione da ricoprire.

  • Decidere quando e dove visionare le registrazioni. Potrai gestire il tuo tempo e gli impegni lavorativi in totale libertà, trovando il momento più adatto alla visione dei video colloqui senza dover sconvolgere i tuoi programmi.

  • Effettuare un primo test delle capacità tecnologiche del candidato, vantaggio ancora più rilevante se il ruolo ricercato prevede competenze informatiche.

In qualità di candidato potrai:

  • Garantirti una seconda possibilità, nel caso in cui il tuo CV non fosse stato abbastanza convincente per il recruiter. Attraverso la registrazione video, potrai farti conoscere meglio e mostrarti in maniera più dinamica e personale.

  • Prepararti con calma, prendendoti il tuo tempo. Dal momento in cui viene mandato il link di accesso alla piattaforma in cui verrà effettuata la registrazione, avrai a disposizione alcuni giorni per cercare più informazioni sull'azienda e pensare a come rispondere alle ipotetiche domande.

  • Decidere in completa autonomia quando e dove registrare il tuo video colloquio in differita. Potrai farlo nel luogo che ritieni più consono, nel momento che preferisci, conciliando i tuoi impegni lavorativi e personali.

  • Avere una prima occasione per dimostrare concretamente le tue competenze tecnologiche, proprio attraverso la buona riuscita della registrazione.

Come prepararsi per un video colloquio in differita

Se hai mandato la tua candidatura a un'azienda e ti è stato proposto un video colloquio in differita, approfittane per prepararti al meglio e aumentare le tue chance di passare alla successiva fase di selezione. Per aiutarti, di seguito ti daremo dei suggerimenti sulle possibili domande del colloquio e qualche consiglio pratico su come prepararti.

Le domande più frequenti

In questa fase di scrematura, le domande sono più generiche rispetto a quelle che vengono poste durante un colloquio in tempo reale. Si tratta di domande preimpostate, che devono adattarsi a tutti i candidati. In una fase successiva, invece, il recruiter potrà porre domande più specifiche e personalizzate, poiché la comunicazione, a quel punto, sarà interattiva.

Vediamo ora alcune delle domande più frequenti che vengono poste durante un video colloquio in differita e alcuni consigli su come rispondere.

Parlaci di te

Se ti viene fatta una domanda di questo tipo, dovrai spiegare chi sei come faresti in una lettera di presentazione. Fai un riepilogo delle esperienze formative e professionali che più reputi in linea con il ruolo per cui ti stai candidando ed esponile in maniera discorsiva.

Leggi anche: “Parlami di te”: come rispondere durante un colloquio di lavoro

Raccontaci un risultato professionale motivo di orgoglio

Qui potrai parlare di qualsiasi situazione in ambito lavorativo che ti abbia lasciato un grande senso di soddisfazione. Può trattarsi, ad esempio, di un obiettivo di squadra raggiunto, dell'encomio individuale di un cliente o di una promozione ricevuta.

Leggi anche: Come inserire i traguardi professionali e accademici nel Curriculum Vitae

Raccontaci di un tuo fallimento

Ripensa a un'occasione in cui hai sbagliato e hai reagito in maniera costruttiva. Saper riconoscere i propri errori e adoperarsi per rimediare è un atteggiamento molto apprezzato sul lavoro, che evidenzia una personalità umile e un'attitudine positiva.

Descrivi quali sono i tuoi pregi e i tuoi difetti

Fai una breve lista dei tuoi punti di forza e dei tuoi punti deboli, con onestà, senza esagerare né con gli uni, né con gli altri. Per intenderci, se pensi di avere un numero infinito di difetti e solo un pregio, trasmetterai poca autostima. Al contrario, troppi pregi e pochi difetti potrebbero lasciar trapelare una certa arroganza.

Perché vuoi lavorare per noi?

La motivazione che spinge un candidato a partecipare a un processo di recruiting è determinante nella scelta del personale. Essere motivati aumenta la dedizione e la qualità del lavoro svolto. Approfitta di questa domanda per trasmettere tutto il tuo entusiasmo e la conoscenza dell'azienda e dei suoi valori.

Leggi anche: Cosa rispondere alla domanda: "Perché vuoi lavorare con noi?"

Dove ti vedi tra X anni?

In altre parole, quali sono le tue ambizioni? Spiega in breve quali sono i tuoi obiettivi professionali, mostrando consapevolezza delle tue competenze e delle lacune che vorresti colmare con il tempo.

Leggi anche: Come rispondere alla domanda "dove ti vedi tra 5 anni?"

Le 6 regole per svolgere un buon video colloquio in differita

Ecco di seguito alcune regole generali da seguire per sostenere un video colloquio in differita di successo e convincente.

1. Raccogli informazioni sull'azienda. Forse lo hai già fatto per personalizzare il tuo CV e la tua lettera di presentazione, ma se così non fosse, ricordati che conoscere visione, missione e politiche aziendali ti permetterà di svolgere il colloquio mettendo maggiormente in luce quelle che sai essere le capacità più apprezzate dall'azienda.

2. Prepara uno schema scritto delle ipotetiche risposte, sulla base delle presunte domande e delle informazioni aziendali raccolte. Non sarà necessario impararlo a memoria, ma almeno potrai seguire una scaletta e fare una presentazione ordinata. È un ottimo metodo anche per arrivare alla registrazione meno agitati.

3. Comunica le informazioni in maniera chiara, scorrevole, coerente e concisa. Sono le stesse regole che caratterizzano la stesura di un buon curriculum vitae e di una buona lettera di presentazione. Il recruiter deve poterti inquadrare in poco tempo e capire facilmente quello che stai dicendo. Lo scopo è arrivare dritti al punto, senza confondere o annoiare.

4. Cura il tono di voce e la postura. Non farti prendere dall'agitazione e respira mentre dai le tue risposte. Per infondere sicurezza nell'ascoltatore, parla con ritmo regolare, non troppo rapido, e mantieni un volume di voce medio, né troppo basso né troppo alto. Poniti di fronte allo schermo come se ti trovassi di fronte al recruiter: schiena dritta, spalle indietro, sorriso, e sguardo rivolto alla telecamera. Non irrigidirti in questa posizione e cerca di mantenere sempre un atteggiamento sciolto. Per concludere, scegli un abbigliamento adeguato e professionale. Anche gli elementi non verbali, infatti, trasmettono informazioni su di noi ed è importante curarli.

5. Fai delle prove cronometrate. Prima di passare alla registrazione definitiva, sfrutta la possibilità di esercitarti e di cronometrarti. Così come quando rileggi il tuo CV o la tua lettera di presentazione, riascoltandoti, potrai capire se è necessario aggiungere o togliere qualcosa alle tue risposte e parlare più o meno velocemente per stare nei tempi stabiliti.

6. Scegli il luogo e verifica gli aspetti tecnici. Prima di procedere, assicurati che l'ambiente di registrazione sia un posto tranquillo, dove nessuno possa interromperti. Scegli uno sfondo curato e ordinato. Regola l'illuminazione, in modo che il video non risulti né troppo buio, né troppo luminoso. Infine, controlla che la connessione Internet funzioni bene.

In conclusione, abbiamo visto cosa caratterizza questo tipo di colloquio, quali sono le domande che vengono poste con più frequenza e come prepararsi per sostenerne uno. Ora che hai a disposizione tutte queste informazioni, segui i nostri consigli e affronta con successo il tuo video colloquio in differita.

Articoli correlati:

  • Colloquio di lavoro: domande frequenti ed esempi di risposte

  • Come offrire una buona presentazione di se stessi per lavoro

  • In un colloquio di selezione quanto pesa la comunicazione non verbale?


Articoli correlati

Suggerimenti da un recruiter: come gestire al meglio un colloquio virtuale in videochiamata

Esplora altri articoli