Come creare un curriculum creativo e fare colpo

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 5 dicembre 2022

Pubblicato in data 21 maggio 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

La prima impressione è quella che conta", recita un vecchio aforisma. E anche se non è di certo facile stupire i recruiter, è altrettanto vero che il curriculum vitae è solitamente il primo contatto con i responsabili del personale. Scopri come un CV creativo può aiutarti a impressionare i recruiter in modo positivo e duraturo.

Come creare un CV creativo e originale per distinguerti

Ecco alcune idee su come creare un CV creativo e originale che ti permetta di distinguerti dalla massa. La competizione per le posizioni lavorative più ambite diventa ogni giorno più agguerrita e l'inserimento nel mondo del lavoro può rivelarsi una vera a propria sfida. Anche il singolo dettaglio può fare la differenza e aumentare le tue possibilità di proseguire nella selezione. Imprescindibile, da questo punto di vista, è presentare un curriculum vitae che non solo ti permetta di fare una buona impressione, ma che incuriosisca i recruiter a tal punto da concederti un colloquio conoscitivo.

Realizzare un CV creativo e al contempo professionale è decisivo per convincere il responsabile della selezione a prendere seriamente in considerazione la tua candidatura. Di conseguenza, dovrai procedere su un doppio fronte: da una parte, curare l'organizzazione delle informazioni e la scelta delle parole; dall'altra, dare spazio alla fantasia per emergere fra gli altri candidati, grazie a un tocco di unicità e di originalità. Non si tratta di un procedimento complicato, ma richiede attenzione e precisione nelle diverse fasi. Seguendo questa guida dettagliata, ogni passaggio avverrà in modo naturale e consequenziale. Non resta che mettersi all'opera.

Leggi anche: Come creare un CV online: cosa fare e cosa evitare

Come creare un CV creativo: inizia dagli elementi di base

Distinguersi è tutto, ma c'è modo e modo per farlo. È possibile farsi notare anche per un curriculum vitae disordinato, o che contiene errori di ortografia e di grammatica, ma questo tipo di distinzione comporterebbe la fine della tua candidatura. Ecco perché ti suggeriamo caldamente di partire dagli elementi sostanziali. Puoi farlo seguendo alcune istruzioni di base, che abbiamo così sintetizzato.

Rispondi ai bisogni del datore di lavoro

Esamina attentamente l'annuncio di lavoro e studia l'azienda attraverso il suo sito web. Questa analisi preliminare ti permetterà di capire che cosa includere nel CV e quale tono usare. Presta attenzione in particolare alla filosofia aziendale e alle parole chiave che rivelano che cosa si aspetta l'azienda dai propri dipendenti e collaboratori.

Quando ti candidi a un annuncio, metti in risalto i ruoli rilevanti che hai svolto e le competenze più pertinenti: in questo modo, il tuo curriculum vitae attirerà maggiormente l'attenzione dei recruiter. Ad esempio, se ti candidi per una posizione di responsabile di magazzino, evidenzia nel tuo CV le conoscenze relative alla gestione delle schede di carico e scarico, anziché dilungarti su eventuali lavori che hai svolto in passato, ma che non hanno niente a che vedere con quel ruolo.

Includi un profilo personale all'interno del CV

Fai risparmiare tempo al responsabile della selezione e avrai la sua riconoscenza. I datori di lavoro e i recruiter si trovano ad affrontare ogni giorno un volume sproporzionato di candidature per le varie posizioni. Potrebbe quindi rivelarsi difficile far risaltare il proprio CV. La soluzione è utilizzare le strategie corrette per realizzare un curriculum originale e creativo.

Uno degli strumenti più efficaci in tal senso è la redazione di un profilo personale all'interno del CV, che riassuma i dati salienti della tua formazione ed esperienza professionale. Che cosa deve contenere? Sicuramente l'intestazione e le informazioni di contatto, come e-mail e numero di cellulare, ma anche i profili social. Non inserire dati superflui, ma solo quelli indispensabili per presentarti e per farti trovare. Sotto l'intestazione aggiungi un riepilogo di due, tre frasi che sintetizzino le tue attività lavorative pregresse e le competenze che possiedi attinenti alla posizione per cui ti candidi. Infine, dedica una frase a un obiettivo professionale, o anche personale, che intendi perseguire nel corso della tua carriera.

Leggi anche: Cosa scrivere nel profilo personale del Curriculum Vitae

Scegli parole potenti

Avrai sentito parlare di parole chiave. Si usano soprattutto in ambito digitale per indicare quei termini che aiutano il motore di ricerca a indicizzare una pagina. Ecco, i recruiter applicano lo stesso principio durante l'analisi dei CV.

Nei processi di selezione, infatti, si sta facendo strada l'utilizzo di software in grado di filtrare i CV in base a determinate parole chiave. Queste corrispondono alle competenze trasversali e alle conoscenze tecniche richieste per il ruolo oggetto della selezione. I verbi di azione e le espressioni con valore positivo, come “flessibile”, “collaborativo”, “conseguire”, “innovare”, sono preferibili in quanto da un lato enfatizzano le tue soft skill e dall'altro puntualizzano i risultati ottenuti.

Leggi anche: Come usare i verbi di azione in un colloquio o nel CV

Rivedi e correggi

Dopo che avrai redatto il CV secondo le linee guida base che abbiamo individuato, dedica tempo e presta attenzione alla fase di revisione. Gli errori grammaticali e ortografici sono assolutamente da evitare: utilizza il correttore presente sui programmi di testo oppure uno strumento gratuito online. Occorre inoltre predisporre le informazioni in paragrafi organizzati in elenchi puntati, in modo da facilitarne la lettura. Se, come è preferibile, effettui modifiche al tuo curriculum a seconda dei diversi profili ricercati, questo procedimento dovrà essere ripetuto ogni volta.

Leggi anche: Curriculum cronologico: consigli ed esempio

Scegli un design accattivante per il tuo CV creativo

È ora arrivato il momento di mettere in risalto la parte creativa del tuo CV. Il primo punto sul quale dovrai metterti al lavoro, dopo avere realizzato un CV ben strutturato, è la ricerca di un design visivamente accattivante. Inizia scegliendo un layout semplice, ma capace di mettere in risalto i tratti sostanziali del tuo curriculum identificati nel paragrafo precedente. Concentrati in particolare su:

  • Modello: se utilizzi un template per la realizzazione del curriculum vitae, accertati che non ci siano elementi visivi troppo preminenti rispetto al contenuto. Avrai maggiori probabilità di richiamare l'attenzione con dettagli minimali ma accattivanti anziché con un eccesso di orpelli.

  • Formattazione: essere creativi nella stesura del CV significa anche utilizzare una formattazione non standard. Se i requisiti in fatto di CV dell'azienda per la quale ti candidi non sono rigidi, puoi strutturare testo e stili in modo tale da far risaltare le diverse sezioni del tuo curriculum.

  • Font: il primo requisito che il tipo di carattere deve soddisfare è la leggibilità, anche come dimensione. Quella standard oscilla fra i 10 e i 12 punti. Mentre per quanto riguarda lo stile, potrà essere più o meno austero. Un font professionale, come Helvetica o Arial, potrà essere alternato al Trebuchet MS o al Calibri, mentre è consigliato non abusare di font eccessivamente estrosi come il Comic Sans.

  • Colore: secondo alcune scuole di pensiero l'unico colore ammesso nel CV è il nero, ma se l'azienda privilegia l'originalità, potrai combinare il blu, magari nel testo in corsivo, al colore di base: è un modo per evidenziare alcuni passaggi del tuo curriculum. Il rosso, invece, è considerato disturbante e non è apprezzato dagli addetti alla selezione e dai responsabili HR.

Leggi anche: Miglior font per CV: come scegliere il font giusto

Segui questi 3 consigli creativi e pratici per il tuo CV

Ma quali elementi definiscono un CV creativo? Nell'elenco che segue ne abbiamo scelti tre che possono conferire un'impronta distintiva alla tua candidatura.

Foto profilo

La foto profilo è sempre richiesta sul curriculum vitae. Solitamente si tratta di una fotografia formato tessera (6 cm x 6 cm) nella quale è mostrato un primo piano, oppure un mezzo busto del candidato. Per distinguerti, potrei ritrarti in un modo rappresentativo per la posizione aziendale in oggetto.

Suggerimento: poniamo il caso ti stia candidando per il ruolo di venditore nell'azienda Wavewood che produce accessori fotografici. Sotto la foto profilo potresti inserire una didascalia “Foto realizzata con obiettivo fisso da 35 mm, modello Wavewood W21”. Dimostrerai così di conoscere le tecniche fotografiche migliori per il ritratto e – soprattutto – i prodotti dell'azienda a cui stai inviando la tua candidatura.

Leggi anche: Come scegliere la foto perfetta per il tuo curriculum

Logo

Realizzando un marchio personale, da utilizzare non solo sul curriculum vitae ma anche su biglietti da visita e sui profili social, inizierai con il piede giusto nella tua strategia di personal branding. Ti stai proponendo all'azienda come valore aggiunto ed elemento unico: non c'è nulla di meglio che sottolinearlo con un logo creativo ed esemplificativo.

Suggerimento: un monogramma personalizzato che includa le iniziali del tuo nome e cognome è un elemento grafico semplice ma efficace, che aiuterà il responsabile della selezione a memorizzare il tuo nome.

Video CV

È un'integrazione del curriculum cartaceo e serve a stabilire un primo contatto visivo con il recruiter. Con un video CV incuriosirai il tuo interlocutore che, se impressionato, ti concederà un colloquio conoscitivo. Ecco qualche dritta per fare centro:

  • inserisci il link al video nel profilo personale all'interno del CV o nella lettera di presentazione;

  • presentati;

  • non ripetere passivamente le informazioni contenute nel CV;

  • comunica le tue competenze e le tue ambizioni professionali;

  • guarda in camera;

  • non dilungarti troppo (durata massima circa 2 minuti);

  • concludi adeguatamente.

Suggerimento: cerca di sfoggiare una tua competenza. Per esempio, se l'annuncio richiede la padronanza della lingua francese, registra il video direttamente in francese. Oppure, se ti candidi come social media manager per un museo, prova a mostrare come creeresti un post virale per un'opera d'arte presente nella galleria.

Ora che sai come creare un curriculum creativo e fare colpo, dai un'occhiata agli articoli di seguito o alla pagina Guida alla carriera di Indeed per ulteriori consigli su come prepararsi a un colloquio di lavoro.

Articoli correlati:

  • Formato CV: quale modello di curriculum usare?

  • Come fare un curriculum artistico (con esempi)

  • Lavori creativi: ecco i più richiesti e come trovarli

  • Il pensiero creativo nel lavoro: perché è importante e come svilupparlo

  • Capacità e competenze artistiche: come aggiungerle al CV

  • Curriculum vitae in Powerpoint: come crearlo, vantaggi, svantaggi

  • Come lavorare in radio: professioni e competenze

  • Curriculum pasticciere: guida ed esempio

  • Come aggiornare il curriculum vitae

  • Digital soft skills: cosa sono e quali mettere sul CV

  • Come diventare DJ professionista

  • Come scrivere un curriculum vitae personalizzato

  • Come diventare graphic designer

  • Come scrivere un curriculum in spagnolo, con esempio pratico

  • Come fare un curriculum in tedesco: guida ed esempio



Articoli correlati

Come creare un CV infografico e quando usarlo

Esplora altri articoli