CV e lettere di presentazione

Come creare un portfolio digitale o cartaceo

In questo articolo ti spiegheremo in che cosa consiste un portfolio, perché è importante per chi lavora in un settore creativo e come fare per realizzarne uno, in formato sia cartaceo sia digitale, grazie alle diverse piattaforme che offrono questo servizio.

Come creare un portfolio

Ci sono delle professioni per cui presentare il solo CV può non bastare. Parliamo di tutti i lavori che rientrano nella categoria dei lavori creativi, per esempio le professioni che hanno a che fare con il mondo dell'architettura, della fotografia, del coywriting, del giornalismo e così via.

Chi aspira a fare un lavoro del genere dovrebbe sempre presentare – oltre al curriculum vitae – anche un portfolio: questo documento può fare la differenza in fase di selezione e può aiutarti a ottenere l'incarico desiderato o, nel caso di una collaborazione come freelance, a farti aggiudicare l'incarico per un progetto.

Le linee guida

Chi è alla ricerca di un professionista, soprattutto nel settore creativo, è più interessato a vedere nel concreto che cosa una persona sa fare, piuttosto che a leggere l'elenco delle sue competenze su un curriculum vitae. Il portfolio serve proprio a questo: dare un saggio (e un assaggio) delle proprie capacità professionali.

Trattandosi dunque di una sorta di vetrina professionale, l'aspetto grafico ricopre un ruolo fondamentale. Un portfolio spoglio, redatto male o tirato via può insinuare in chi ha il compito di selezionare la persona da assumere il dubbio che questa persona non sia molto in gamba: se non è in grado di mettere in risalto il proprio lavoro, come potrebbe valorizzare quello che gli verrà commissionato da altri?

Sapere come creare un portfolio corretto e non banale non è così scontato, soprattutto se si è da poco nel campo della ricerca del lavoro. Se anche tu hai dei dubbi su come redigere un portfolio vincente non ti preoccupare, ti basterà seguire i pochi ma fondamentali consigli che stiamo per darti.

Come realizzare un portfolio senza commettere errori

Il primo errore da non commettere è credere che il portfolio possa sostituire il CV: questi due documenti non si escludono a vicenda, piuttosto, sono complementari; cura, dunque, la stesura di entrambi. Iniziamo a entrare nel vivo della questione con la definizione di portfolio.

Il portfolio può essere definito come la raccolta strutturata dei lavori svolti in passato. Si compone di fotografie, disegni tecnici o artistici, ma anche di semplici bozzetti.

Se stai cercando lavoro nel campo del copywriting, la raccolta dei materiali prevedrà sia immagini sia testo, se invece sei interessato a trovare un impiego come giornalista dovrai inserire nel tuo portfolio gli articoli più interessanti che hai scritto e le inchieste a cui hai lavorato.

Le fasi da seguire per la creazione del portfolio

Per creare un portfolio dovrai seguire i passaggi che ti elenchiamo di seguito:

  • selezione del materiale
  • scelta del formato
  • impaginazione e stampa

Un buon portfolio non deve presentare troppo materiale: così come per il curriculum vitae, anche in questo caso dovrai fare una selezione e puntare alla creazione di un documento che sia allo stesso tempo conciso ed esaustivo.

Inserisci nella parte iniziale i tuoi dati personali, anche se già presenti nel CV (nome, cognome, e-mail, numero di telefono ed eventuali indirizzi di siti web o profili professionali), Successivamente, inserisci un breve testo in cui ti descrivi dal punto di vista lavorativo e poi un indice degli argomenti, così da agevolare la lettura a chi lo consulterà per valutare il tuo lavoro. Puoi prevedere l'indice sulla prima pagina, oppure in quella successiva (ti suggeriamo questa soluzione per dare al portfolio una struttura più ordinata).

La selezione del materiale

Il primo passaggio da fare prevede la selezione del materiale da inserire nel portfolio. Come abbiamo già detto, è sbagliato includere tutti i lavori svolti in passato (tranne nel caso in cui tu stia lavorando da poco e abbia all'attivo soltanto pochi lavori).

Fa' un'attenta selezione e scegli soltanto i materiali migliori, quelli dai quali emergono le tue capacità. Può essere utile realizzare più di un portfolio e raggruppare in ognuno i lavori inerenti allo stesso campo, così da poter utilizzare l'uno o l'altro in base all'offerta a cui vuoi candidarti.

Se selezionerai con cura i lavori da inserire eviterai che chi legge il tuo portfolio lo sfogli velocemente senza prestare attenzione a nessuno dei materiali presenti, perché troppo numerosi. I lavori all'interno del portfolio possono essere inseriti in ordine cronologico oppure suddivisi per tema; entrambi le soluzioni sono valide, ma ti suggeriamo quest'ultima.

La scelta del formato

Come puoi facilmente immaginare, non esiste un formato standard valido per tutti i settori. Per alcune aree sarà preferibile usare un formato A4 mentre per altre, pensiamo al campo della fotografia, è preferibile il formato A3, perché dà la possibilità di essere sfruttato in orizzontale e quindi di inserire più immagini al suo interno.

Puoi decidere di dare alle cartelle che andranno a comporre il tuo portfolio un aspetto più o meno sobrio, in base ai tuoi gusti personali. La prima pagina, però, dovrebbe essere lasciata sostanzialmente libera e contenere – oltre ai dati personali – pochissimo testo. Per esempio, potresti iniziare con una citazione a te cara o con una massima pronunciata da un ‘maestro' operante nel tuo settore professionale.

L'impaginazione

Indipendentemente dal formato scelto, l'impaginazione del tuo portfolio deve essere professionale. Questo significa che devi prestare attenzione a tutti i dettagli, a cominciare dalla scelta della carta.

Fare un investimento in questa fase ti ripagherà in futuro: rivolgiti a una buona tipografia per realizzare la stampa e l'impaginazione del tuo portfolio e chiedi consigli agli esperti del settore su quale tipo di carta puntare per dare il massimo risalto ai tuoi lavori.

Creare un portfolio online

Nell'era di Internet e dello smartworking non può certo mancare la possibilità di creare un portfolio in formato digitale. Esistono diverse piattaforme dove creare un portfolio digitale, sia gratuitamente sia a pagamento; alcune sono pensate per lavori molto specifici altre, invece, sono più versatili.

Tutte presentano dei pro e dei contro, ovviamente, ma nulla ti vieta di servirti di più di una piattaforma, in base alle tue esigenze. Anche nel caso del portfolio in formato digitale valgono le indicazioni date fino a ora riguardo alla selezione del materiale da inserire e alla scelta del formato.

La scelta della piattaforma

La scelta delle piattaforme tramite cui creare un portfolio online è ampia; abbiamo fatto una selezione di alcune tra le più usate, ma ciò non significa che non ne esistano di altrettanto valide.

  • Adobe
  • Starflyt
  • Format

Adobe

La piattaforma di Adobe – adatta soprattutto a chi lavora nel campo della fotografia – permette di creare gratuitamente e in pochi minuti un sito web personalizzato con Creative Cloud. La prima operazione da fare è scegliere tra le due opzioni proposte: Portfolio completo o Pagina di benvenuto. Selezionando la prima opzione ti sarà data la possibilità di scegliere tra numerosi temi preimpostati che potrai successivamente personalizzare con i tuoi dati e i tuoi lavori.

Si parte da una pagina singola, ma successivamente è possibile aggiungerne delle altre e modificare anche in un secondo momento sia il tema sia i contenuti. Oltre all'opzione gratuita, per una resa più professionale, è possibile scegliere l'abbonamento base da 12,19 € al mese – in cui è compreso l'uso di altri due programmi di fotoritocco: Photoshop e Lightroom – oppure quello da 60,99 € al mese che permette di accedere alla raccolta di tutte le App creative facenti che fanno parte del pacchetto Adobe (tra cui InDesign e Illustrator).

Starflyt

Un'altra piattaforma molto utile ai professionisti che desiderano creare un portfolio online è Starflyt. Tra i servizi più interessanti offerti da questa piattaforma c'è la sua impronta social: una volta registrati, infatti, gli utenti possono scambiarsi messaggi e commenti. Lo scopo è quello di creare una community composta da persone creative.

Straflyt si fa apprezzare anche per la semplicità di utilizzo e, non ultimo, per il fatto di essere completamente gratuita. L'unico limite di questa piattaforma è che le opzioni di personalizzazione grafica non sono moltissime.

Format

La piattaforma Format è pensata per chi lavora nel mondo della fotografia e permette di creare un sito web in pochi minuti, anche a chi non ha molta dimestichezza con i programmi di grafica. I templates a disposizione sono molti e tutti davvero originali, inoltre, è possibile vendere i propri scatti direttamente dallo store online presente sulla stessa piattaforma. Tra i servizi offerti c'è anche la possibilità di richiedere un dominio e un indirizzo e-mail personalizzati.

Format presenta tre piani tariffari di abbonamento: il piano Pro a 12 $ al mese se si sottoscrive il piano annuale e a 16.99 $ se si sceglie la tariffa mensile; il piano Pro Plus al costo di 18 $ al mese per l'annuale e 25.99 $ per il mensile e infine il piano Unlimited, al prezzo di 25 $ al mese per l'iscrizione annuale e 32.99 $ per quella mensile. In tutte le tre opzioni è compresa la creazione di un indirizzo e-mail personalizzato e la possibilità di scaricare una immagini e layouts professionali dal data base della piattaforma.

Articoli correlati:

Articoli correlati

Visualizza altro 

Come scrivere un curriculum da pasticcere (con esempio)

Per un Curriculum da pasticcere unisci esperienza a volontà, condisci con le tue doti, aggiungi un pizzico di ottimismo e mescola energicamente.

Curriculum vitae per operaio: guida ed esempi

Scrivere un CV curato e dettagliato è importante per proporsi sul mercato del lavoro. Ecco alcuni consigli ed esempi per un curriculum vitae da operaio efficace.