Come scrivere una lettera di dimissioni senza preavviso

Di Team editoriale di Indeed

15 giugno 2022

Il lavoro che scegli è molto importante, definisce chi sei e dà un senso alla tua vita. Sentirsi bene sul luogo di lavoro è fondamentale perché si tratta di un impegno quotidiano, che ti porta a condividere otto ore o più del tuo tempo con persone che possono diventare importanti per te. Se però la tua vita lavorativa non è più ottimale, a lungo andare ne potresti risentire. Può capitare a volte che al lavoro le cose non vadano per il meglio, o che semplicemente desideri di più e di meglio, oppure che le circostanze della vita ti portino a dover cambiare completamente abitudini e il luogo in cui vivi. Potresti quindi ritrovarti a dover cambiare lavoro, anche improvvisamente, con la necessità di dare le dimissioni senza preavviso.

Dimissioni senza preavviso: come fare?

Di regola, quando si lascia un lavoro è obbligatorio dare un preavviso. Si tratta di un'indicazione stabilita dalla legge, che contempla una normativa specifica per ogni tipo di contratto nazionale e per i diversi anni di anzianità di servizio. Ci sono casi in cui, però, per diversi motivi, non è possibile comunicare le nostre intenzioni in anticipo. In questo caso le dimissioni potrebbero avere delle conseguenze economiche, come ad esempio la decurtazione del periodo di mancato preavviso dal TFR o dall'ultima busta paga, a meno che non si tratti di dimissioni per giusta causa.

Esenzione dall'obbligo di preavviso e le dimissioni per giusta causa

Per tutelare il datore di lavoro, la legge del lavoro stabilisce che non è possibile presentare le proprie dimissioni senza preavviso. Sempre secondo la legge però, e per tutelare il lavoratore, ci sono dei casi in cui il dipendente può essere esente da tale obbligo perché in azienda si sono verificati degli eventi che violano i diritti del lavoratore, o perché sono sopraggiunte delle necessità personali particolari.

Dimissioni per giusta causa:

  • molestie

  • demansionamento o mobbing

  • incentivo economico dall'azienda

  • mancata retribuzione

  • procedura di licenziamento collettivo

Dimissioni senza obbligo di preavviso:

  • matrimonio

  • maternità o paternità fino a 3 anni del bambino

  • gravidanza

  • recesso durante il periodo di prova

  • risoluzione consensuale o spontanea del contratto

Altri casi di dimissioni senza preavviso

In tutti gli altri casi che non rientrano nelle situazioni sopra citate, il lavoratore ha l'obbligo di preavviso e, in mancanza di tale comunicazione, l'azienda ha diritto ad effettuare delle trattenute in qualità di indennità per la mancanza improvvisa del dipendente che porti a termine le funzioni assegnate. Ogni tipo di contratto, per esempio CCNL Terziario e Servizi, CCNL Metalmeccanici, ecc. ha la propria normativa che stabilisce i tempi e le modalità del preavviso. Se però si è costretti a dare le dimissioni all'improvviso, occorre comunicarlo al datore di lavoro il prima possibile. I casi in cui si potrebbe essere costretti a dare le dimissioni improvvise senza giusta causa potrebbero essere, per esempio:

  • grave malattia improvvisa

  • cambio radicale di vita e di paese

  • cambio di lavoro per assumere un ruolo di inquadramento superiore

  • momento di crisi personale

  • rapporti non ottimali con i colleghi

L'approccio migliore per concludere un rapporto di lavoro in maniera serena è essere chiari e dialogare con il datore di lavoro, per trovare una soluzione ottimale per entrambi.

Conseguenze delle dimissioni senza preavviso

Se ti stai licenziando volontariamente senza giusta causa e presenti le dimissioni senza preavviso, dovrai indennizzare il datore di lavoro. Quindi:

  • il tuo TFR verrà ridotto per coprire l'indennità di mancato preavviso

  • potresti non avere diritto al sussidio di disoccupazione

Potresti parlare con il tuo responsabile per negoziare un accordo e magari offrirti di cercare una persona in grado di sostituirti.

Come si fa a dare le dimissioni senza preavviso?

Nel momento in cui decidi che è arrivato il momento di lasciare il tuo lavoro, e se la motivazione non rientra nella casistica delle situazioni esentate dal preavviso, è bene valutare con calma i passi da intraprendere per ridurre al minimo le conseguenze. Ricordati che mantenere un buon livello di comunicazione ti aiuterà ad avere un miglior margine di negoziazione. Cerca quindi di parlare con le persone giuste al momento giusto. Ecco alcuni step da seguire:

  1. Leggi bene il tuo contratto di lavoro. Fai attenzione alle clausole specificate in caso di recesso dal contratto e soprattutto alla normativa di riferimento, per esempio in quale CCNL rientra il tuo profilo.

  2. Verifica quanti sono gli anni di anzianità che hai maturato. I tempi di preavviso, e di conseguenza la somma di denaro trattenuta dall'azienda, variano anche in base a quanti anni hai lavorato nella stessa società. Se hai un'anzianità superiore ai cinque anni, il preavviso potrebbe essere anche di un mese.

  3. Parla con qualcuno in azienda. Prima di comunicare ufficialmente le tue dimissioni, cerca di parlare delle tue intenzioni con il diretto superiore o comunque con un responsabile. Questo potrebbe consentirti di avere più margine per negoziare un eventuale accordo e ottenere uno sconto sulla cifra trattenuta, oltre ovviamente a sapere a chi devi indirizzare le dimissioni.

  4. Rivolgiti a un sindacato o a un consulente del lavoro. Se preferisci non parlare in azienda della tua situazione, potresti rivolgerti a un sindacato o a un consulente, che potrebbero indicarti la strada giusta da seguire e informarti su cosa prevede la legge per il tuo caso specifico.

  5. Parla con l'azienda che dovrà assumerti. Se stai dando le dimissioni per un nuovo incarico, e l'azienda che ha intenzione di assumerti vuole che inizi il prima possibile, comunica immediatamente al nuovo datore di lavoro quali sono i tempi di preavviso e, se riesci, cerca di negoziare una tempistica che ti consenta comunque di evitare eccessive perdite finanziarie.

  6. Presenta le tue dimissioni online. Dopo aver compreso tempi e modalità, invia una lettera di dimissioni via email alla persona di riferimento e verifica se sia sufficiente presentare le dimissioni online, come previsto dalla legge a partire dal 2016, oppure se sia necessario integrare la comunicazione con una lettera di dimissioni.

Come si scrive una lettera di dimissioni?

Per prima cosa, dovresti verificare quali sono le modalità di dimissione nella tua azienda. Potrebbe essere necessario comunicare le dimissioni a voce e poi inviarle online secondo le nuove modalità, oppure integrare la comunicazione con una lettera specifica. Controlla questa procedura con l'ufficio del personale o il responsabile delle risorse umane. Una volta accertata la procedura, puoi inviare la tua lettera di dimissioni, per scelta o per procedura aziendale. Informati sui dati da inserire, come per esempio a chi devi indirizzare la lettera, ricordati di includere la data e invia la comunicazione il giorno stesso, perché il conteggio dei giorni di preavviso partirà da quella data. Ringrazia e spiega in maniera onesta e chiara le ragioni che ti hanno portato a prendere la decisione di lasciare il lavoro, ribadendo comunque che l'esperienza in azienda è stata importante per il tuo percorso professionale.

Esempio di lettera di dimissioni senza preavviso

Marina Rossi Marina.rossi@postapersonale.it

Egr. Responsabile Reparto Aziendale

E p.c. Responsabile risorse umane

GG/MM/AAAA Gentile direttore,

con la presente intendo rassegnare le mie dimissioni con effetto immediato, a decorrere dal giorno GG/MM/AAAA, come precedentemente comunicato a voce. Ho svolto l'incarico di ____ a partire dal GG/MM/AAAA, e intendo porgere i miei ringraziamenti per l'esperienza lavorativa portata a termine in questa azienda, che ha arricchito il mio bagaglio di esperienze e di competenze professionali, grazie alla collaborazione dei colleghi e dei miei diretti superiori. Purtroppo, a seguito di motivazioni personali, nello specifico ____, ho dovuto prendere la decisione repentina di lasciare il mio lavoro. Non potendo attendere, ho dovuto pertanto rinunciare al preavviso, che come da accordi verbali, verrà trattenuto con le seguenti modalità ____. Ringrazio nuovamente per la fiducia accordata e invio cordiali saluti, Marina Rossi

Data

Firma

Si prega di notare che nessuna delle aziende, istituzioni o organizzazioni menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Come scrivere una lettera di dimissioni volontarie

  • Come calcolare il periodo di preavviso in caso di dimissioni

  • Come scrivere una lettera di dimissioni dopo il congedo di maternità

  • Come dare le dimissioni telematiche

  • Come dare le dimissioni in maternità

  • Come licenziarsi senza perdere il diritto alla disoccupazione


Articoli correlati

Tutto quello che c’è da sapere su come dare le dimissioni