Competenze trasferibili: quali sono le più richieste?

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 13 novembre 2022

Pubblicato in data 9 maggio 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Hai mai sentito parlare di competenze trasferibili? Si tratta di abilità che puoi portare con te e ti aiutano a cambiare lavoro con più facilità poiché sfrutti queste capacità in più ambiti. Le competenze trasferibili completano la tua professionalità, mettendoti in condizione di svolgere ruoli versatili.

In questo articolo ti aiutiamo a conoscere quali sono le competenze trasferibili più richieste e come puoi metterle in risalto quando ti candidi per una posizione di lavoro.

Leggi anche: Come cambiare settore lavorativo

Le competenze trasferibili: una definizione per capire

Non sempre si conoscono, molto spesso sono sottovalutate. Le competenze trasferibili possono essere utilizzate come un asso nella manica nei colloqui di lavoro, in una lettera di presentazione o per personalizzare il proprio curriculum. Ti differenziano sul mercato, ti aiutano a fare colpo sul recruiter.

Le competenze trasferibili sono delle qualità che sviluppi con anni di lavoro e attitudini, capacità che ti aiutano a prescindere dal ruolo che ricopri in un preciso momento e che puoi sfruttare in più ambiti professionali. Si perfezionano con l'esperienza e migliorano in base alle mansioni e alle posizioni di lavoro che hai ricoperto nel tempo. Sono competenze che puoi utilizzare anche nel quotidiano con una naturalezza che spesso non ti fa rendere conto di quanto siano utili e importanti nelle relazioni.

Acquistano ancora più potere nel mondo del lavoro, perché ti consentono di risolvere problemi, gestire situazioni complesse e rendere l'ambiente in cui lavori più sereno e produttivo. Se ci pensi è facile capire perché acquistano valore in fase di selezione. Per esempio, durante una prova orale per una docenza, far conoscere le tue doti comunicative aiuta chi ti personale scolastico e con le classi. L'ascolto attivo e le doti comunicative sono importanti in tanti altri lavori: nei settori legati al digitale e al marketing, per posizioni in cui ti candidi da freelance, nei ruoli in cui devi lavorare a contatto con il pubblico.

Le abilità trasferibili più richieste nel lavoro

La formazione mirata ti aiuta a coltivare queste abilità per renderti un professionista versatile, con competenze trasversali che ti facilitano nel trovare un'occupazione e consentono all'azienda che ti assume di rendere il tuo ruolo più malleabile.

Vediamo quali sono le competenze trasferibili più sfruttabili nel mercato e perché diventano fondamentali per te e per chi ti sceglie.

La tua bravura nel comunicare

Lo abbiamo anticipato poche righe sopra: le doti comunicative sono importanti in ogni contesto. Oltre a renderti un esperto dialogatore durante un'incomprensione, ti aiutano a porti in modo diplomatico, a saper utilizzare il giusto tono di voce mentre ti approcci a un cliente, a un collega o a un capo. La capacità di comunicare in modo efficace ti rende una guida strategica della conversazione e permette di esprimere concetti ed emozioni dando il giusto peso a ogni parola; ti fa essere chiaro e comprensibile nell'esporre, ti aiuta a utilizzare il linguaggio del corpo mentre comunichi e a sfruttare la comunicazione non verbale. Saper comunicare è decisivo per portare avanti i progetti in team con successo.

Essere maestri nel comunicare significa affinare competenze trasversali come:

  • Ascolto attivo

  • Comunicazione scritta

  • Public Speaking

  • Fiducia

  • Cordialità

  • Mente curiosa, aperta e flessibile

  • Reattività.

Leggi anche: Competenze comunicative nel curriculum: le più ricercate

Empatia

Sempre più richiesta in un contesto lavorativo, l'empatia aiuta ad avvicinarsi a colleghi, capi e clienti con un valore che non conosce paragoni. L'empatia nel lavoro è fondamentale per comprendere le idee altrui e condividerle non considerando soltanto il proprio pensiero.

Per quanto sia una predisposizione della persona, si può imparare a essere empatici allenando la propria intelligenza emotiva, perché è chiaro che più comprendi le emozioni di un'altra persona e più sei in grado di rispondere in modo positivo a una situazione. Diventare empatici è quindi una competenza trasferibile che ti aiuta a creare relazioni professionali più mature e salutari, ti rende abile nel lavoro in team, migliora le tue abilità sociali.

Leggi anche: Capacità e competenze relazionali: cosa sono e come migliorarle

Lo spirito di adattamento

Importante per vivere ogni situazione lavorativa con entusiasmo e ottimismo, avere una buona capacità di adattamento ti rende un professionista versatile, che sa destreggiarsi in qualsiasi contesto.

Coltiva alcune qualità indispensabili per imparare ad adattarti nel lavoro:

  • Flessibilità

  • Positività

  • Organizzazione

  • Collaborazione

  • Pazienza.

Leggi anche: Errori sul lavoro: come reagire positivamente

Organizzazione

Essere una persona organizzata ti rende meticolosa nel lavoro e meno portata a commettere errori o distrazioni. 
Coltivare le propri doti organizzative è importante per prevedere pensieri e conflitti, per gestire il lavoro proprio e in team e rispettare le scadenze assegnate. Diventa utile per acquisire fiducia dai propri capi o dai responsabili e assicura un lavoro efficiente. Coltiva alcune competenze che ti renderanno sempre più organizzato e bravo:

  • Pensiero analitico

  • Precisione

  • Gestione del tempo

  • Coordinazione in team.

Lavoro in team

Saper lavorare in squadra ti rende un professionista capace in diversi contesti lavorativi. È una capacità che descrive il lavoratore pronto a collaborare con le idee altrui, capace di interagire e non fare solo in modo individuale. Serve abituarsi a comunicare in modo aperto, a essere umili e curiosi ma anche pronti a raggiungere un obiettivo in gruppo per il bene dell'azienda.

Essere leader

Un bravo leader ha delle competenze diverse che si possono riassumere nelle abilità che abbiamo elencato qui sopra. Ha una forte capacità comunicativa, sa organizzare bene il suo lavoro e quello altrui, costruisce relazioni che mantiene nel tempo.

Le abilità di leadership includono:

  • Delegazione

  • Risoluzione del conflitto

  • Project management

  • Team building

  • Costruzione di relazioni

  • Assunzione di rischi.

Leggi anche: Le 7 principali differenze tra capo e leader

Come mettere in risalto le competenze trasferibili

Ora che conosci le più importanti competenze trasferibili da portare nel tuo lavoro, ti lasciamo alcuni consigli su come renderle spendibili per trovare una nuova occupazione o per trasformarle in plus da presentare a chi ancora non ti conosce come professionista.

Emergi grazie alle competenze del curriculum

Hai appena fatto una ricerca di lavoro per una posizione che ti interessa e nel leggere la descrizione dell'azienda noti che la figura richiesta non deve essere solo esperta ma deve possedere delle qualità indispensabili per la posizione da ricoprire.

Dopo anni di lavoro in una società nel tuo territorio, vuoi cambiare percorso e fare il salto: stai pensando di trasferirti all'estero, vuoi cambiare la tua vita e sai che per trovare un nuovo lavoro non devi solo fare bella figura ma devi anche distinguerti.

Senti che è arrivato il momento di velocizzare la tua carriera e vuoi proporti in modo differente rispetto al passato, perfezionare il tuo curriculum per renderlo valido e unico.

A prescindere dalle motivazioni che ti spingono a far notare il tuo valore professionale, le competenze trasferibili ti vengono in aiuto per una candidatura spontanea. Puoi inserirle come nota di accompagnamento all'esperienza maturata negli anni o puoi creare un allegato a parte. Valuta di scegliere una sola abilità trasferibile su cui puntare in modo da renderla subito visibile nel curriculum. Il resto delle competenze puoi spalmarlo all'interno del tuo CV ma quella che reputi principale per te, o per il lavoro per cui ti candidi, deve emergere a vista d'occhio.

Nella sezione della tua storia professionale non fare un semplice elenco delle mansioni lavorative ma specifica quali abilità hai usato per avere successo nei ruoli precedenti. Ricorda di fare esempi concreti e veritieri e di far conoscere i tuoi risultati. E punta a far risultare le competenze scelte allineate al lavoro per cui ti candidi, in modo da far risaltare la tua professionalità.

Per esempio, puoi scrivere:

“Ho stabilito un programma di bonus per il reparto vendite che ha portato all'azienda un aumento del 15% dei ricavi annui nell'ultimo anno fiscale”.
Con questo dato fai conoscere all'azienda per cui ti canditi le tue abilità di leader ma anche la capacità di comunicare con i reparti aziendali.

Leggi anche: Cosa sono le capacità analitiche sul luogo di lavoro

Le competenze trasferibili nella lettera di candidatura

Fai conoscere queste abilità non solo nel curriculum ma anche nella lettera di presentazione all'azienda, uno degli aspetti più importanti per essere notati e scelti in fase di selezione.

Ricorda che puoi usare la creatività e incuriosire con una presentazione accattivante. E non elencare in modo autoreferenziale le tue competenze trasferibili ma sii bravo a farle conoscere attraverso esempi concreti dei ruoli precedenti che hai ricoperto. Utilizza la lettera di presentazione per raccontare il tuo mondo in modo più personale rispetto al curriculum e valuta di inserire queste abilità con astuzia nelle motivazioni che ti spingono a cambiare lavoro.

Leggi anche: Cambiare completamente lavoro: pro e contro e consigli

Le competenze trasferibili durante un colloquio

Infine, giocati le competenze trasferibili durante il colloquio. Se hai fatto colpo con il curriculum e la lettera di candidatura, ora devi mostrare il meglio di te e saper gestire la chiacchierata dando prova di quello che hai scritto.

Fai attenzione alle domande trabocchetto, arriva preparato anticipando possibili richieste e decidi prima come e cosa far vedere di te come professionista.

E ricorda che essere strategici non significa dimenticare di essere onesti ed etici ma ti aiuta a mostrare quanto conta avere esperienza nel lavoro, nelle candidature accettate negli anni e nel confronto con recruiter e aziende.

Ora puoi davvero metterti alla prova e superare la selezione che ti farà cambiare lavoro. Cerca le offerte che soddisfano la tua voglia di cambiare, cura il tuo aspetto per presentarti al colloquio in modo impeccabile e ripassa tutto quello che abbiamo detto in questa guida.

Leggi anche: L'outfit giusto per un colloquio in estate

Ricorda quanto sono importanti le competenze trasferibili e sii pronto a far conoscere il tuo valore frutto di competenza e studio negli anni ma anche di errori del passato che ti hanno fatto crescere e maturare come professionista, errori che hai saputo trasformare in occasioni per migliorare le tue abilità personali!

Leggi anche: PCTO: significato e percorsi di didattica integrata

Esplora altri articoli