Come scrivere un CV da avvocato

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 24 settembre 2022 | Pubblicato in data 3 gennaio 2022

Aggiornato in data 24 settembre 2022

Pubblicato in data 3 gennaio 2022

La redazione editoriale di Indeed è un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore e si avvale dei dati e degli strumenti di analisi di Indeed per fornire consigli utili a guidare il tuo percorso lavorativo.

Sapevi che in Italia ci sono circa quattro avvocati ogni mille abitanti? Con una concorrenza così alta, preparare un curriculum vitae da avvocato che sappia distinguersi è la prima cosa da fare dopo la laurea. Ma cosa significa "un curriculum che sappia distinguersi"? Usare una buona formattazione e avere una buona padronanza della lingua scritta è sicuramente un primo passo, ma non è sufficiente. Per catturare l'attenzione dei recruiter e trattenerla fino alla fine, devi pianificare strategicamente la distribuzione del testo e i contenuti. In questo articolo spiegheremo quali informazioni inserire in un curriculum da avvocato e ti daremo alcuni consigli per redigerlo in modo efficace.

Leggi anche: Strategie ed esempi di curriculum ben fatti

Che caratteristiche deve avere un buon curriculum vitae da avvocato

Prima di iniziare a scrivere, ci sono alcuni punti che dovresti tenere in considerazione per pianificare al meglio la stesura del tuo curriculum. Forse non lo sai ma i recruiter impiegano meno di dieci secondi per valutare un CV e decidere se quel profilo è adatto al ruolo vacante. Proprio come per le tue azioni legali, anche per scrivere il curriculum da avvocato dovrai sfoderare le tue migliori abilità persuasive.

Un buon curriculum vitae da avvocato deve essere:

  • Conciso: sappiamo che le parole sono il tuo punto di forza ma qui non siamo in tribunale e non c'è spazio per lunghe dissertazioni. Raggruppa le idee ed evidenzia solo gli elementi più importanti.

  • Personalizzato: inviare un curriculum sterile e non mirato alle richieste dell'annuncio a cui stai rispondendo equivale a condannare a morte la tua candidatura. Scopri cosa cerca l'azienda e adatta il curriculum in modo che quegli aspetti siano messi in evidenza.

  • Sobrio: sebbene i modelli di curriculum creativo siano più accattivanti, il mondo degli avvocati non sembra essere troppo aperto a tali innovazioni. Usa un formato semplice e classico. Evita grafici, colori e font eccentrici.

  • Accessibile: anche in questo caso, metti da parte paroloni e frasi complesse per il tribunale. L'obiettivo del curriculum è comunicare in modo chiaro e semplice le informazioni che ti riguardano. Usa frasi brevi e termini di facile comprensione.

10 consigli per scrivere un buon curriculum vitae da avvocato

Siamo giunti alla parte più importante di questo articolo, quella in cui vogliamo aiutarti a strutturare il curriculum in modo tale da farti notare. Ricorda che un curriculum da avvocato non serve solo per trovare un primo impiego, anzi: a meno che tu non decida di aprire un tuo studio e farti conoscere tramite un sito web o altri mezzi pubblicitari, dovrai sempre mantenere aggiornato il curriculum per poterti candidare a posizioni migliori. Davanti a te hai una carriera lunga e in continua evoluzione. Usa questa guida per scrivere il tuo primo curriculum vitae da avvocato, ma ricorda i nostri consigli anche in futuro, perché potranno tornarti utili per risalire la scala del successo.

Leggi anche: Come diventare avvocato

1. Scegli il modello del tuo curriculum

In quanto avvocato sai che fare una prima buona impressione è cruciale, per questo il tuo abbigliamento deve essere sempre inappuntabile. Il curriculum da avvocato riflette la tua persona, pertanto devi fare in modo che anche il suo look sia ordinato, elegante e dall'aria formale. Andresti mai a lavorare in tuta? Inviare un curriculum disorganizzato, non aggiornato e confuso dà di te la stessa immagine.

Non pensare che a contare siano solo le informazioni in esso contenute: se sono presentate male, in pochi vorranno soffermarsi a leggerle. Scegli un modello semplice, ben suddiviso, in cui i contenuti siano riconoscibili al primo sguardo. Ricorda che non devi scrivere qualcosa che piace a te, devi scrivere tenendo in mente la persona che legge.

Leggi anche: Formato CV: quale modello di Curriculum usare?

2. Inserisci una presentazione breve

Subito dopo i tuoi dati personali (nome, cognome, indirizzo e recapiti), ti consigliamo di inserire tre o quattro righe di presentazione. Usa le tue abilità di narrazione per raccontare chi sei come avvocato e quali sono i tuoi obiettivi. In questo piccolo paragrafo i recruiter devono poter capire in che modo daresti valore all'azienda e perché dovrebbero investire su di te. Se possibile, usa dati concreti come il numero delle cause vinte o altri traguardi che hai saputo conquistare.

Leggi anche: Come scrivere una lettera di presentazione per avvocato (con esempio)

3. Esibisci le tue competenze

Questa sezione può essere costituita da una semplice lista o puoi trasformarla in un'opportunità per creare un quadro preciso di alcune tue qualità. Ogni elemento che scegli di includere è importante, quindi identifica con cura le competenze con cui venderti. Per farlo, devi pensare che chi ti assume sta cercando un mix di doti interpersonali e abilità professionali, meglio ancora se perfettamente bilanciate fra loro.

Alcune delle competenze più ricercate in ambito legale, sono:

  • Capacità di mediazione e negoziazione

  • Attitudine allo stress

  • Abilità di problem solving

  • Pensiero critico

  • Ottima comunicazione scritta e orale

  • Persuasione

Inoltre, sono molto apprezzate anche l'assertività, la conoscenza di una lingua straniera e una buona dimestichezza con i sistemi informatici.

Leggi anche: Competenze da inserire nel CV – L’approccio perfetto

4. Usa verbi attivi e dati

Questa regola vale per tutto il curriculum ma in particolar modo per quelle frasi brevi contenute negli elenchi puntati (che nel curriculum devono abbondare). Usa verbi di azione quando parli di esperienze lavorative pregresse, competenze o traguardi: comunicheranno che sei una persona proattiva. Inoltre, alcune aziende utilizzano software che filtrano i curriculum con determinate parole chiave, quindi è fondamentale cercare di usare gli stessi verbi o aggettivi contenuti nella descrizione dell'offerta di lavoro.

Alcuni esempi di verbi di azione sono:

  • Definire

  • Sviluppare

  • Negoziare

  • Consigliare

  • Migliorare

  • Ricercare

  • Assicurare

  • Monitorare

  • Creare

  • Ottimizzare

  • Generare

  • Coordinare

  • Raggiungere

Oltre a usare i verbi di azione, ti consigliamo di supportare le tue affermazioni con dei dati, quando possibile. Numeri, percentuali ed esempi pratici danno solidità al tuo curriculum e permetteranno a chi legge di avere un'idea più concreta di te come professionista.

5. Aggiungi solo istruzione ed esperienze rilevanti

In un curriculum vitae da avvocato dovrebbero esserci solo informazioni inerenti alla tua professione, quindi nelle sezioni dedicate a istruzione ed esperienze pregresse dovresti limitarti a elencare le informazioni pertinenti all'ambito legale. Se non hai ancora lavorato come avvocato, evidenzia i tuoi punti di forza. Per intenderci, se durante gli studi hai lavorato in un bar, meglio non includerla nell'elenco. Se però hai svolto un tirocinio in un'azienda, hai lavorato anche solo per poco tempo in un ufficio o hai fatto volontariato, scrivi quali erano le tue responsabilità usando verbi di azione e metti in luce le tue skills.

Ad esempio:

Settembre 2019 – Giugno 2020: addetto al front-office per (nome azienda).

Responsabilità:

  • Gestire in modo autonomo le attività di cassa dell'ufficio

  • Organizzare in modo puntuale le telefonate da e verso i clienti ed eventuale risoluzione dei problemi legati agli ordini

  • Coordinare ingresso e uscita dei corrieri

Verbi come "gestire", "organizzare" e "coordinare" ti descrivono come una persona capace e assertiva, mentre "autonomo" e "risoluzione dei problemi" sottolineano due delle tue soft skills più importanti.

6. Dai valore ai tuoi traguardi

Attestati di merito, risultati particolarmente meritevoli, votazioni alte, lodi, premi e promozioni: se nella vita hai avuto modo di distinguerti in qualcosa, scrivilo sul curriculum. Dai ai recruiter l'opportunità di cogliere il tuo valore unico, di sapere che sei una persona vincente, anche se quei traguardi non sono strettamente collegati alla professione.

Leggi anche: Come inserire i traguardi professionali e accademici nel Curriculum Vitae

7. Non trascurare le competenze tecniche, soprattutto IT

In qualsiasi azienda oggi si fa ampio uso della tecnologia. Certo, nessuno pretende che tu sia abile come un programmatore, ma ai recruiter piace assumere persone in grado di svolgere già da subito il proprio lavoro. Saper usare un computer e magari conoscere già alcuni programmi comuni nel settore in cui opera la tua azienda ti darà una marcia in più rispetto agli altri candidati.

Includi solo ciò che sai fare, senza esagerare. Ricorda che in fase di colloquio ti sarà chiesto di dimostrare le tue competenze tecniche. Mentire è assolutamente da evitare.

8. Evita informazioni troppo personali

In un curriculum ci sono molti punti in cui potresti commettere l'errore di rivelare informazioni troppo personali. Ad esempio, se il documento risulta un po' troppo scarno, potresti aggiungere la sezione "Hobby e interessi", ma evita di inserire voci che potrebbero scontrarsi con i principi personali e morali dell'azienda o di chi legge.

Aspetti troppo personali da evitare sono, ad esempio:

  • Stato civile (salvo ove espressamente richiesto)

  • Credo religioso

  • Appartenenza a club politici

  • Affiliazioni estremiste (ad esempio tifoserie sportive o associazioni sovversive)

  • Supporto a gruppi o cause delicate (ad esempio razzismo, orientamento sessuale e antivaccinismo)

Sono da evitare anche indirizzi e-mail non professionali, siti web o pagine profilo di carattere personale e la menzione di esperienze di vita (ad esempio un anno sabbatico, vacanze o scelte personali non inerenti al lavoro). Se scegli di aggiungere una foto, assicurati che sia professionale: un mezzobusto a sfondo neutro con abbigliamento formale o semi-formale.

9. Rifletti i valori dell'azienda

Mentre scrivi il tuo curriculum da avvocato, cerca di usare parole che riflettano l'azienda per cui vorresti lavorare. Come si fa? Connettiti al sito e alle pagine social ufficiali, studia la comunicazione che usa, il tono di voce, cerca di capire che tipo di valori riflette e allineati di conseguenza. Come dicevamo all'inizio dell'articolo, un buon curriculum deve essere personalizzato. Puoi mantenere la struttura di un curriculum classica ma, prima di inviarlo, apporta modifiche per riflettere lo stile dell'azienda ed eventuali requisiti necessari a ricoprire quel ruolo.

10. Rileggi e correggi

Scrivendo il curriculum vitae da avvocato ti troverai a cancellare e cambiare moltissime parti più di una volta. Prima di stamparlo o inviarlo, assicurati di fare una rilettura approfondita e di usare il correttore ortografico. Un piccolo trucco utilizzato da chi scrive di professione è rileggere ad alta voce quanto scritto. Questo è il modo più efficace per verificare, con le tue stesse orecchie, se il testo è scritto in modo fluente, grammaticalmente corretto, di facile comprensione e ben espresso.

Si prega di notare che nessuna delle aziende, istituzioni od organizzazioni menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Quanto guadagna un avvocato in Italia?

  • Come diventare avvocato penalista


Articoli correlati

Come scrivere un CV, consigli e esempi di Curriculum Vitae

Esplora altri articoli