CV e lettere di presentazione

Lavoro senza frontiere: esempio di colloquio telefonico in inglese

Hai inoltrato la candidatura per una posizione lavorativa con una multinazionale e ti hanno selezionato per un colloquio? Ottima notizia! Certamente ti sarà richiesta la conoscenza certificata della lingua inglese che verrà testata a cominciare dalla selezione.

In questa guida troverai molti dettagli utili su come prepararti e l’esempio di un colloquio telefonico in inglese con consigli per non farti prendere dal panico e brillare anche dal punto di vista linguistico.

Esempio colloquio telefonico in inglese: no panic!

In un mercato del lavoro globale, l’intervista lavorativa in una seconda lingua è un processo che rientra fra le pratiche consolidate dei recruiter. Se entrerai in questa ottica potrai avere buone chances anche con le aziende che, per motivi di business o di target, richiedono una conoscenza spesso certificata della lingua inglese. Per giocarti le tue carte a dovere dovrai innanzitutto liberarti di quella sensazione di disagio che attanaglia la gran parte delle persone, quando sono chiamate ad esprimersi in una lingua non propria.

La prima considerazione che può rincuorare è sapere che non si è soli: non fa differenza se ti stai candidando per uno stage, oppure se ti proponi per un ruolo di esperienza. La confidenza con la seconda lingua non ha nulla a che vedere con la mansione o con l’età, perché il più delle volte è legata alla paura di non riuscire a trovare le parole giuste per esprimersi al meglio.

Il secondo aspetto che devi considerare, per affrontare il colloquio telefonico in lingua inglese con la giusta dimestichezza, è che puoi prepararti. Il canovaccio dell’intervista infatti si sviluppa su alcune domande cardine, poste in modo più o meno simile. In questa guida ti mostriamo le più comuni e la strategia per rispondere correttamente. In fondo, pensaci bene, non ti viene chiesto di sostenere una conversazione formale in presenza dei membri della Royal Family. Se “mastichi” l’inglese, le tue insicurezze sono immotivate: ti basterà sapere come muoverti nella fase di preparazione del colloquio e il gioco è fatto.

Intervista di lavoro in inglese: allena l’orecchio

La tua preparazione inizia con l’esercizio e con il ripasso. Anche se il tuo CV e la tua cover letter in inglese sono impeccabili, per sostenere la selezione orale dovrai togliere la ruggine dal tuo vocabolario in lingua inglese e impegnarti a fondo per riabituarti a suoni diversi.

Nei giorni che precedono il colloquio di lavoro telefonico in inglese dedica tempo a rispolverare tutti gli strumenti che ti sono serviti nell’apprendimento della seconda lingua. Film e serie TV in lingua originale sono un ottimo modo per allenare l’orecchio, mentre il vocabolario tecnico e professionale può essere assorbito attraverso la lettura di articoli di settore e di eventuali white papers aziendali.

Colloquio telefonico in inglese: allestisci la postazione

Nella fase di preparazione preliminare rientra anche l’allestimento della postazione. Non appena avrai fissato la data e l’orario del colloquio telefonico, programma la tua agenda in modo tale che tu possa ricevere la telefonata in un posto adeguato. Fatti trovare nel tuo studio o nel tuo ufficio e comunque in un ambiente non rumoroso, che ti metta a tuo agio e che ti consenta il giusto livello di concentrazione.

Controlla di avere a portata di mano tutto quello di cui potresti avere bisogno: i fogli sui quali hai segnato le parole chiave della job description, una penna per prendere appunti durante le domande, le annotazioni in inglese sull’azienda per la quale ti stai candidando e sul settore di mercato nel quale opera. Prenditi qualche minuto prima dell’inizio del colloquio per ripassare, esercitandoti a rispondere a voce alta alle domande più probabili che troverai dettagliate nel prossimo capitolo.

Se la telefonata avviene su Skype allora sarà necessario anche un check tecnico prima di iniziare. Fai delle prove per controllare la connessione internet e che l’app funzioni correttamente. Se invece il colloquio in lingua inglese è programmato attraverso altri strumenti per conference call o videochiamate, come Zoom o Google Meet, ricorda di curare il tuo abbigliamento come se ti stessi recando in azienda di persona.

Esempio di colloquio telefonico in inglese: domande e risposte

Non abbiamo chiaramente la pretesa di elencare tutte le possibili domande che possono essere fatte durante un’intervista telefonica in lingua inglese. Possiamo però suggerirti alcuni trucchi per fare una buona impressione sui tuoi interlocutori, indipendentemente dal quesito:

  • Usa un tono della voce positivo e fermo
  • Dimostra che sai interloquire spigliatamente
  • Saluta all’inizio della telefonata presentandoti e congedati alla fine cordialmente, ringraziando per l’opportunità avuta

Esempio colloquio telefonico in inglese: domande più comuni

Anche se non siamo indovini e non abbiamo la palla di cristallo, vogliamo scommettere che, durante l’intervista in lingua inglese, ti troverai a dover rispondere ad almeno due delle domande che abbiamo raccolto e che elenchiamo di seguito:

“Tell us about yourself” - “Parlaci un po’ di te”

La prima domanda serve per sciogliere il ghiaccio e ti permette di spaziare dal percorso formativo alle più recenti esperienze lavorative. Ricorda di dare un ordine cronologico agli elementi che menzioni, in modo da mantenere alta l’attenzione di chi ti ascolta. Puoi usare una frase del tipo: “I have already been working for 3 years as content manager in Italy”, o anche: “I have a marketing degree and my focus, since I started my studies, is to work for IT industry”.

“Why did you apply for this job?” - “Perché ti candidi per questo lavoro?”

È il momento in cui puoi dimostrare perché sei la persona giusta per quel ruolo e per far vedere che ti sei documentato a sufficienza anche sull’azienda. Potresti dire: “I applied for this working role because I guess it deals with my competences and my ambitions”, articolando poi il concetto e dimostrando che hai analizzato il tipo di mansione e l’organigramma lavorativo; oppure potresti approfondire dicendo: “I’ve read an article reporting this company is one of the 100 best places to work in Europe”.

“Why should we hire you?” - “Perché dovremmo assumerti?”

È una domanda simile a quella analizzata al punto sopra, ma cambiando prospettiva. Senza apparire presuntuosi e in maniera obiettiva, si può provare a evidenziare in quale modo le proprie competenze e attitudini possono essere di aiuto per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. “Looking at key requirements in your job description, it seems that my capabilities and my recent experiences can be useful to achieve new goals in sales department”.

Esempi domande in inglese su competenze trasversali

Gli intervistatori, dopo la prima fase conoscitiva, scenderanno nel dettaglio chiedendoti di passare in rassegna i tuoi punti di forza e quelli di debolezza. Serve tanta sincerità e un minimo di astuzia per trasformare anche i difetti (li abbiamo tutti!) in pregi.

“What are your weaknesses?” - “Quali sono i tuoi punti deboli?”

Se ti dichiari “Picky”, ovvero pignolo, tale qualità risulterà un plus nel controllo di gestione/qualità, come anche nell’ufficio contabilità. Mentre per i lavori che richiedono velocità decisionale e continuo adattamento a nuovi processi, questa attitudine potrebbe essere giudicata come un punto a tuo sfavore.

“What are your strengths?” - “Quali sono i tuoi punti di forza?”

In questo caso è importante non essere autoreferenziale e citare le caratteristiche positive che ti vengono riconosciute dai colleghi e dagli amici. Una frase come “I really try to have a creative thinking approach during team meetings” fa riferimento ad una qualità di valore, espressa nella collettività lavorativa.

Domande dirette nel colloquio telefonico in inglese

Un terzo tipo di domande che potresti dover fronteggiare sono quelle dirette e relative a presente, passato e futuro professionale.

“How did you prepare yourself for this interview?” - “Come ti sei preparato per questo colloquio?”

Un’altra domanda molto importante a cui bisogna saper rispondere bene. Rispondendo “I did some research on company’s history and success” farai capire agli interlocutori che sei una persona organizzata, che affronta le situazioni in modo consapevole e preparandosi sull’argomento.

“What is your biggest accomplishment?” - “Qual è il più importante traguardo raggiunto?”

Qui devi concentrarti sugli obiettivi, più o meno significativi, raggiunti durante il percorso scolastico/universitario, oppure nell’ambito di un progetto lavorativo che ha ottenuto apprezzamenti e premi aziendali. Fai una lista dei riconoscimenti che ritieni essere pertinenti professionalmente e indicativi della tua personalità, così ne potrai parlare in modo esaustivo.

“Where do you see yourself in 3 years?” - “Dove ti vedi tra tre anni?”

Con la risposta a questa domanda farai capire le tue ambizioni professionali e gli sforzi che sei pronto a sostenere per raggiungerle. Qualcosa come “In three years I hope to have had the chance to improve my skills, growing in professional level through work devotion. Hopefully with a coordinator role in an important company, where to be appreciated as a employee and as a person” esprime il concetto di impegno e di aspirazione al miglioramento.

Articoli correlati:

Articoli correlati

Visualizza altro 

Come scrivere un curriculum da pasticcere (con esempio)

Per un Curriculum da pasticcere unisci esperienza a volontà, condisci con le tue doti, aggiungi un pizzico di ottimismo e mescola energicamente.

Curriculum vitae per operaio: guida ed esempi

Scrivere un CV curato e dettagliato è importante per proporsi sul mercato del lavoro. Ecco alcuni consigli ed esempi per un curriculum vitae da operaio efficace.