CV e lettere di presentazione

Come fare un Curriculum Vitae formato europeo (Europass)

Cos'è il curriculum europeo

Si scrive Europass, si legge curriculum vitae europeo ed è un modello di curriculum standard che è nato con lo scopo di rendere omogenei i formati di curriculum vitae che vengono presentati dai cittadini europei in cerca di un lavoro. Introdotto nel 2002 dall'Unione Europea, si tratta di un modello che permette ai candidati di evidenziare il proprio percorso personale e professionale, specificando capacità, competenze ed esperienze.

Ora che abbiamo spiegato cos'è il curriculum europeo, procediamo insieme per capire la sua struttura e le informazioni che ci permette di inserire. Iniziamo!

Curriculum europeo, modello e struttura

Come abbiamo anticipato, il curriculum vitae europeo presenta una struttura precisa e dettagliata, che permette di inserire i dati le informazioni seguendo una modalità stabilita. La sua struttura schematica e lineare è utile sia per chi vuole semplicemente limitarsi a inserire le informazioni menzionate nel modello, sia per chi preferisce prendere spunto da esso per poi personalizzarlo o ampliarlo. Eccola a seguire:

Informazioni personali

Comincia indicando nome e cognome, data e luogo di nascita, indirizzo di residenza. Non dimenticare i tuoi riferimenti, che saranno necessari per permettere al recruiter di poterti ricontattare per chiederti informazioni e approfondimenti sul curriculum oppure per fissare un colloquio. Numero di telefono e indirizzo e-mail non possono quindi mai mancare, mi raccomando!

Esperienza lavorativa

Ecco l'area nella quale devi indicare tutte le esperienze lavorative che hanno contribuito a creare il tuo percorso professionale. Specifica nel dettaglio le mansioni che hai ricoperto, le responsabilità che hai avuto e i risultati che hai ottenuto. Per quanto riguarda l'ordine, ricorda di partire dalla più recente per arrivare alla meno recente, indicando anche la data di inizio e di fine.

Istruzione e formazione

In questa sezione dovrai indicare tutte le informazioni sugli studi che hai svolto e sui corsi che hai frequentato, inserendo tutte quelle esperienze formative che ritieni possano risultare interessanti per chi andrà a leggere il tuo curriculum. Anche in questo caso, l'ordine che dovrai seguire è dalla più alla meno recente.

Competenze linguistiche

Scritto, parlato e comprensione; per ogni lingua che conosci dovrai indicare il tuo livello. Se hai qualche certificato che attesti la tua preparazione o se hai trascorso dei periodi all'estero, questa è la sezione nella quale inserirli per far emergere il tuo curriculum rispetto a quello di altri candidati.

Competenze informatiche

Nella sezione riguardante le competenze informatiche, partendo da Office, indica se ci sono dei programmi o dei linguaggi di programmazione che conosci e con i quali puoi lavorare. In particolare, se ti candidi per una posizione in un'azienda del settore della tecnologia, saper utilizzare dei programmi informatici specifici per il tuo lavoro è una competenza che ti aiuterà ad avere successo nella tua ricerca.

Capacità e competenze relazionali

Questa è la sezione nella quale puoi indicare tutte quelle competenze che ti permettono di interagire bene con i colleghi e contribuire a creare un ambiente positivo e solidale. Queste abilità fanno parte delle cosiddette soft skills e hanno un impatto positivo sulle tue performance professionali. Tra le capacità e competenze relazionali possiamo per esempio citare l'empatia, la capacità di ascoltare e di dialogare in modo costruttivo, e così via.

Capacità e competenze organizzative

Ti sei mai occupato di gestire un team, organizzando il lavoro di altre persone? Ecco, questa è la sezione nella quale puoi indicarlo, spiegando il tuo compito e il tuo ruolo.

Capacità e competenze tecniche

In questa sezione tutti coloro che svolgono un lavoro che richiede particolari capacità tecniche possono indicare il dettaglio delle proprie competenze. Se possibile, è utile citare eventuali diplomi, attestati o certificazioni.

Capacità e competenze artistiche

Questa sezione è importante per tutti coloro che si stanno candidando per una posizione nella quale sono necessarie particolari capacità artistiche; parliamo per esempio di coloro che lavorano nello spettacolo o nell'arte. Tuttavia, non è solo questo il caso; l'arte, come qualsiasi altra attività di svago, può essere un interesse comune, condiviso da chi legge il tuo cv. Se le cose stanno così, il recruiter si sentirà più vicino al tuo profilo e sarà più propenso a sceglierti in caso di indecisione con un altro candidato simile a te.

Patente, o patenti

Questo è un dettaglio importante nel caso in cui si voglia partecipare a una selezione per un impiego che rende necessario guidare un mezzo o spostarsi: pensiamo chiaramente agli autisti, ma anche, per esempio, ai venditori, che si devono spostare per raggiungere i clienti presentando loro i prodotti.

Allegati

Diplomi di laurea, certificati di corsi frequentati o di qualifiche ottenute, referenze di un precedente datore di lavoro; se li vuoi inserire nel tuo curriculum europeo, la sezione giusta è questa.

Eccoci quindi alla fine di questa rassegna che ci ha mostrato le informazioni da inserire nel curriculum europeo. A questo punto, un consiglio che vogliamo darti è di compilare ciascuna sezione con cura e precisione, per semplificare il lavoro al recruiter e aumentare le possibilità che giudichi positivamente la tua candidatura. Prenditi tutto il tempo che ti serve per rileggerlo ed eliminare qualsiasi errore.

La lettera di presentazione

La lettera di presentazione è un documento in cui spieghi sinteticamente chi sei, quali sono i tuoi punti di forza, le competenze che ritieni possano permetterti di distinguerti, il contributo positivo che potresti dare se venissi assunto nella posizione per la quale ti stai candidando e così via. Se lo desideri, puoi scriverla per accompagnarla all'invio del tuo cv. Ricorda però che le informazioni dettagliate sono contenute nel curriculum; la lettera di presentazione deve quindi essere breve e d'impatto, basata sui requisiti necessari per il ruolo.

Detto questo, resta solo una cosa da capire: il curriculum europeo rappresenta lo strumento perfetto per tutti o ci sono dei candidati che dovrebbero valutare un modello di curriculum differente? Continua a leggere per scoprirlo!

Per chi è perfetto il curriculum europeo?

Ci sono alcune categorie per le quali il curriculum europeo, con la sua struttura semplice e lineare, è lo strumento perfetto per proporsi. Eccole di seguito:

  • Per chi sta valutando la possibilità di cercare lavoro all'estero, all'interno di uno stato dell'Unione Europea, il curriculum europeo è assolutamente la soluzione perfetta.
  • Per chi si sta affacciando al mondo del lavoro.
  • Per chi ha alle spalle un percorso professionale lineare e continuativo, che non presenta periodi di inattività.

    Procediamo vedendo invece chi dovrebbe utilizzare un modello diverso.

Chi farebbe meglio a optare per un curriculum diverso?

Ci sono delle situazioni nelle quali il curriculum europeo non rappresenta lo strumento migliore per valorizzare il percorso professionale del candidato. Vediamo insieme quali sono:

  • I candidati che hanno alle spalle un'esperienza professionale lunga e strutturata potrebbero faticare a condensare e incasellare la propria carriera all'interno della struttura del curriculum europeo, e dunque nelle due pagine massime consigliate per un cv di questo tipo.
  • Chi ha il desiderio e la necessità di personalizzare il proprio curriculum potrebbe trovarsi in difficoltà ad adattarsi a una struttura che presenta una forte schematicità; pensiamo per esempio a un creativo, che vorrebbe riuscire a rendere evidente il proprio estro sin dalle prime fasi di selezione.
  • Coloro che vorrebbero valorizzare la specificità del proprio percorso, delle competenze acquisite, dei risultati raggiunti e dei traguardi superati potrebbero fare fatica a trovare la giusta collocazione.

A questo punto, saprai sicuramente decidere se nel tuo caso è meglio usare Europass oppure un altro formato.

Ulteriori suggerimenti

Prima di concludere vogliamo darti qualche altro suggerimento per permetterti di ottimizzare il tuo curriculum europeo e rendere davvero efficace la tua candidatura.

Selezionare le esperienze

Ti consigliamo appunto di scegliere i lavori che hai svolto e che ritieni possano risultare più utili per la posizione per la quale ti stai candidando. Questo discorso è valido se lavori da tempo e hai maturato numerose esperienze. Se sei alle prime armi, non preoccuparti, puoi inserire tranquillamente i corsi, gli stage, i tirocini e tutto ciò che hai fatto finora. Il recruiter saprà senz'altro apprezzare il tuo impegno.

Dare un tocco di personalità

Ti consigliamo di sfruttare tutti gli spazi che ti permettono di raccontarti e svelare qualche lato di te, senza limitarti solo a elencare il tuo bagaglio accademico e professionale.

Leggibilità e chiarezza

Seguendo la linearità della struttura, rispetta gli spazi e scrivi nelle sezioni opportune. Inoltre, presta attenzione alla stesura. Dedica tutto il tempo che ti serve per scrivere bene il testo e assicurati che sia chiaro e leggibile.

Evitare gli errori

Non dimenticare di rileggere più volte il tuo curriculum per rimuovere eventuali errori o refusi. Anche se non sono gravi, potrebbero far sembrare la tua candidatura frettolosa.

Bene, ora che sai come sfruttare al meglio il modello del curriculum europeo, non devi fare altro che compilarlo e cominciare a cercare il lavoro che hai sempre sognato!

Articoli correlati:

Articoli correlati

Visualizza altro 

CV studente universitario: i nostri consigli

Come fare un curriculum vitae per studente universitario, con o senza esperienza lavorativa? Ecco alcuni consigli su come scrivere un CV universitario efficace.

Come scrivere una lettera di presentazione per addetta o addetto alle vendite senza esperienza

Se intendi candidarti a un ruolo di addetta o addetto alle vendite senza esperienza, scopri come scrivere una lettera di presentazione convincente.