Come fare una ricerca di mercato (con un esempio)

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 12 dicembre 2022

Pubblicato in data 13 settembre 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

La ricerca di mercato costituisce uno dei primi passi fondamentali di qualsiasi strategia di marketing o di vendita. Va da sé, quindi, che eseguire una buona analisi di mercato prima di lanciarsi in una nuova avventura aprendo un'attività o per rivoluzionare la propria azienda al fine di incrementare le vendite, è fondamentale per raggiungere l'obiettivo prefissato. In questo articolo vedremo nel dettaglio cos'è, come fare ricerca di mercato e quante tipologie ne esistono.

Cos'è e come fare ricerca di mercato

Un'analisi di mercato altro non è che una raccolta di dati relativi a un settore specifico, volta a fornire le informazioni necessarie su domanda e offerta di beni e servizi. È una valutazione attenta di tutto ciò che riguarda l'utente finale che usufruirà di tali prodotti.

Le ricerche di mercato sono strettamente connesse alle aree aziendali che si occupano di marketing. Di solito le società svolgono questo tipo di operazione per basare poi sulla ricerca e sui suoi risultati la relativa strategia di vendita.

Ma quali sono, in concreto, i vantaggi di un'approfondita ricerca di mercato? In realtà, si tratta di uno strumento molto utile, che potrebbe aiutare a:

  • capire se l'avvio di una nuova attività o la vendita di un nuovo prodotto o servizio sia realmente fattibile oppure se sarà solo una perdita economica

  • individuare nuovi settori di mercato da poter sviluppare

  • accrescere il successo delle proprie campagne pubblicitarie e promozionali

  • essere a conoscenza dei trend di mercato ai quali allinearsi

  • acquisire un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti

Per effettuare una ricerca di mercato occorre conoscere bene l'argomento e possedere competenze specifiche. Tale attività, come abbiamo visto, riveste un ruolo molto importante nei processi aziendali e chi se ne occupa è un professionista altamente qualificato.

Sono molti i corsi di laurea, come marketing o economia e management, che prevedono insegnamenti relativi all'impostazione e allo sviluppo delle ricerche di mercato. Se possiedi già tali competenze, o quando le avrai acquisite, ricordati di inserirle nel CV, perché potrebbero fare la differenza.

Leggi anche: Capacità e competenze tecniche: come inserirle nel CV

Le diverse tipologie di ricerca di mercato

La modalità di svolgimento di una ricerca di mercato dipende dal tipo di analisi che si vuole effettuare e dagli obiettivi che si intendono raggiungere.

È possibile classificare le tipologie di ricerca di mercato sulla base di diversi fattori.

Primaria e secondaria

Una prima categorizzazione vede la ricerca di mercato suddividersi in due macrocategorie: primaria e secondaria. Si tratta, in qualche modo, di una distinzione basata sul modo di condurre la ricerca in relazione al rapporto, diretto o meno, con gli utenti e alle risorse utilizzate.

La ricerca di mercato primaria

La ricerca primaria viene effettuata direttamente sui clienti o potenziali clienti. A svolgerla è l'azienda stessa oppure una società esterna specializzata in questo genere di servizi, che viene ingaggiata per effettuare l'analisi.

La ricerca primaria presenta alcuni vantaggi di grande interesse. Ad esempio, può essere molto specifica e dettagliata e rivolgersi direttamente alla persona o al gruppo di persone interessate con domande mirate all'ottenimento della risposta ricercata. Uno degli svantaggi, invece, è che può rivelarsi molto costosa.

Ecco alcuni esempi di ricerca di mercato primaria:

  • Colloqui individuali. Si intervista una persona e le si pongono domande più o meno specifiche, a seconda di cosa si vuole sapere. Questa interazione avviene generalmente per strada, in ufficio, a casa degli intervistati o presso un punto vendita.

  • Gruppi di discussione. Si tratta di una cerchia ristretta di persone scelte dall'azienda e riunite in un ambiente interattivo che discutono di una tematica specifica. Un moderatore gestisce la conversazione ponendo le domande più appropriate.

  • Questionari. Una lista di domande specifiche sulla persona e su un determinato servizio o prodotto, che viene solitamente inviata all'utente per e-mail o per posta.

La ricerca di mercato secondaria

In questo caso è il tipo di risorsa che cambia. Non si effettuano nuove ricerche ad hoc, ma si usano i materiali già disponibili, più adatti al caso specifico.

Ci si basa quindi su dati già raccolti da altri e messi a disposizione, come studi di settore, sondaggi o libri.

È una tipologia di ricerca di mercato che permette di contenere i costi, ma che può essere meno specifica di quella primaria.

Quantitativa e qualitativa

Questa seconda categorizzazione si riferisce al contenuto della ricerca, ossia al tipo di dato che si intende ottenere. Anche qui si definisce una modalità, ma solo in riferimento a quali sono le informazioni che hanno più rilevanza per la ricerca.

La ricerca di mercato quantitativa

Si tratta di una sistematica raccolta di informazioni. Il focus è ottenere dei dati statistici, possibilmente numerici, quantificabili.

Per avere una rappresentatività statistica di un certo comportamento o fenomeno è necessario basarsi su un'intera popolazione, che rappresenta appunto il mercato o un suo segmento. Per essere attendibile, la ricerca deve basarsi sullo studio di un campione vasto, caratteristica che richiede il coinvolgimento di un gran numero di persone. Un esempio di ricerca di mercato quantitativa è il questionario.

La ricerca di mercato qualitativa

Questo tipo di ricerca è più libera e può essere più approfondita. Lascia spazio alle discussioni libere o alle domande aperte. C'è la possibilità di fare ipotesi e analisi specifiche, attraverso domande dirette.

Analizza le componenti emotive e cognitive. Il gruppo di discussione e il colloquio individuale, ad esempio, sono ricerche di mercato qualitative.

Come fare ricerca di mercato: un esempio pratico

Vediamo come fare ricerca di mercato di una marca di prodotti alimentari vegetariani e vegani che vuole migliorare la propria posizione sul mercato e aumentare le vendite.

Un problema potrebbe essere individuare il giusto punto vendita, dove ci sia una maggioranza di consumatori interessati a quel tipo di prodotto.

La ricerca, di tipo primario, potrebbe seguire questi step:

  1. Organizzare alcuni gruppi di discussione sia con persone in target, che consumano già il prodotto, sia con altre che di solito non lo acquistano. L'obiettivo è comprendere le motivazioni alla base della decisione di consumare o meno cibo vegano o vegetariano e se gli utenti conoscano altre marche simili, cercando anche di capire cosa ne pensano.

  2. È possibile effettuare delle interviste individuali all'uscita di esercizi commerciali che vendano beni alimentari e supermercati. Saranno punti strategici localizzati nelle diverse aree geografiche interessate. Questo servirà a quantificare le informazioni ottenute durante la fase precedente.

  3. Fare dei test di assaggio dei prodotti su persone che consumano prodotti simili o di altri marchi.

A questo punto si raccolgono e analizzano tutti i dati pervenuti, passando alla fase delle conclusioni. Sulla base delle opinioni dei consumatori, l'azienda in questione deciderà, eventualmente, se modificare il gusto del prodotto, il packaging, il prezzo, i punti vendita, o altri fattori che momentaneamente influiscono negativamente sulle vendite. In questo modo potrà incrementarle e ottenere un maggiore successo aziendale. In conclusione, sia che tu lavori da poco in ambito marketing e voglia accrescere le tue competenze o che desideri iniziare una carriera in questo settore, sapere come fare ricerca di mercato ti permetterà di rendere più interessante il tuo profilo professionale.

Articoli correlati:

  • Come lavorare nel marketing

  • Come diventare marketing manager


Articoli correlati

Analisi SWOT: cos'è e a cosa serve

Esplora altri articoli