Digital soft skills: cosa sono e quali mettere sul CV

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 9 novembre 2022 | Pubblicato in data 26 novembre 2021

Aggiornato in data 9 novembre 2022

Pubblicato in data 26 novembre 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

L'arrivo della digital revolution non ha trasformato solamente il luogo di lavoro ma anche le esigenze delle aziende che oggi ricercano persone dal profilo sempre più tecnologico. Ed ecco che accanto ad hard skills e soft skills o competenze trasversali, arrivano le cosiddette “digital soft skills”, vale a dire quelle competenze relazionali e comportamentali che ci aiutano a usare i moderni strumenti digitali.

Ad aver introdotto questa definizione è stato l'osservatorio delle competenze digitali che ha identificato tre aree distintive del Digital DNA: di digital soft skills base, di comunicazione e di vendita. In questo articolo vogliamo aiutarti a rendere il tuo CV ancora più interessante spiegandoti quali sono le digital soft skills più ricercate dai recruiter e come puoi ottenerle.

Cosa e quali sono le digital soft skills?

Sappiamo cosa sono le soft skills. Fra le più apprezzate nel mondo del lavoro ci sono la capacità di problem solving, l'attitudine al lavoro di squadra e la leadership. Le digital soft skills non sono poi così diverse. Sono sempre competenze di tipo personale ma declinate al digitale. Quel set di abilità e attitudini che ci rendono più propensi a usare tutti i dispositivi offerti dalla trasformazione digitale presenti in azienda. Scopriamo alcune delle più importanti:

Digital mindset

Il digital mindset, ovvero un atteggiamento mentale aperto, capace di stare al passo con la trasformazione digitale, curioso verso le novità. La tecnologia si rinnova in tempi molto rapidi e chi lavora con il digitale deve evolversi altrettanto rapidamente.

Avere un digital mindset significa saper cogliere le opportunità portate dalla tecnologia, essere disposti a provare nuovi dispositivi, applicazioni, programmi, sentirsi a proprio agio nell'utilizzarli e saper trarre il massimo dal loro uso sia sul piano personale che professionale.

Virtual communication

La comunicazione è alla base delle relazioni personali e professionali, oggi però non avviene più in modo tradizionale. Avere competenze di virtual communication vuol dire muoversi agilmente fra i diversi sistemi di comunicazione digitale one-to-one e one-to-many, saper scegliere il mezzo di comunicazione più adatto al tipo di scopo e alla sua urgenza, conoscere i tempi corretti per rispondere e il livello di confidenzialità di quello strumento.

Non solo, virtual communication significa anche saper gestire più mezzi di comunicazione digitale in contemporanea utilizzando il tono di voce indicato per quel contesto, avere un buon approccio non verbale in modo da trasmettere affidabilità, rassicurazione o autorità senza che l'interlocutore possa averci di fronte, molto spesso solo attraverso la parola scritta.

La virtual communication è una skill indispensabile per chiunque si occupi di assistenza al cliente, per chi lavora esclusivamente da remoto, per chi vende servizi online. Insomma, la virtual communication è il perno dello smart working.

Knowledge networking

Nel mondo digitale le informazioni sono contenute in cloud e chi possiede il knowledge networking sa come sfruttarlo per collaborare con gli altri membri del team, e non solo. Nel knowledge networking sono comprese tutte quelle attività remote ma di gruppo, come chat, strumenti di condivisione di file, CRM.

Possedere questa skill significa conoscere i principali sistemi utilizzati per le diverse attività aziendali, sapere come organizzare le informazioni in maniera fruibile ed efficace, avere un atteggiamento proattivo verso i nuovi sistemi e anche saper trovare nuovi strumenti per portare a termine in modo ancora più efficace i nostri incarichi professionali.

Digital problem solving

L'attitudine al problem solving è una delle soft skill più apprezzate nel mondo del lavoro, impossibile non trovarla declinata al digitale. Un digital problem solver è sia una persona capace di reagire in modo tempestivo ed efficace di fronte ai problemi, che qualcuno in grado di risolverli sfruttando le opportunità offerte dalla tecnologia.

Se sei un digital problem solver sai approcciarti con sicurezza ai problemi tecnici dei dispositivi, superare le difficoltà di un incarico integrando soluzioni digitali, trovare e consigliare alternative tecnologiche per portare a termine un lavoro.

Digital privacy

Per navigare in rete e usare gli strumenti digitali a nostra disposizione dobbiamo sapere come proteggere dati e informazioni sensibili. Essere in possesso della digital privacy vuol dire sapere come vengono raccolti e utilizzati i dati, valutare con consapevolezza cosa e come condividere pubblicamente in rete, quali strumenti sono più adatti a proteggerci dalle minacce del web.

Non solo: è anche la capacità nel separare la vita personale da quella professionale, sia nella scelta dei contenuti da pubblicare che in quella delle piattaforme più adatte per farlo.

Digital selling

Avere competenze in digital selling significa conoscere e saper sfruttare gli strumenti tecnologici per vendere prodotti e servizi online. Puoi dire di avere competenze di digital selling se conosci i CRM di vendita, se sai strutturare strategie di marketing, impostare e-commerce o canali di vendita di servizi, sfruttare i social per campagne pubblicitarie, delineare dei piani editoriali fra le diverse piattaforme. In base al settore in cui ti trovi, devi essere a tuo agio con gli strumenti di marketing digitale e saper come portare profitto alla tua azienda o al cliente che rappresenti.

Digital literacy

Con internet abbiamo accesso a un'infinità di informazioni, anche se non sempre di qualità e affidabili. Avere una digital literacy significa saper navigare in rete in modo consapevole, fare ricerche selezionando le fonti del sapere con pensiero critico, valutare l'autorevolezza del contenuto, filtrare dati e informazioni digitali, e utilizzarli nella modalità corretta.

Digital listening

Nelle soft skill classiche lo chiameremmo “ascolto attivo”, in digitale lo chiamiamo digital listening. Il digital listening non avviene ascoltando ma leggendo, osservando e analizzando i pensieri del pubblico. È uno strumento molto importante per il marketing perché permette di cogliere impressioni, gradimento, popolarità di un tema o di un prodotto.

Una persona dotata di digital listening conosce gli strumenti di comunicazione digitale e li sa interpretare, sa come raccogliere i dati, come distinguere informazioni utili da quelle inaffidabili o poco attinenti al suo scopo, e sa come elaborare quanto raccolto per usarlo a proprio vantaggio.

Digital creativity

La digital creativity comprende due emisferi, quello degli artisti e il modo in cui il loro lavoro si è spostato da carta e matita a tablet, software e strumenti sofisticati di progettazione, e quello dei cosiddetti “content creators” vale a dire chi è capace di creare e modificare contenuti pensati per generare valore. Un content creator sa creare video, presentazioni, podcast, immagini, sa catturare la curiosità e l'interesse di chi guarda, legge o ascolta i suoi contenuti.

Digital presence

Chi non ha una identità digitale? Online siamo presenti quasi sempre su più di un canale, che sia di tipo professionale o personale. Essere abili in digital presence significa saper gestire la propria identità online nel modo più adeguato.

Sapersi presentare nel modo giusto, in linea con lo scopo o la piattaforma che stiamo utilizzando, saper impostare la corretta identità (ad esempio nome completo, solo nome, nome fittizio), gestire in modo consapevole le interazioni, in particolare se stiamo agendo per conto dell'azienda.

Digital influence

Simile alla digital presence, la digital influence è un passo in più. In questo caso non devi solo saperti muovere nei canali online ma saperti imporre come persona di riferimento per la tua azienda o il tuo scopo individuale.

Come digital influencer sai come sfruttare le piattaforme per persuadere il pubblico, fidelizzarlo, convincerlo a credere in te o nel brand che rappresenti. Devi sapere chi è il tuo interlocutore, impostare la giusta immagine, saper scegliere i canali di comunicazione giusti e impostare i contenuti per raggiungere gli obiettivi desiderati.

Come migliorare le digital soft skills per arricchire il tuo CV

Le soft skill tradizionali sono tratti innati della nostra personalità. Anche se possiamo impegnarci per acquisire quelle necessarie ad essere più professionali e a portare risultati migliori in ambito lavorativo, alcuni tratti semplicemente non fanno parte di noi. Al contrario, le soft skill digitali sono accessibili a prescindere dalla nostra indole e possono essere apprese dando ancora più spessore al nostro Curriculum Vitae. Ecco come:

1. Identifica punti forti e punti deboli

Sfoglia le diverse competenze digitali in questo articolo ed evidenzia quelle che possiedi e quelle che vorresti possedere. Fai una lista scritta, vederle nero su bianco ti aiuterà ad acquisire maggior consapevolezza.

2. Scegli da quale partire

Osserva la lista: quante skills hai evidenziato che ancora non possiedi? Quante sono quelle che conosci ma vorresti migliorare? Scegline solo una, inutile studiare troppe cose contemporaneamente, faresti solo confusione. Se hai più di un obiettivo, dai un'ordine di priorità in base al lavoro a cui ambisci.

3. Decidi come imparare

Ora che hai deciso cosa vuoi imparare, devi capire come procedere. Hai bisogno di un corso? Puoi imparare in autonomia o hai bisogno di un tutor? Ci sono dei corsi validi a cui puoi iscriverti? Qual è il modo più adatto per imparare le tue skills digitali devi deciderlo tu. Valuta anche in base a quanto può essere importante per il tuo futuro. Se vorresti lavorare nel marketing ma non conosci i CRM, è preferibile scegliere un corso professionalizzante. Se vuoi diventare social media manager, ti basterà avere competenze di digital selling di base.

4. Datti una scadenza

Prendi il calendario e scrivi (ricordi? Nero su bianco) la tua scadenza. Datti un tempo massimo per acquisire quelle competenze. È importante avere il controllo mentale sui propri impegni, ti aiuterà a rispettare le scadenze e a raggiungere i tuoi obiettivi senza procrastinare.

Adesso che sai cosa sono le digital soft skills, non ti resta che focalizzarti sulle tue e aggiungerle al tuo CV. Renderanno il tuo curriculum ancora più interessante agli occhi dei rec

Articoli correlati:

  • Competenze digitali: perché sono fondamentali

  • Competenze informatiche: quali sono e come acquisirle

  • Soft skills e hard skills: differenza e come valorizzarle nel CV

  • High income skills: le capacità più richieste e pagate

  • Artigiani digitali: i lavori artigianali del futuro

  • Le professioni digitali più richieste dal mercato

  • Cos'è la propria digital reputation, come curarla e perché?


Articoli correlati

Come inserire le soft skills nel CV

Esplora altri articoli