Sviluppo della carriera

Guida per i genitori: come gestire al meglio il lavoro da casa e i figli

Mentre il COVID-19 continua a diffondersi, molte aziende hanno adottato misure preventive, chiedendo ai dipendenti di lavorare da casa. Intanto, le scuole sono chiuse e alcune stanno tenendo le lezioni online. Di conseguenza molti genitori si ritrovano a casa con i figli, cercando di destreggiarsi fra il tempo passato con loro e il proprio lavoro

Senza dubbio si tratta di un grande cambiamento e molti di noi forse non si sentono preparati. Sappiamo che non esiste una soluzione ideale o semplice per tutti, ma vogliamo darti qualche consiglio per trovare l'equilibrio fra il tempo da dedicare alla famiglia, in un momento così stressante e complicato, e quello necessario per restare al passo con gli impegni lavorativi. Se non lo hai ancora fatto, leggi la nostra guida completa sul lavoro da casa.

Candidati facilmente con il tuo CV Indeed

Il giusto equilibrio tra lavoro e figli

In un momento come questo, è importante dare la priorità alla tua salute e a quella della tua famiglia. Mantenere un canale di comunicazione aperto e sincero con il tuo datore di lavoro può esserti di aiuto: stabilite le aspettative, comunicate in modo chiaro e tenetevi reciprocamente aggiornati.

Ecco altri consigli per trovare un equilibrio tra lavoro e figli mentre lavori da casa:

1. Ottimizza la comunicazione e definisci le aspettative

Stabilisci con il tuo responsabile nuove aspettative per tutto il periodo in cui lavorerai da casa: dovrai comunque raggiungere degli obiettivi e rispettare i tuoi impegni. Molti datori di lavoro si rendono conto che si tratta di una situazione difficile, e il tuo probabilmente capirà se hai necessità di modificare gli orari o gli obiettivi.

Potresti anche chiedere al tuo responsabile e ai collaboratori di fare il punto della situazione una o due volte a settimana, in videochiamata o al telefono. Comunicare spesso permette al tuo responsabile di capire che stai facendo progressi, se hai bisogno di apportare qualche cambiamento o se hai bisogno di supporto. La comunicazione è molto importante perché aiuta a mettere in chiaro i limiti che comporta lavorare da casa e occuparsi della famiglia allo stesso tempo.

Puoi definire le aspettative anche durante le riunioni. Per esempio, prima di cominciare puoi spiegare che potresti assentarti per qualche minuto per gestire situazioni impreviste, oppure che tuo figlio potrebbe entrare nella stanza e che dovresti allontanarti brevemente.

2. Impara a gestire meglio il tempo e stabilisci una tabella di marcia

Dedica del tempo esclusivamente ai tuoi figli, pur sapendo che con i più piccoli non sempre le cose vanno secondo i programmi. Quando si è genitori, è comprensibile volere riservare più momenti della giornata ai figli. Se puoi, fatti dare una mano da qualcuno e su questa base stabilisci una tabella di marcia.

Comunica alla tua squadra e al responsabile in quali momenti della giornata non sei disponibile. Quando è possibile, cerca di ottimizzare i tempi per sincronizzarti con il team e rispettare gli impegni importanti.

Può essere utile sia per te che per i tuoi figli stabilire un programma standard (e flessibile), magari simile a quello di una giornata scolastica, per mantenere una continuità. Alcune scuole mettono a disposizione il programma di studi online.

Ad esempio, se i tuoi bimbi sono alle elementari e la scuola che frequentano ha predisposto un sistema di didattica a distanza:

  • 08:00-10:30: colazione e svolgimento dei compiti a casa
  • 10:30-11:00: intervallo e giochi
  • 11:00-12:30: svolgimento dei compiti a casa
  • 12:30-14:00: pranzo insieme ai genitori e giochi
  • 14:00-17:00: compiti a casa
  • 17:00-19:00: attività ricreative (disegno, scienze, cucina ecc.)
  • Routine serale

Se possibile, concediti del tempo libero, soprattutto quando hai bisogno di fare una pausa.

3. Poni dei limiti, sia col lavoro che con i bambini

Stabilire limiti e regole che siano chiari per te, i tuoi figli e i tuoi colleghi vi permetterà di capirvi meglio a vicenda.

Con i colleghi

  • Comunica la tua disponibilità settimanale, indicando anche quando finisce il tuo orario di lavoro, quando ti prendi del tempo per te e quando non puoi stare al computer.
  • Dai una mano quando sai che puoi farlo; quando possibile, affida a un collega il lavoro di cui non puoi occuparti. Spiega la situazione al tuo responsabile così capirà come darti supporto.
  • Fornisci un numero di emergenza nel caso in cui il responsabile e i colleghi avessero urgenza di mettersi in contatto con te nelle tue ore di inattività. Spiega in quali casi possono contattarti.

Con i bambini

  • Comunica il tuo programma della giornata e spiega quando starai con loro e quando non sarai disponibile o sarai "al lavoro".
  • Scegli uno spazio tranquillo in cui può esserci un confine fisico, come la tua camera da letto, il tuo studio o persino uno stanzino.
  • Crea insieme a loro un cartello che indica il tuo spazio tranquillo, come un pollice all’insù/pollice in giù o un cartello di stop/semaforo verde che segnala quando non vuoi essere disturbato, tranne in caso di emergenza

4. Approfitta delle risorse gratuite

In questo periodo di transizione, molte aziende mettono a disposizione risorse gratuite, come lezioni online, video sulle attività manuali e lezioni di fitness. Eccone alcuni:

5. Fai delle pause

È importante fare delle pause a prescindere dal lavoro che si svolge, soprattutto quando si lavora da casa. A maggior ragione, quando hai figli, dovresti concederti intervalli regolari. In questo modo riesci ad aumentare la produttività e a ridurre lo stress. Puoi provare la tecnica del pomodoro concentrandoti per 25 minuti e poi facendo una pausa obbligatoria di cinque minuti. Fai un giro in cortile, allenati in casa, fai un esercizio per la respirazione o altre semplici attività per rilassarti.

Puoi anche sentire qualcuno che sta vivendo una situazione simile alla tua. Questo può aiutarti ad allentare lo stress e a mantenerti in contatto con gli altri.

Questo periodo può risultare stressante e complicato, ma non bisogna sentirsi soli. Comunica e stabilisci delle aspettative con i tuoi datori di lavoro e colleghi, contatta un amico quando hai bisogno di allentare lo stress, fai delle pause e fissa dei limiti. Fare piccoli passi può aiutarti a gestire meglio il tuo tempo a casa, tra lavoro e figli.