CV per Brand Manager: consigli ed esempio

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 11 novembre 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

La scelta di un prodotto da acquistare passa solitamente al vaglio di un esame accurato, durante il quale ci si trova davanti all'eterno compromesso tra qualità, prezzo e immagine. Vediamo come si componene il CV del Brand manager, ovvero la figura che gioca un ruolo fondamentale e che permette lo sviluppo, la commercializzazione e il successo di nuovi prodotti.

Definizione di brand manager

Brand è una parola che indica il marchio di un prodotto ed è entrata nell'italiano corrente dagli anni Ottanta del secolo scorso diffondendosi nel linguaggio della pubblicità e dell'economia. Il ruolo della marca non si limita oggi a identificare un prodotto, ma deve evocare un mondo di valori e comportamenti ai quali il consumatore ambisce (Devoto Oli). Da questa parola derivano altri termini e locuzioni che fanno parte dell'ambito commerciale, come brandizzare e brandizzazione, e in particolare, Brand Manager ossia il responsabile del marchio.
In qualsiasi tipologia di azienda la figura del Brand Manager è indispensabile, infatti ha la responsabilità di sviluppare ed implementare i progetti di marketing mirati alla crescita dell'immagine di un prodotto o di una linea di prodotti di una specifica marca. Il mercato è saturo di prodotti provenienti da migliaia di aziende e la concorrenza ha reso necessario delineare con precisione un certo target per aumentare il valore dell'azienda stessa e dei suoi prodotti e utilizzare una serie di tecniche e strategie che consentano di raggiungere questo obiettivo.

Di cosa si occupa il brand manager

L'obiettivo del brand manager è quello di far crescere il brand di cui è responsabile attraverso l'ideazione, lo sviluppo e l'implementazione di progetti di marketing in senso economico, strategico ed operativo. Il suo compito è quello di valorizzare l'immagine del brand o marchio, per aumentare le vendite e assicurare la fedeltà a lungo termine dei clienti. Nello specifico le principali mansioni del brand manager sono:

  • Lanciare e sviluppare i prodotti che gli vengono affidati e far in modo che siano facilmente commerciabili.

  • Il primo passo consiste nell'effettuare accurate e specifiche analisi di mercato dal punto di vista quantitativo e qualitativo, con lo scopo di individuare ed evidenziare i punti di forza del prodotto, minimizzare i punti a favore dei competitors presenti e cercando di emularli, ma sempre in chiave originale, differenziando un prodotto o un servizio e tentando di soddisfare le preferenze e le abitudini di acquisto dei consumatori relativamente a quella fascia di prodotti simili della concorrenza.

  • Inoltre, il brand manager riflette anche sul futuro: analizzando il mercato cerca di capire quali saranno le strade che prenderà e quali saranno le nuove esigenze ancora inespresse dei consumatori, così da potere battere sul tempo le aziende concorrenti. Così facendo persegue due obiettivi: aumentare il fatturato dell'azienda per la quale lavora e fissare nella mente dei consumatori un certo brand, spingendoli a ripetere l'acquisto in futuro fidandosi prevalentemente della notorietà che il marchio si è conquistato nel tempo.

Definizione del piano di marketing

Si occupa dell'ideazione di nuove strategie di sviluppo della marca a lungo termine e definisce il marketing plan (obiettivi, priorità) per il brand assegnato, allineandosi agli obiettivi di business aziendali.
Organizza le pianificazioni di una strategia di promozione che possa portare dei risultati sia nel breve che nel lungo termine e fornisce le linee guida per l'implementazione del piano stesso.

In qualità di Brand Specialist definisce la brand identity del marchio legata a rappresentazioni ed elementi distintivi della marca. Cura l'immagine del prodotto - la presentazione, la creazione di un logo accattivante, la confezione (packaging) - e la messa a punto di una campagna pubblicitaria convincente individuando il tipo di linguaggio da utilizzare in riferimento al target, la gestione del digital branding, le pubbliche relazioni, la promozione del marchio nei punti vendita in collaborazione sia con i colleghi del reparto marketing sia con collaboratori esterni (agenzie pubblicitarie ecc.).

Tutte queste fasi sono indispensabili durante l'attività di branding, quando si tratta di lanciare nuovi prodotti e servizi. I brand di successo sono quelli in grado di soddisfare pienamente le esigenze dei consumatori e diventare la scelta preferita nel mercato di riferimento. Nell'ambito di operazioni di rebranding di prodotti o marche già esistenti, per i quali è richiesto di ridefinire l'identità e il progetto strategico, il professionista deve elaborare proposte per un' evoluzione o modifica del prodotto e rilanciarne totalmente l'immagine per renderlo appetibile sul mercato.

L'efficacia del piano di marketing deve andare di pari passo con le risorse messe a disposizione dall'azienda e con il lavoro del reparto produttivo. Il Brand Manager gestisce quindi tutte le attività di comunicazione e di promozione pianificate, è suo compito seguirne l'andamento e modificare in corsa le suddette strategie in caso di un momentaneo insuccesso.

All'interno di un'azienda il Brand Manager, o Brand Specialist, è il responsabile del marchio a tutti i livelli. Il suo ruolo è dinamico e interessa vari ambiti: riferisce i progressi alla direzione e si interfaccia costantemente sia con la produzione, in collaborazione con il product manager - per lo sviluppo di nuovi prodotti, tenendo conto dei vincoli di produzione – che con il project manager nei settori di marketing & comunicazione e vendite per quanto riguarda l'implementazione della strategia commerciale. Si parla quindi di priorità e obiettivi condivisi anche con eventuali collaboratori esterni. Nonostante nelle piccole aziende questo triplice ruolo sia assunto da un singolo professionista, nelle aziende più grandi, che si occupano della produzione di diversi prodotti o servizi, il brand manager ha più un ruolo nella comunicazione e nel marketing: in questo caso il suo obiettivo è analizzare un mercato e gestire la fase di promozione di un prodotto. Specialmente nelle aziende multinazionali che gestiscono una varietà di brand e grandi marche, la figura del Brand Manager è un ruolo consolidato all'interno del marketing aziendale. Attorno ai prodotti di un'azienda ruota un mondo sconfinato fatto di professioni, ognuna delle quali ha lo scopo di definire un certo aspetto del prodotto o della sua promozione.

Leggi anche: Come fare una ricerca di mercato (con un esempio)

Relazione con il cliente

Per un brand, come per i prodotti o i servizi, la soddisfazione di un cliente è un buon biglietto da visita e la miglior pubblicità a cui un brand possa aspirare, soprattutto se si tiene conto degli effetti benefici che una buona relazione con la clientela apporta nel lungo periodo. L'aumento del valore percepito del prodotto aumenta quello che viene definito "brand equity" o anche "patrimonio di marca" cioè quanto il prodotto e l'azienda che lo produce sono conosciuti nel mercato. A incidere sulla notorietà del prodotto sono sicuramente i suoi punti di forza, gli elementi che lo contraddistinguono, la sua riconoscibilità e la qualità percepita.
Il fine ultimo è incrementare la credibilità del brand, fidelizzare nuovi clienti e aumentare le vendite dei prodotti associati a quello specifico marchio, mantenendo salda e sicura l'immagine dell'azienda, identificare con il messaggio che accompagna il prodotto.

Come diventare brand manager

Non esiste un vero e proprio percorso specifico per diventare brand manager. In questa figura convogliano competenze relative al marketing e alla comunicazione. I percorsi di studio in economia o in scienze della comunicazione possono rappresentare un'ottima base di partenza e fornire le conoscenze e competenze più adatte per questa professione.

Leggi anche: Come diventare Brand Manager

Studi Economici

Il percorso formativo preferenziale è sicuramente quello di conseguire una laurea triennale in

  • Scienze dell'economia e della gestione aziendale (L-18)

  • Scienze Economiche (L-33)

  • Economia Aziendale

Studi Umanistici

Si possono acquisire le competenze trasversali indispensabili per svolgere le mansioni di questa figura professionale con una laurea triennale in

  • Scienze della Comunicazione (L-20).

Master

La laurea da sola non sarà sufficiente, successivamente si renderà necessario conseguire un master universitario post - laurea o un corso di laurea specialistico nell'ambito del marketing: questo sarà un ottimo sistema per fortificare le conoscenze relative a questo settore e per poter fare pratica da subito tramite degli stage presso le aziende. Il master in Marketing e Digital communication strategy è la formazione più idonea per acquisire le giuste competenze ed immettersi nel mondo del lavoro. Un brand manager continua a formarsi e a studiare anche quando ha raggiunto la posizione lavorativa ambita per essere sempre al passo con i tempi ed essere pronto davanti a ogni cambiamento del mercato, studiando nuove strategie o imparando ad analizzare quelle messe in campo dalle aziende concorrenti.

Il curriculum vitae del Brand Manager

La professione di Brand Manager è ricca di sfumature: può spaziare in qualsiasi ambito produttivo e necessita quindi di un curriculum che riesca a far emergere non solo le competenze generiche di un Brand Manager, ma anche la conoscenza dei settori in cui si è maturata esperienza e la conoscenza di mercati specifici, ottenendo così quanto richiesto per ricoprire questo importante ruolo professionale.
Nello specifico le competenze richieste ai candidati nelle offerte di lavoro per Brand Manager sono:

  • Competenze in marketing

  • Ottime capacità analitiche e di pianificazione

  • Forte ambizione

  • Autonomia e flessibilità

  • Doti relazionali e di networking

  • Abilità di negoziazione

  • Capacità di gestire più compiti contemporaneamente (multitasking)

  • Conoscenza dei principali strumenti informatici

Il CV del Brand Manager

Nome:
Cognome:
Indirizzo:
Tel.
E-mail:

Istruzione

2006 Master – Brand management
Istituto…….

2005 – Laurea magistrale in Management e Marketing
Università di…..
Votazione:

2000 – Diploma di ragioneria
Istituto….
Votazione:…

Esperienza lavorativa

2012 – oggi
Brand manager
Wavewood 1
Mansioni:
Sviluppo prodotti per ufficio
Consulenza produzione
Marketing
….

2008 – 2012
Brand manager
Wavewood 2
Mansioni:
Sviluppo area marketing per linea arredamento ufficio
Analisi di mercato
Analisi prodotti competitors

08/2007 – 12/2007
Stage
Wavewood 3
Mansioni:
Assistente sviluppo prodotto
Assistente analisi di mercato
Analisi competitors

Corsi di formazione

2008 – Corso inglese commerciale presso….. 60 ore
2008 – Corso Tedesco, livello intermedio presso…. 40 ore
2008 – Corso tedesco commerciale presso… 30 ore

Lingue straniere

Inglese: ottimo livello scritto e parlato
Tedesco: livello intermedio scritto e parlato

Competenze

  • Analisi e comparazione dati di mercato

  • Ottime capacità di pianificazione e rispetto dei progetti

  • Competenze di marketing

  • Creazione brand e loghi

  • Ideazione e implementazione campagne marketing

  • Capacità di lavorare con scadenze ravvicinate

  • Capacità di leadership e di collaborazione

  • Elevate capacità di problem-solving

  • Ottime capacità di esposizione in pubblico

Competenze informatiche

  • Sistemi operativi Windows e Ios

  • Principali software di analisi di mercato

  • Ottima conoscenza di programmi per presentazioni ed editing fotografico.

Si prega di notare che nessuna delle aziende menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Come scrivere un CV, consigli e esempi di Curriculum Vitae

  • Come scrivere un curriculum vitae personalizzato

  • Come creare un curriculum creativo e fare colpo


Articoli correlati

Come creare un CV online: cosa fare e cosa evitare

Esplora altri articoli