Crescita professionale

Come sviluppare il pensiero critico per il mercato del lavoro

Il pensiero critico può essere definito come la capacità di comprendere e reagire a una situazione, sulla base delle informazioni e dei fatti che abbiamo a disposizione. Consente di arrivare alla radice di un problema e di attuare soluzioni efficaci e a lungo termine. Nell'ambito lavorativo, come possiamo immaginare, è molto importante riuscire a capire del tutto una situazione, rifletterci su e risolvere eventuali problematiche. Vediamo dunque insieme nello specifico come funziona il pensiero critico e come possiamo svilupparlo.

Il processo di pensiero critico

Come abbiamo detto, il processo di pensiero critico comporta l'analisi meticolosa di fatti, dati e una serie di altre informazioni che si hanno a disposizione per comprendere a fondo un problema e arrivare a elaborare una soluzione efficace.

Le tipiche fasi del processo di pensiero critico sono le seguenti:

  • Fase 1: si identifica il problema
  • Fase 2: si ragiona sul perché il problema esiste e su come può essere risolto
  • Fase 3: si effettuano delle ricerche sul problema raccogliendo i fatti, le informazioni o i dati che lo riguardano
  • Fase 4: si organizzano i dati e i risultati delle ricerche per analizzarli
  • Fase 5: si sviluppano e si eseguono le soluzioni
  • Fase 6: si controlla che le soluzioni abbiano funzionato
  • Fase 7: si identificano i modi per migliorare le soluzioni trovate

Due caratteristiche chiave di un buon pensatore critico

Nel paragrafo precedente, abbiamo descritto il processo di pensiero critico. È evidente quanto questo sia articolato; tuttavia, vi sono due cose che proprio non devono mancare. Vediamole a seguire.

Obiettività

Poiché il pensiero critico si occupa di molte informazioni e dati, l'obiettività è una caratteristica essenziale di un buon pensatore critico. Non c'è spazio per le emozioni e le ipotesi, se si vuole essere un pensatore critico di successo. Un buon pensatore critico analizza un problema che gli viene presentato, basandosi esclusivamente sul contesto e sui fatti raccolti.

Adattabilità

Sul posto di lavoro, ti troverai di fronte a molte situazioni che richiedono un'attenta riflessione critica. Questo compito può ricadere solo su di te o sul tuo intero team. Dovrai quindi riuscire ad adattarti a situazioni che ti porteranno a lavorare da solo o in gruppo, e dovrai affrontarle nel modo adeguato, con o senza risorse sufficienti e in tempi più o meno stringenti.

È facile evincere il valore di questa capacità in ambito lavorativo, ma vediamo nello specifico perché interessa ai datori di lavoro.

Quanto è importante il pensiero critico per i datori di lavoro?

Da tempo immemorabile, il pensiero critico è stato oggetto di interesse in regni, imperi, paesi e aziende. Nell'attuale mercato altamente volatile del business, il pensiero critico è cruciale per il successo di qualsiasi azienda e, naturalmente, di qualsiasi datore di lavoro.

Ci sono così tanti fattori da prendere in considerazione per operare scelte di business perspicaci e di successo. In molti casi, considerare un elemento da una prospettiva diversa rivela potenziali pericoli nel perseguire tale decisione.

Ad esempio, un'azienda potrebbe volersi trasferire in una nuova sede per diversi motivi. Se da un lato questo può avere diversi vantaggi, come tasse più basse, materie prime a prezzi accessibili e maggiore sicurezza, dall'altro può anche portare a una gestione più difficile se la nuova sede è troppo distante. È qui che gli imprenditori si rivolgono ai pensatori critici. Ne hanno bisogno per trovare una risposta alle domande: quale di questi fattori è più importante? C'è un modo per raggiungere un compromesso?

Il pensiero critico in azienda

La capacità di pensiero critico è essenziale per tutte le industrie e carriere. Sia che tu abbia da poco iniziato a lavorare e ti trovi in una posizione entry-level sia se occupi ruoli dirigenziali, lo sviluppo di capacità di pensiero critico ti preparerà al successo e a un bel percorso professionale.

Come anticipato, i datori di lavoro di oggi apprezzano molto il pensiero critico, poiché contribuisce alla soluzione pratica dei problemi e al buon funzionamento di un'azienda moderna. Tutti questi sono fattori chiave per la crescita del business e per ottenere margini di profitto elevati.

Il pensiero critico durante la ricerca di lavoro

Quando si cerca lavoro, è importante chiedersi quali capacità di pensiero critico si possiedono attualmente; riuscire a valorizzarle durante una candidatura può tradursi rapidamente in un vantaggio competitivo a nostro favore. Ma come possiamo presentarle?

Se questo è il tuo caso, potresti elencare le tue capacità critiche all'interno del tuo curriculum, così da attirare l'attenzione dei reclutatori. La maggior parte delle domande più comuni in sede di colloquio si basa sulla lettura del curriculum; potresti dunque prepararti già a eventuali domande in merito e rispondere citando eventi e situazioni che dimostrano la tua forte capacità di pensiero critico.

Ad esempio, se operi nel campo delle risorse umane, potresti parlare di come hai risolto un conflitto tra due dipendenti. Illustra il modo in cui hai impiegato il pensiero critico per comprendere la natura del conflitto e risolvere la situazione in modo ottimale.

Competenze critiche di valore ricercate dai datori di lavoro

Quando si elencano le abilità critiche nel curriculum, si raccomanda di includere tutte quelle a cui il potenziale datore di lavoro potrebbe essere interessato. Di seguito, un elenco delle competenze critiche più preziose che i datori di lavoro cercano costantemente.

Osservazione

Naturalmente, le capacità di osservazione sono gli elementi costitutivi di ogni processo di pensiero critico. Un dipendente attento sarà in grado di identificare ed eliminare rapidamente un problema, anche nelle situazioni più improbabili. Se padroneggi le tue capacità di osservazione, con il tempo, riuscirai anche a prevedere un eventuale problema.

Analisi

L'analisi è una parte integrante di ogni processo di pensiero critico. Conoscere semplicemente i fatti e i dati non fa molta differenza, se non si riesce ad analizzarli per elaborare una soluzione.

Ragionamento

Una volta osservate e analizzate le informazioni, il prossimo passo è il ragionamento. Questa abilità consiste nel trarre conclusioni sulle informazioni raccolte. Questo è ovviamente subordinato al possesso di conoscenze ed esperienze tecniche sufficienti.

Comunicazione

Le capacità di comunicazione sono vitali ovunque. Sono ciò che permette a un'azienda di funzionare come un'unica unità. In qualità di pensatore critico, dovrai essere in grado di comunicare le tue osservazioni, le analisi e le eventuali risoluzioni in modo comprensibile a tutti i membri del consiglio di amministrazione e alle parti interessate.

Risoluzione dei problemi

La semplice identificazione di un problema non è sufficiente per un dipendente che pensa in modo critico. È necessario fare un passo avanti rispetto all'analisi dei problemi e suggerire valide soluzioni pratiche. È anche essenziale valutare il successo prognostico della soluzione e identificare le possibili falle.

Queste sono alcune competenze alla base del pensiero critico. Se in alcune ti senti incerto non preoccuparti. Di seguito ti spieghiamo come esercitarle.

Come sviluppare il pensiero critico

Una rapida analisi del tuo attuale repertorio di abilità di pensiero critico può portarti nella giusta direzione, ossia verso le aree di miglioramento necessarie. Come per qualsiasi abilità, anche le capacità di pensiero critico richiedono pratica per essere migliorate. Vediamo insieme come farlo.

Passi per diventare un buon pensatore critico

Una volta deciso di migliorare le abilità critiche, non dobbiamo far altro che metterci al lavoro. Prima però, dobbiamo accertarci di rispettare questi tre requisiti:

  • Tempo: è fondamentale ritagliarsi tutto il tempo necessario per concentrarsi sul proprio sviluppo personale e arrivare a padroneggiare in modo soddisfacente queste abilità.
  • Dedizione: perseguire il proprio obiettivo con coerenza e dedizione è l'unico modo per far sì che il proprio impegno dia i suoi frutti.
  • Fissare obiettivi chiari e misurabili: avendo chiaro in mente il traguardo da raggiungere e potendo appurare se stiamo facendo o meno progressi in quella direzione, potremo capire dove cambiare e cosa sta invece funzionando.

A questo punto, non ti resta che seguire i seguenti passi per sviluppare con successo le capacità di pensiero critico.

Ampliare le competenze specifiche o tecniche di settore

Questo ti aiuterà ad affinare la tua mente, consentendoti di identificare i problemi in modo più efficiente.

Segui ulteriori corsi orientati al pensiero critico nel tuo settore

I corsi che richiedono capacità di pensiero critico e di analisi da parte dei partecipanti ti aiuteranno a sviluppare maggiormente le attitudini rilevanti nel tuo settore lavorativo.

Offri la tua capacità di risolvere i problemi

Offriti attivamente come volontario per risolvere i problemi del tuo attuale datore di lavoro o dei colleghi.

Chiedi consiglio

Costruisci una rete con altri professionisti di successo e con esperienza nel tuo settore o in quello a cui aspiri. Ti daranno informazioni contestuali e precise, che potrai tenere in considerazione.

Dedicati a giochi di pensiero critico, da solo e in compagnia

Ci sono diversi giochi che richiedono capacità di pensiero critico: si tratta di grandi opportunità per applicare le tue capacità analitiche e deduttive senza rischi.

Chiedi feedback e critiche costruttive agli altri

Chiedere a un collega o a un amico di valutare le tue attuali capacità di pensiero critico può aiutarti a capire la tua situazione reale. Basta chiedere a qualcuno che sia onesto e obiettivo.

Per accelerare i tuoi progressi, non aspettare la tipica situazione lavorativa che richiede la tua abilità critica. Al contrario, implementa il pensiero critico nel tuo quotidiano. Il pensiero critico offre un enorme vantaggio sia sul mercato del lavoro che fuori, soprattutto per i candidati in settori altamente competitivi. Sfrutta i consigli esposti in questo articolo per ottenere un vantaggio competitivo.

Articoli correlati

Visualizza altro 

Come diventare manager

Ambizione, determinazione, creatività e mentalità visionaria. Non ti piace accontentarti e hai deciso di andare oltre: scopri come diventare manager.

Errori sul lavoro: come reagire positivamente

Hai fatto un errore sul lavoro e non sai come rimediare? Ecco alcuni consigli da seguire per reagire in modo costruttivo e dimostrare la tua professionalità.