Come scrivere un curriculum vitae per badante: guida ed esempio

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 21 novembre 2022 | Pubblicato in data 21 ottobre 2021

Aggiornato in data 21 novembre 2022

Pubblicato in data 21 ottobre 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Se vuoi lavorare come badante, scrivere un buon curriculum vitae è molto importante per presentare le proprie abilità ed esperienze. In questo modo, come per tutti i lavori, avrai la possibilità di impressionare favorevolmente il recruiter.

A differenza delle altre professioni, però, in questo caso è particolarmente importante rassicurare i parenti o le persone care dell'assistito sulla propria professionalità e affidabilità. In questo articolo vedremo quali informazioni è importante inserire nel curriculum vitae da badante e ti proporremo un facsimile di CV da prendere come modello.

Il curriculum vitae dei badanti e l'affidabilità

La professione dell'assistente alla persona, più comunemente chiamato "badante", è estremamente delicata. Questa figura si occupa di prestare assistenza domiciliare a persone in difficoltà, che siano queste anziani, disabili o individui non autosufficienti.

Il tipo di assistenza può variare notevolmente a seconda del grado di difficoltà in cui si trova la persona da assistere. Le mansioni spaziano dal supporto nelle faccende domestiche alla preparazione dei pasti e alla semplice compagnia per ovviare alla solitudine, fino ad attività più impegnative, quali l'igiene personale o una sorveglianza completa e continua.

Inevitabile, quindi, che un curriculum vitae da badante debba mettere in risalto l'affidabilità: è questo il fattore che renderà più interessante il cv.

I familiari della persona da assistere cercano, prima di qualsiasi altra cosa, qualcuno di cui potersi fidare. Di conseguenza, le referenze e le competenze acquisite sono in questo caso ancora più importanti della formazione e dell'esperienza professionale.

L'importanza delle referenze nel CV dei badanti

Indicare sul proprio curriculum vitae i contatti degli ex datori di lavoro è indice di serietà per ogni tipo di ruolo professionale.

Le referenze, anche se non sempre richieste o inserite nel CV, rappresentano un valore aggiunto per il profilo dei candidati, che possono così presentarsi con maggiore sicurezza e trasparenza. Indicare nel tuo curriculum delle referenze equivale a dichiarare di essere certi di aver fatto un ottimo lavoro. Inoltre, il giudizio dei precedenti datori di lavoro può persino contribuire a mettere in luce la candidatura rispetto ad altri aspiranti al ruolo.

Se questa rassicurazione è confortante in qualsiasi ambito lavorativo, lo è ancora di più per un ruolo come quello di badante, che spesso viene assunto tramite passaparola, dove la fiducia nella persona scelta dev'essere totale.

L'esperienza personale conta

Il badante o la badante si prende cura delle persone e, in molti casi, si occupa di certe faccende domestiche. In alcuni casi, si tratta di attività che le persone hanno già svolto nella propria vita privata, una circostanza che le rende maggiormente esperte e adeguate per la posizione.

Ad esempio, se in passato hai dovuto prenderti cura di un familiare anziano mentre i tuoi genitori erano impegnati al lavoro, è importante inserire queste informazioni nel curriculum. Esperienze di questo tipo, infatti, hanno fatto sì che tu sviluppassi, per quanto inconsapevolmente, competenze da badante.

Leggi anche: Qual è la differenza tra colf e badante?

Come scrivere un efficace curriculum vitae da badante

Per trasmettere fiducia al proprio datore di lavoro bisognerà presentare un curriculum vitae ben scritto, ordinato e completo di referenze e competenze.

Vediamo, una per una, le sezioni che dovranno comporre il tuo CV:

  • Informazioni personali e di contatto. Apri il documento indicando da subito nome, cognome, telefono e indirizzo di posta elettronica, se lo possiedi.

  • Foto. All'inizio del curriculum vitae, di solito affiancata alle informazioni personali, potrai inserire una piccola fotografia in primo piano. Avere un riferimento visivo può aiutare il selezionatore a farsi un'idea più precisa di chi ha "di fronte". Scegli bene la tua foto e, in linea di massima, prediligi immagini professionali, con sfondo neutro.

  • Breve presentazione. Subito dopo i dati personali, puoi scrivere alcune righe (due al massimo) di presentazione. Raccontarsi in poche parole all'inizio del CV serve ad attirare l'attenzione del recruiter su chi sei e cosa fai.

  • Formazione. In questa sezione puoi indicare se possiedi un diploma o se hai frequentato corsi di formazione per assistente alla persona. Per lavorare come badante, tuttavia, non è obbligatorio seguire un determinato percorso formativo o possedere titoli specifici.

  • Esperienza professionale. Elenca tutte le esperienze lavorative svolte in ambito di assistenza alla persona. La cosa migliore sarebbe indicare almeno un paio di lavori. È importante illustrare, in breve, il ruolo, le mansioni svolte e il periodo in cui hai ricoperto quella posizione. Le esperienze professionali indicate in questa sezione dovranno essere in linea con la posizione di badante. Se invece sei alla prima esperienza nel campo dell'assistenza alla persona ma hai lavorato in altri contesti, sarebbe opportuno specificarlo, soprattutto se queste esperienze ti hanno fornito competenze personali utili per il ruolo di badante.

  • Esperienza personale. Come accennato precedentemente, se non hai ancora lavorato come badante, ma hai comunque acquisito competenze tecniche e soft skill grazie alla tua esperienza personale, parlane inserendo una sezione dedicata nel curriculum vitae.

  • Competenze. Questa sezione, insieme a quella delle referenze, è particolarmente importante per il curriculum vitae da badante. Chi si occupa della selezione ha la necessità di sapere nel dettaglio cosa sai fare. È importante, inoltre, saper selezionare le competenze da indicare sul tuo CV. Nel caso del lavoro da badante, tra le competenze professionali più utili troviamo la cura dell'igiene, l'aiuto ai pasti, le attività di svago, la gestione della casa, ma anche nozioni mediche generali sulle patologie, la prevenzione di incidenti domestici e nozioni di primo soccorso, oltre alla conoscenza di implicazioni giuridiche ed etiche come deontologia e rispetto della privacy. Per ciò che riguarda le soft skill, o competenze trasversali, tra quelle più adeguate alla figura del badante troviamo empatia, creatività, capacità comunicative, pazienza, spirito di osservazione. Cerca di individuare quali sono le competenze tecniche e trasversali che ti contraddistinguono e raccontale brevemente nel curriculum vitae per attirare l'attenzione del selezionatore.

  • Referenze. Abbiamo già sottolineato l'importanza delle referenze nel curriculum vitae. Se hai già lavorato come badante, indica sul cv i dati di contatto dei precedenti datori di lavoro. Se, invece, non hai esperienza nel settore, puoi indicare altre referenze, purché risultino affidabili e professionali. Il recruiter ha bisogno di conoscere l'opinione neutra e oggettiva delle persone per le quali hai già lavorato. Puoi scegliere se inserire le tue referenze all'interno del CV o allegare una vera e propria lettera di referenze scritta dall'ex datore di lavoro.

Esempio di curriculum vitae da badante

Mettiamo ora in pratica i consigli dei paragrafi precedenti e vediamo un modello di curriculum vitae da badante da cui potrai trarre spunto.

Giuseppe Ceci
Via Torino, 8 11100 Aosta
+39 3456789000
giuseppe.ceci@mail.com

Assistente alla persona con esperienza di 4 anni come badante convivente di un'anziana non autosufficiente.

Educazione 2016: Corso per assistente alla persona tenuto da Centro Formazione Assistenza, Aosta.

2010-2015: Diploma di liceo delle scienze umane e scientifico Regina Maria Adelaide, Aosta.

Esperienza professionale Periodo: 2017-2021 Ruolo: Badante convivente di donna anziana con grave osteoporosi e diabete, non autosufficiente. Mansioni: Cura della signora anziana in tutti gli aspetti, dalla mobilità, all'igiene, all'alimentazione. Turni diurni e notturni.

Competenze tecniche e trasversali

  • Cura e igiene della casa e della persona assistita

  • Nozioni di primo soccorso

  • Nozioni mediche di base delle patologie più comuni che colpiscono gli anziani

  • Attenzione al dettaglio

  • Empatia

  • Doti relazionali

  • Puntualità e organizzazione*

Referenze Dott. Maurizio Ferri Telefono: +39 0165 2202022

Si prega di notare che nessuna delle aziende menzionate è affiliata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Come scrivere un CV: consigli e esempi di Curriculum Vitae

  • Formato CV: quale modello di Curriculum usare?

  • Come scrivere il primo curriculum vitae

  • Come scrivere un curriculum senza esperienza lavorativa

  • Lettera di referenze per badante: consigli e modello

  • Il contratto di lavoro domestico a ore

  • Come diventare assistente sociale

  • Che cosa fa il geriatra e cosa cura



Articoli correlati

Come diventare babysitter

Esplora altri articoli