Curriculum responsabile di produzione: guida ed esempio

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 22 settembre 2022 | Pubblicato in data 11 novembre 2021

Aggiornato in data 22 settembre 2022

Pubblicato in data 11 novembre 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Il responsabile di produzione, detto anche production manager, è una figura tra le più importanti all'interno di un contesto aziendale ed è il responsabile dell'intero andamento produttivo dell'impresa. Ma come scrivere il curriculum del responsabile di produzione?

In questo articolo, ti offriamo una piccola guida alle competenze e ai requisiti di questa professione e alla compilazione del CV di un professionista che pianifica, controlla e coordina l'attività produttiva delle industrie, stabilimenti e impianti produttivi.

Mansioni del responsabile di produzione

Le mansioni del responsabile di produzione sono molteplici e tutte indirizzate verso il miglioramento dell'impresa per cui lavora. Il suo è un ruolo pratico, poiché supervisiona, monitora e dirige ciò che accade nei reparti legati alla produzione e alla logistica, ma anche teorico, in quanto stabilisce il programma e il calendario delle attività dei diversi comparti e prepara le strategie produttive che verranno successivamente presentate al direttivo per l'approvazione finale.

Il product manager ha funzioni che spaziano nei vari reparti dell'azienda. Vediamo nel dettaglio di cosa si occupa:

  • Definisce e dirige le diverse fasi della produzione aziendale valutando i tempi, i criteri, le procedure e le risorse da utilizzare, grazie a una visione d'insieme di tutti i reparti legati alla produzione e alla logistica, e ha un ruolo attivo nelle decisioni del consiglio di amministrazione, in particolare in quelle che definiscono gli obiettivi aziendali. Si occupa del coordinamento dei reparti del settore produttivo, organizza e suddivide il lavoro delle risorse impiegate e ne amministra i costi.

  • Coordina le attività logistiche e di rifornimento delle scorte di magazzino richiedendo l'assortimento necessario al responsabile degli acquisti.

  • Controlla tutti gli aspetti relativi alla catena di produzione occupandosi della pianificazione delle scorte, della gestione del magazzino, dell'approvvigionamento dei materiali e dell'ottimizzazione dei flussi di produzione nel pieno rispetto dei preventivi di bilancio. Per evitare flessioni degli utili aziendali, in ogni settore devono essere monitorati tutti quei fattori che garantiscono la quantità dei prodotti, la qualità delle materie prime e le tempistiche. Gli ambiti d'interesse riguardano prodotti di varie tipologie nel settore automobilistico, tessile, meccanico, tecnologico ed elettronico, prodotti chimici e materie plastiche.

  • Pianifica la produzione in base alla gestione delle risorse umane e alle relative posizioni contrattuali.

  • Gestisce le risorse umane dell'impianto produttivo, il che comporta l'assunzione di nuovo personale, qualora fosse necessario ampliare l'organico, e assicura loro una corretta formazione, assegna compiti e mansioni, distribuisce in maniera oculata le risorse del personale per incrementare la produzione, monitora e valuta la produttività dei lavoratori per individuare margini di miglioramento nelle diverse aree.

  • Decide quali strumenti e strategie adottare per aumentare la produttività attraverso gli straordinari o con l'assegnazione di bonus per il raggiungimento di specifici obiettivi. Un altro compito del production manager è verificare che tutti i lavoratori conoscano e rispettino le normative sulla sicurezza e sull'uso dei dispositivi di protezione individuali.

  • Provvede all'aggiornamento delle fasi produttive in considerazione di ogni progressivo stato di avanzamento con particolare attenzione ai fondi disponibili.

  • Elabora strategie mirate all'ottimizzazione dei profitti e gestisce il budget a disposizione.

  • Verifica i livelli di produzione, esegue analisi per identificare le cause di eventuali flessioni e mette in essere strategie volte alla risoluzione dei problemi.

  • Osserva tutti i parametri relativi alla produzione, chiamati KPI o indicatori di performance, i cui risultati vengono analizzati assieme al management. Inoltre, deve assicurarsi che vengano raggiunti gli obiettivi di produzione.

  • Garantisce la qualità del prodotto finale e il rispetto delle procedure di lavorazione previste e interagisce con le aree dirigenziali amministrative.

La visione complessiva in quanto responsabile di produzione comporta anche un ruolo tecnico coadiuvato dall'uso di software legati all'attività produttiva che amplia ulteriormente la conoscenza dei macchinari. Il production manager è anche responsabile degli interventi in caso di guasti o malfunzionamenti e della verifica del rispetto del corretto utilizzo. Collabora con i responsabili dei diversi settori dell'impresa attraverso un costante confronto con la direzione, l'area sviluppo e acquisti e marketing. Si interfaccia inoltre con i responsabili di controllo di gestione, sulle procedure adottate per la produzione, e con i controllori della qualità, per eventuali problemi tecnici sul funzionamento dei prodotti, e infine con i responsabili di stabilimento, con i capi reparto e i capi turno.

Il production manager ha sotto il suo diretto controllo ogni aspetto dell'azienda per garantire sempre la piena operatività dello stabilimento produttivo e il suo allineamento con gli obiettivi globali dell'azienda. È opportuno acquisire competenze anche in merito alle procedure di lavorazione delle merci e agli standard qualitativi richiesti (norme sulla certificazione di qualità). È utile saper lavorare con precisione, in squadra e in autonomia.

Leggi anche: Cosa fa il responsabile di produzione: ruolo e mansioni

Formazione del responsabile di produzione

Un responsabile di produzione è una figura molto richiesta in aziende manifatturiere che producono beni di ogni tipo, come accennato sopra, e ricopre un ruolo di enorme responsabilità dal quale dipende l'andamento dell'impresa. È indispensabile quindi un titolo di studio per essere in grado di gestire la molteplicità di mansioni. La laurea necessaria per svolgere questa professione è quella in Ingegneria, alla quale dovrà successivamente seguire il conseguimento di un master, per esempio quello in management aziendale, con un indirizzo che contribuisca alla formazione di una figura così poliedrica. Anche le lauree in Economia e Gestione d'impresa o Tecnologie Alimentari consentono una preparazione appropriata per intraprendere questa professione.

Tuttavia, in alcuni casi può essere sufficiente un diploma con indirizzo tecnico e anche esordendo come operaio semplice o come assistente del responsabile in carica si può ambire a fare carriera dopo aver frequentato dei corsi di specializzazione e aver maturato anni di esperienza in azienda. Oltre a possedere un titolo di studio, il responsabile di produzione deve possedere delle doti innate che unite ad abilità e competenze amplificheranno le qualità di leader, la capacità di risolvere i problemi e gestire ogni comparto dell'azienda.

I responsabili di produzione svolgono il loro lavoro in ufficio, ma spesso sono richiesti i loro interventi direttamente negli stabilimenti per supervisionare le linee di produzione. A volte è richiesta la presenza fuori sede e sono necessarie quindi delle trasferte, per incontrare dirigenti, clienti e fornitori e per verificare l'andamento del lavoro in più impianti diversi quando le varie fasi di produzione sono dislocate in più stabilimenti. La gavetta, gli anni di pratica e un'adeguata preparazione sono sicuramente gli elementi fondamentali per ambire a una posizione di prestigio in questa professione.

Il responsabile di produzione è uno degli anelli più importanti di un'azienda: la sua funzione di coordinatore fa da collante tra i reparti per ottimizzare al massimo i settori che si interfacciano per la produzione di un articolo. Lo studio e l'attuazione di piani strategici ad hoc possono aumentare il piano di redditività di un'azienda leader in un determinato settore o nella produzione di un determinato articolo. Il production manager è una figura versatile, perché deve svolgere una serie di compiti a lui assegnati che riguardano settori d'interesse tra loro molto distanti. È l'unica figura in azienda che ha una visione complessiva di ciò che accade al suo interno e che quindi è in grado di supervisionare e intervenire dove si ritenga necessario.

Il curriculum del responsabile di produzione

Per una figura così complessa, la scrittura del curriculum deve essere eseguita con estrema attenzione. Trattandosi un elenco schematico e sintetico delle proprie esperienze, il curriculum vitae diventa in questo caso uno strumento da gestire in modo ottimale. Secondo lo schema classico del curriculum, si inizia con i dati personali e di contatto. In questa sezione è meglio inserire anche il proprio ruolo di production manager.

Titoli di studio

Come detto, non esiste un titolo di studio necessario per poter ricoprire il ruolo di production manager; pertanto, è bene valutare la scelta di questa sezione.

Nel caso di una lunga esperienza non supportata da titoli di studio, e quindi di un ruolo ricoperto grazie a una lunga permanenza in azienda e una conoscenza pratica dei processi produttivi e successivi avanzamenti di carriera, è meglio mettere questa sezione dopo l'esperienza lavorativa, in modo da catturare l'attenzione del recruiter con le nostre competenze.

Nel caso invece di titoli universitari e di eventuali master o corsi di specializzazione, si inizia con il titolo di studio più recente, indicando ente, data, votazione e titolo conseguito con intera dicitura (ad esempio: Università di Bologna, Laurea magistrale in Economia e Gestione d'impresa, anno: 2015. Voto 110/110).

Esperienze lavorative

Anche in questo caso, è bene essere precisi e iniziare con l'esperienza lavorativa più recente andando a ritroso. I dati da inserire sono:

Nome aziendaSettore merceologico
Ruolo ricoperto
Anno di inizio e anno di termine del rapporto lavorativo
Tipo di contratto (tempo indeterminato, part-time, consulenza esterna)
Eventuali progetti a cui si è lavorato

Se hai lavorato in un'unica azienda in cui hai ottenuto l'esperienza necessaria per ricoprire il ruolo di production manager, è importante suddividere la sezione delle esperienze lavorative in sottosezioni, ognuna indicante il ruolo ricoperto e il periodo, specificando gli eventuali obiettivi raggiunti, laddove possibile.

Questa sezione può essere scritta prima dei titoli di studio laddove prevalga una forte esperienza lavorativa rispetto ai titoli di studio. Nel caso invece di una esperienza lavorativa breve e di titoli di studio importanti, è meglio inserire prima i titoli di studio e successivamente le esperienze lavorative.

Competenze tecniche, informatiche, linguistiche e doti personali

Il production manager possiede competenze tecniche specifiche per ogni settore merceologico, pertanto è opportuno elencarle in modo chiaro per poter essere identificati al meglio come figura professionale idonea per l'impiego presso l'azienda alla quale si invia il CV. Successivamente si devono elencare le competenze informatiche e poi quelle linguistiche, importanti in ambienti in cui sono frequenti i rapporti commerciali con l'estero.
Infine, ma non meno importanti, si elencano le doti personali.

Il ruolo di production manager, per la sua posizione di controllo su diversi reparti e quindi le relazioni lavorative con molteplici figure professionali, clienti e fornitori, deve essere una persona in grado di gestire un team, quindi avere capacità di leadership e predisposizione alla collaborazione in un team; deve essere disponibile a fare viaggi di lavoro e a frequentare corsi di aggiornamento. È importante offrire un'immagine di sé che rispecchi i requisiti di questa professione.

Modello di curriculum del responsabile di produzione

Dati personali
Nome:
Cognome:
Indirizzo:
Tel.
E-mail:
Production manager

Istruzione
2010 Master in Management aziendale
Università di…
2008 Laurea Magistrale in Economia Aziendale
Università di…
Votazione
2003 Diploma di maturità in Ragioneria
Istituto….
Votazione:…

Esperienza lavorativa
2015 – oggi
Responsabile di prodotto
Wavewood - Località
Mansioni:

  • Creazione prodotti ergonomici per ufficio

  • Ricerche di mercato, interviste a professionisti del settore

  • Rilevazione esigenze, tendenze e prospettive del mercato di riferimento

  • Coordinamento campagna marketing

2011 – 2015
Responsabile di prodotto
Wavewood 2 - Località
Mansioni:

  • Creazione strumenti software per aziende

  • Ricerche di mercato, interviste a professionisti del settore

  • Rilevazione esigenze, tendenze e prospettive del mercato di riferimento

  • Assistente campagna marketing

2010
Stage
Wavewood 3 – Località
Assistente del responsabile di prodotto

Corsi di formazione
2014 – Corso inglese livello intermedio presso… 60 ore

Competenze

  • Definizione fasi e tempi della produzione

  • Coordinamento rifornimento magazzino e distribuzione

  • Verifica processo produttivo

  • Ricerca di mercato e analisi dei dati, elaborazione e redazione programmi di produzione

  • Gestione personale

  • Creazione campagne marketing mirate

  • Attenzione ai dettagli

  • Gestione flusso produttivo

  • Conoscenza principali software per raccolta, elaborazione, analisi e confronto dati

  • Conoscenza utilizzo computer e software per presentazioni.

Competenze linguistiche
Inglese: livello avanzato scritto e parlato
Tedesco: livello avanzato scritto e parlato
Francese: livello intermedio scritto e parlato

Consigli aggiuntivi

Ti potrà essere utile consultare anche la guida su come inserire le esperienze lavorative e le competenze tecniche.

Si prega di notare che nessuna delle aziende menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Il modello è riportato solo a scopo illustrativo. Potrebbero essere necessarie ulteriori formattazioni per soddisfare gli standard.

Articoli correlati:

  • Formato CV: quale modello di Curriculum usare?

  • Curriculum del Product Manager: consigli ed esempio


Articoli correlati

Come inserire le proprie esperienze lavorative nel CV

Esplora altri articoli