Cos'è la Certificazione BIM (Building Information Modeling) e come ottenerla

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 27 novembre 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Regolata dalla UNI/PdR 78:2020, la certificazione BIM rappresenta un accertamento delle tue competenze se lavori nella filiera delle costruzioni e della progettazione.

Gli àmbiti delle certificazioni BIM sono legati al ruolo che andrai a ricoprire in tale ambiente. Se ambisci a diventare CDE Manager, per esempio, non dovrai seguire lo stesso corso di formazione di chi punta a certificarsi come BIM Manager, Coordinator o Specialist. Ma scopriamo meglio insieme che cosa sono queste certificazioni e, nello specifico, cos'è il BIM in tutte le sue sfaccettature.

Cos'è il BIM: una nuova metodologia di lavoro

Se la tua strada è quella di diventare project manager, architetto o architetta, ingegnere o ingegnera, geometra oppure designer, trovarti a tuo agio con il BIM (Building Information Modeling) potrà essere estremamente utile quando ti verrà richiesto di partecipare ad un progetto di costruzione.

Il BIM, prima ancora che uno strumento da utilizzare, è una metodologia di lavoro che viene veicolata attraverso l'utilizzo di specifici software. Si tratta, in altre parole, di una maniera differente di approcciare un progetto di costruzione.

Cosa si intende per approcciare in modo diverso? Si intende dire che il BIM, una volta partiti da un modello preliminare della struttura in costruzione, non si sofferma solamente sugli aspetti geometrici della struttura, ma assicura di avere a portata di mano moltissime altre informazioni utili ed essenziali come:

  • i materiali da costruzione utilizzati;

  • le commesse necessarie per procedere alla costruzione;

  • la struttura portante dell'edificio;

  • le caratteristiche termiche della struttura;

  • le prestazioni energetiche;

  • le caratteristiche tecniche e strutturali dell'edificio che torneranno utili in futuro per manutenzioni o dismissione.

Cos'è la Certificazione BIM

Soprattutto dopo l'introduzione del Nuovo Codice dei Contratti Pubblici che fa riferimento al Decreto Legislativo n.50/2016, che promuove una "informatizzazione delle procedure e introduzione di strumenti elettronici specifici", e del Decreto Baratono (D.M. 560/2017), che introduce "l'obbligo per le stazioni appaltanti di utilizzare procedure digitali", il BIM ha iniziato a farsi strada anche nel mercato del lavoro italiano e con esso anche le certificazioni BIM, garanzia di un'adeguata preparazione e conoscenza di tale metodologia.

La certificazione BIM è un perfezionamento e aggiornamento di competenze già acquisite nel corso del proprio percorso di studi o lavorativo e ti occorrerà chiarire in quale delle figure inquadrate dalle varie certificazioni tu e il tuo lavoro potreste rientrare e quale ruolo andreste a ricoprire all'interno del BIM. Solo dopo potrai affrontare l'esame nella sua interezza.

La certificazione verrà rilasciata a ciascun candidato o ciascuna candidata dopo aver seguito un corso di formazione suddiviso in più lezioni e su un monte ore variabile dalle 12 alle 60. Una volta acquisiti gli strumenti necessari, ci si potrà sottoporre all'esame finale, frequentemente sostenuto online. I corsi offerti sono molteplici, con prezzi differenti in base al numero di ore di corso, ma tutti aggiornati alle ultime direttive della norma UNI 11337-2017.

Inoltre, per essere a proprio agio nello svolgere i corsi di preparazione al test finale sono richieste competenze in termini di grafica, progettazione digitale, modellazione, management aziendale e gestione delle commesse all'interno di un'azienda.

La certificazione BIM: per quale ruolo certificarti?

La Parte 7 della norma UNI 11337-2017, denominata "Gestione Digitale dei processi informativi delle costruzioni", regola e qualifica le professioni alle quali verranno richiesti quei compiti e quelle competenze che le certificazioni BIM permettono di rafforzare. Ogni certificazione riguarda, infatti, le seguenti posizioni all'interno del pannello BIM dove potrai andare a ricoprire il ruolo di:

  • CDE Manager: come vertice della piramide, il Common Data Environment (CDE) è colui o colei che gestisce l'ambiente BIM assicurando la buona riuscita del lavoro che lega progettisti o progettiste a strutturisti o strutturiste, clienti a fornitori o fornitrici, architetti o architette a ingegneri o ingegnere. Oltre gestire le connessioni e i rapporti tra le figure sottostanti, il CDE Manager regola e circoscrive il campo d'azione di BIM Manager, Coordinator e Specialist decidendo chi ha accesso ai dati, chi può modificarli e chi solamente prenderne visione;

  • BIM Manager: sempre in stretto contatto con il CDE Manager, si occupa di supervisionare ogni operazione di aggiornamento del BIM, di coordinare tutte le persone all'interno del processo e correggere ogni possibile problematica che possa subentrare nelle varie fasi del progetto;

  • BIM Coordinator: rispetto alle figure precedenti, si concentra sulle singole fasi del progetto, sulla scelta del personale adatto per un determinato compito, sui diversi obiettivi che ogni commessa deve centrare e monitora il corretto inserimento di ogni informazione all'interno del BIM;

  • BIM Specialist: è l'operatore avanzato nella creazione o nell'aggiornamento delle informazioni, colui o colei che mette mano alla modifica dei vari modelli rendendoli poi fruibili al resto del team di lavoro.

La certificazione BIM: vantaggi e competenze acquisite

Come già scritto, oltre che una metodologia di lavoro, il BIM è un vero e proprio linguaggio digitale. Ottenere una certificazione BIM ti permetterà di entrare in un mondo digitalizzato dove raccogliere tutti i passaggi di progettazione, costruzione, manutenzione, ristrutturazione e futura dismissione di una struttura.

I software che utilizzerai, che spesso non sono specifici e possono variare da corso di formazione a corso formazione, ti permetteranno di programmare i passaggi di un progetto, ma anche di stabilire quali siano i materiali migliori da utilizzare e quali siano le tempistiche di degradazione dei materiali stessi, così da poter prevedere il ciclo di vita di una struttura.

Proprio grazie a tutte queste funzioni, seguire un corso di formazione BIM e ottenere la certificazione è un percorso che ha l'obiettivo finale di creare figure professionali formate, preparate e aggiornate sul fronte normativo e legale. Inoltre, l'utilizzo del BIM ti permetterà di facilitare la comunicazione all'interno di un team di lavoro avendo così sempre a portata di mano un quadro completo.

Se sei un architetto o un'architetta, grazie al BIM potrai restare sempre in contatto con fornitori o fornitrici, clienti, geometri e ingegneri o ingegnere condividendo il tuo modello e sovrapponendolo a quelli delle altre figure. Si tratta di un'operazione smart, eseguibile da remoto con l'utilizzo di specifici software, con notevole risparmio di tempo.

La certificazione BIM: affinare le competenze dalla Fase 3D alla Fase 7D

Una delle vantaggiose peculiarità nel conseguire una certificazione BIM è quella di potersi interfacciare non solo con la Fase 3D, tipica del mondo progettuale, ma arrivare sino a quella Fase 7D. Se il modello di partenza, quello geometrico e parametrico, è riconducibile alla Fase 3D, grazie alla metodologia BIM si potranno controllare e radunare nel software anche i tempi di costruzione, i costi, le analisi e le informazioni progettuali. Ecco che allora avremo:

  • una Fase 4D che agevola il controllo dei tempi di costruzione;

  • una Fase 5D per il controllo dei costi;

  • una Fase 6D relativa al controllo di analisi e consumi energetici;

  • una Fase 7D che consentirà l'accesso a tutte le informazioni progettuali dell'edificio in fase di ristrutturazione, in un processo cosiddetto di "facility management".

In conclusione, emerge che negli ultimi anni il possesso di una certificazione BIM è diventato in Italia, anche su spinta legislativa, un requisito largamente richiesto e utile per partecipare alle gare di appalto e poter accedere a percorsi di modellazione e progettazione condivisi all'interno di un gruppo di lavoro esteso che utilizzi la metodologia BIM, già diffusa in molti altri Paesi d'Europa.

Leggi anche:

  • Cosa fa il project manager e come diventarlo

  • Le migliori 9 certificazioni di project management

  • Certificazioni Autodesk: tipologie e ambiti


Articoli correlati

Scienze dei materiali: sbocchi lavorativi

Esplora altri articoli