Crescita professionale

Cosa sono le capacità analitiche sul luogo di lavoro

Le capacità analitiche sono alcuni tra i requisiti fondamentali che molte aziende richiedono per i propri dipendenti. Sono quell'insieme di competenze personali e professionali che contraddistinguono un lavoratore in grado di organizzare in maniera efficace il suo piano di lavoro e trovare soluzioni immediate e semplici agli imprevisti.

Le capacità analitiche sono dunque collegate direttamente al tuo modo di pensare e gestire una situazione concreta sul posto di lavoro. L'utilizzo costante di un pensiero analitico e critico potrebbe portarti numerosi vantaggi. Potrai consigliare alcune migliorie da apportare in specifici settori dell'azienda e guadagnarti la fiducia dei colleghi e del datore di lavoro. Allo stesso modo, acquisire capacità analitiche solide e diversificate ti aiuterà a raggiungere più velocemente i tuoi traguardi e obiettivi lavorativi.

Di seguito, approfondiremo il discorso riportando degli esempi e spiegando le modalità per sviluppare al meglio le capacità analitiche sul luogo di lavoro.

Cosa sono le capacità analitiche

Le capacità analitiche riguardano le modalità di gestione di progetti specifici sul posto di lavoro. In particolare, dovresti essere in grado di applicarle quando si presenta un problema che non avevi preventivato e hai la responsabilità di risolverlo in maniera efficiente, organizzando al meglio un piano di lavoro mirato e specifico. Allo stesso tempo, il tuo pensiero analitico ti potrà aiutare a gestire e pianificare i tuoi progetti lavorativi, in modo da massimizzare le energie e il tempo impiegato su un determinato progetto.

Le varie fasi del pensiero analitico

Le capacità analitiche si articolano in varie fasi durante la gestione di un problema o di una situazione lavorativa; a seguire, un elenco schematico delle fasi principali di questo processo analitico:

  • Individuare il problema o la questione da affrontare
  • Raccogliere informazioni relative al problema
  • Iniziare a pensare a possibili soluzioni o, nel caso ce ne sia bisogno, raccogliere ulteriori informazioni
  • Verificare se le tue azioni hanno avuto efficacia oppure identificare i motivi per cui si sono rivelate poco utili
  • Al termine di questo processo, dovrai prenderti del tempo per analizzare i lati positivi e i punti deboli del tuo metodo di risoluzione del problema, così da essere consapevole di cosa funziona e cosa devi invece migliorare, nel caso si verificassero situazioni simili in futuro

È molto importante sottolineare che le capacità analitiche si rafforzano con un esercizio costante. Per questo motivo, dovrai cercare di imparare a migliorare il tuo modo di risolvere eventuali problemi, basandoti anche e soprattutto sui tentativi precedenti, messi in pratica per altri progetti. Questa verifica costante ti permetterà di affinare la tua tecnica di analisi dei problemi, identificando velocemente le possibili cause e soluzioni. Più avrai esercitato questo tipo di pensiero e più numerosi saranno gli esempi concreti sui quali fare affidamento per possibili nuovi momenti di difficoltà.

Gli usi delle capacità analitiche

Le capacità analitiche sono molto importanti, perché possono essere utilizzate in settori e ruoli diversi. L'importanza di questo tipo di approccio risiede nella capacità di identificare in maniera chiara e netta un oggetto di studio. Molte volte, infatti, sul luogo di lavoro può capitare di imbattersi in questioni difficilmente risolvibili, perché apparentemente complesse e vaghe. Il pensiero analitico ti aiuterà a guardare al problema in maniera obiettiva, cercando di individuare i diversi attori coinvolti e le cause che hanno contribuito a determinare quella specifica situazione.

Una volta che avrai chiaro il quadro della situazione, potrai iniziare a risolvere la questione rivolgendoti a chi di dovere. In questo modo, imparerai anche a migliorare la collaborazione con i colleghi, creando un gruppo di lavoro molto efficiente e integrato nella gestione delle diverse situazione lavorative.

Le capacità analitiche possono riguardare tutti i tipi di impieghi professionali e fanno parte delle competenze che ogni lavoratore può acquisire durante la sua carriera. Tuttavia, vi sono delle posizioni specifiche che richiedono in modo particolare una spiccata abilità di pensiero analitico. Per fare un esempio, in alcuni settori scientifici, come l'ingegneria e altre discipline, è richiesta una solida capacità di analisi che permetta al professionista di avere sempre una chiara visione dei processi lavorativi, in modo da poterli gestire e pianificare al meglio.

In aggiunta, avere una capacità analitica molto sviluppata permette di apportare delle migliorie all'interno dell'azienda, andando a suggerire alcune modifiche interne per rendere più efficiente il lavoro, portando a eventuali risparmi di tempo, energia o denaro.

Per questi motivi, ai fini della ricerca di un nuovo lavoro, può essere fondamentale mostrare le proprie capacità analitiche. Di seguito, alcuni esempi utili su come evidenziare le proprie doti quando ci si candida per un lavoro.

Le capacità analitiche all'interno del CV

Nel tuo curriculum vitae, puoi inserire le tue capacità analitiche in diverse posizioni, a seconda di come hai organizzato tutte le informazioni al suo interno. Vediamo insieme quelle più comuni.

  • Nel titolo del CV: se ti stai candidando per un lavoro che richiede delle capacità analitiche specifiche, puoi valutare di inserirle direttamente all'interno del titolo del tuo CV.
    Esempio: Ingegnere informatico con comprovate abilità di gestione tecnica della produzione aziendale con esperienza decennale
  • Sotto a ciascuna esperienza: in alternativa al titolo, puoi specificare le capacità analitiche sotto a ciascuna esperienza. Questo è valido se hai svolto delle esperienze che ti hanno permesso di svilupparle sul campo.
    Esempio:
    Direttore informatico
    GC Company, Bologna
    Marzo 2015 – Febbraio 2019
    - Gestione e supervisione dei singoli reparti della produzione aziendale
    - Integrazione informatica e centralizzazione dei singoli reparti produttivi
    - Gestione dei dati informatici durante i periodi di sovrapproduzione
  • In una sezione apposita: un'altra opzione potrebbe essere quella di inserire le tue capacità analitiche creando una sezione apposita al termine del tuo CV.

Esempio:
Competenze specifiche nella supervisione informatica del reparto produttivo all'interno dell'azienda e responsabile nell'integrazione tecnica dei diversi reparti

Le capacità analitiche durante il colloquio di lavoro

Durante il colloquio di lavoro potrebbero chiederti di risolvere un problema ipotetico per testare le tue capacità analitiche. In questo caso, è molto importante che prima del colloquio analizzi in maniera dettagliata l'offerta di lavoro. In base ai requisiti richiesti e alle competenze specifiche, potrai pensare a delle situazioni che potrebbero verificarsi e fare una simulazione di come risponderesti qualora ti chiedessero di risolverle. È importante ricordare che in questi casi non esiste una soluzione univoca. Sarà fondamentale rimanere lucidi e dimostrare un atteggiamento propositivo, per essere in grado di pensare a diverse opzioni per risolvere il problema in questione.

Inoltre, durante il colloquio di lavoro, potrebbe anche capitarti di dover parlare di come hai gestito un problema improvviso in passato.
Esempio: “Durante la mia esperienza precedente, è capitato a volte di avere dei ritardi negli arrivi degli ordini presso i clienti. Tramite una continua collaborazione con i miei colleghi e un'attenta analisi dei fornitori con cui si verificavano i ritardi, ho potuto selezionare i fornitori migliori, stabilire degli sconti per gli ordini futuri dei clienti che avevano ricevuto la merce in ritardo e diminuire i casi in cui gli ordini ritardavano.”

Le capacità analitiche nella lettera motivazionale

All'interno della tua lettera motivazionale, puoi inserire degli esempi specifici delle tue capacità analitiche. Fai ovviamente riferimento alle esperienze lavorative passate che hai inserito nel curriculum e tieni a mente le competenze richieste dall'azienda. In questo modo, potrai selezionare un esempio coerente con le loro necessità e con il tuo cv, per valorizzare il tuo profilo.
Esempio: “Il ruolo da voi offerto mi permetterebbe di mettere ulteriormente in pratica il metodo di problem solving che ho potuto affinare particolarmente negli ultimi due anni. Sarei il candidato adatto a gestire il vostro reparto, perché applicando questo metodo ho sviluppato una capacità comunicativa molto elevata e sono abituato all'analisi continua delle dinamiche produttive aziendali.”

Le capacità analitiche sul luogo di lavoro

Il luogo di lavoro è lo spazio più adatto a dimostrare e migliorare le tue capacità analitiche. Dovrai mostrarti da subito molto collaborativo con i tuoi colleghi e offrirti di aiutare a risolvere un problema in caso di necessità. Facendo affidamento sulle tue esperienze passate e ascoltando le opinioni dei tuoi colleghi, ti potrai dimostrare all'altezza della situazione, individuando le diverse cause del problema e proponendo alcune soluzioni. È fondamentale ricordare che il pensiero analitico critico prevede anche la capacità di integrare soluzioni provenienti da diverse persone. Sarà quindi importante riuscire a collaborare in gruppo nella gestione di eventuali problemi.

Esercitare e migliorare le capacità analitiche

Migliorare le tue capacità analitiche per gestire eventuali problemi sul luogo di lavoro può essere fondamentale per guadagnarti la fiducia dei colleghi e del datore di lavoro. In aggiunta, potrebbe aiutarti a realizzare gli obiettivi che ti sei posto a livello professionale e a ottenere eventuali promozioni. Per questo motivo, migliorare il tuo pensiero analitico e critico all'interno dell'azienda dipenderà dalla tua propensione a partecipare nel caso si verifichino questioni da risolvere.

Un modo pratico, per esercitare e migliorare notevolmente la tua capacità di analisi all'interno dell'azienda, riguarda la possibilità di osservare chi ricopre dei ruoli di responsabilità. Ascoltando in maniera attiva, potrai apprendere i metodi di gestione di problemi specifici all'interno dell'azienda e poi potrai provare a metterli in pratica in altri casi che dovrai risolvere direttamente.

Un altro modo per migliorare le tue capacità analitiche può essere quello di frequentare delle conferenze o dei workshop dove starai a contatto con esperti del settore. Questo potrebbe esserti utile per osservare chiaramente le diverse fasi che compongono la risoluzione di un problema all'interno di un'azienda. In questo modo, otterrai un solido bagaglio teorico da mettere in pratica sul luogo di lavoro.

Articoli correlati

Visualizza altro 

Come diventare manager

Ambizione, determinazione, creatività e mentalità visionaria. Non ti piace accontentarti e hai deciso di andare oltre: scopri come diventare manager.

Errori sul lavoro: come reagire positivamente

Hai fatto un errore sul lavoro e non sai come rimediare? Ecco alcuni consigli da seguire per reagire in modo costruttivo e dimostrare la tua professionalità.