Come chiedere un aumento di stipendio - Strategie e consigli

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 7 ottobre 2022 | Pubblicato in data 31 agosto 2020

Aggiornato in data 7 ottobre 2022

Pubblicato in data 31 agosto 2020

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Dopo aver maturato anni di esperienza all'interno della stessa azienda è più che normale sentire la necessità di un aumento di stipendio. La crescita professionale è infatti uno degli obiettivi più importanti in ambito lavorativo, soprattutto quando si ama il lavoro che si svolge.

Non solo il tempo trascorso, ma anche i buoni risultati raggiunti e la dedizione messa nel proprio lavoro possono essere un valido motivo per chiedere un aumento. Ma come avanzare la proposta? In questa guida troverai le migliori strategie per farlo, dalla scelta del momento ai consigli da tenere a mente.

Quando chiedere un aumento di stipendio

Uno dei primi aspetti da valutare in questo contesto è quando chiedere un aumento. Farlo nel momento giusto è, infatti, uno dei fattori responsabili del buon esito della proposta. Occorre di fatto valutare la situazione finanziaria dell'azienda, il mercato della concorrenza, ma anche il carico di lavoro momentaneo del proprio datore di lavoro e i successi riportati nell'ultimo periodo.

Prima di chiedere l'aumento, non basta quindi domandarsi solo come fare, ma è altrettanto importante porsi una serie di domande per rendersi effettivamente conto di quale sia il momento più adatto per avanzare la proposta. Vediamo più nel dettaglio alcuni dei parametri da valutare.

Leggi anche: Che differenza c'è tra salario e stipendio?

1. Analizzare la situazione economica dell'azienda

Il primo parametro da considerare quando si ha intenzione di chiedere un aumento è la situazione finanziaria dell'azienda in cui si è impiegati. Ci saranno sicuramente, infatti, periodi in cui l'azienda per la quale si lavora sembrerà attraversare momenti particolarmente favorevoli e altri in cui sarebbe meglio andare più cauti. Tenerne conto è importante per far sì che la propria proposta vada a buon fine.

Cerca di prestare attenzione a elementi come report aziendali, dati di bilancio, notizie generali sull'andamento dell'industria in cui lavori e tendenze di mercato. In questo modo, dovresti avere un quadro completo per valutare la situazione economica della tua azienda e capire se è il momento giusto per chiedere l'aumento di stipendio desiderato.

2. Approfittare dei successi più recenti

Un altro punto che potrebbe giocare a favore nella scelta del momento più adatto per chiedere un aumento è quello relativo ai successi riportati sul lavoro. Uno dei tanti motivi per cui si può chiedere un aumento è proprio per ottenere un riconoscimento per gli obiettivi raggiunti in campo lavorativo.

Se hai da poco ottenuto un importante riconoscimento in azienda, se hai completato con successo un lavoro che ti era stato assegnato o, ancora, se hai di recente avuto un'idea brillante per accrescere il prestigio dell'azienda in cui lavori, questo è probabilmente il momento giusto per parlare con il tuo capo. Chiedere un aumento in un periodo in cui gli occhi sono puntati su di te per i tuoi meriti non potrà che giovarti.

Leggi anche: Capacità di problem solving: cos'è e come svilupparla

3. Considerare gli impegni del datore di lavoro

Così come la situazione finanziaria, anche gli impegni e il carico di lavoro affrontato dal datore di lavoro possono avere un peso non indifferente sull'esito della proposta di aumento. Anche la sensibilità e l'empatia, quindi, possono essere doti importanti quando si tratta di scegliere il momento più adatto per chiedere un aumento.

Presta attenzione a ciò che accade nella tua azienda, ai progetti in ballo, alle discussioni chiave del momento e cerca di prediligere un periodo di relativa calma e serenità per fare la tua proposta. Chiedere un aumento in un periodo favorevole per l'azienda e libero da fonti di stress esterne potrà darti un aiuto notevole nel ricevere una risposta positiva.

4. Pensare bene a cosa chiedere

Una volta trovato il momento giusto per chiedere l'aumento, è anche fondamentale pensare a cosa dire. Dimostrarsi sicuri della propria richiesta, con le idee chiare e i dati alla mano a supporto della ragionevolezza della propria domanda, è essenziale per fare una buona impressione con il datore di lavoro.

Anche in questo caso, sono molteplici i punti da tenere in considerazione per arrivare pronti, lucidi e preparati all'incontro, dal tono da utilizzare fino alla cifra da chiedere al momento dell'incontro. Analizziamone alcuni insieme.

5. Analizzare il mercato

Per arrivare ben preparati al momento della richiesta di aumento, è molto importante tastare in anticipo il terreno delle aziende simili a quella in cui si lavora. Capire come operano i tuoi competitor e quanto guadagna chi svolge il tuo stesso ruolo in altre realtà lavorative simili è essenziale per fare richieste ponderate e ragionevoli.

Di grande aiuto potrebbe essere consultare le tendenze di mercato per le posizioni lavorative che ti interessano, in modo da essere al corrente dell'ammontare dello stipendio medio di coloro che svolgono il tuo stesso lavoro. In questo modo sarai certo di avere una visione d'insieme sul trend di mercato e sul range entro il quale si potrà muovere la cifra da richiedere.

6. Considerare la propria storia professionale

Oltre a guardare a dati e cifre in vista dell'incontro, è anche molto utile ricordare a sé stessi la propria storia e crescita professionale all'interno dell'azienda, per capire quale sia la cifra più giusta da richiedere. Se fare un confronto con altre realtà può essere d'aiuto per sviluppare una prima idea sull'importo indicativo, è anche fondamentale considerare il proprio livello di specializzazione, il grado di studi posseduto e gli anni di esperienza maturati in azienda o nel settore, per capire a quanto poter aspirare.

Richiama alla memoria i risultati positivi raggiunti e ricorda di metterli in luce anche durante il colloquio con il tuo datore di lavoro; in più, pensa ad una percentuale di aumento che ti renderebbe soddisfatto dell'accordo raggiunto, tenendo però in considerazione l'analisi di mercato condotta in precedenza e la tua storia professionale.

Leggi anche: Esperienze lavorative nel Curriculum: consigli, esempi

7. Prestare attenzione al tono

Un ultimo punto su cui riflettere in vista dell'incontro con il proprio datore di lavoro è quello relativo al modo in cui porsi e alle formule da usare per fare una buona impressione. Essere il più spontanei e naturali possibile è sicuramente importante, ma avere una scaletta mentale di ciò che si vorrà dire è altrettanto utile per risultare disinvolti e sicuri.

Prepara una breve lista dei punti principali del tuo discorso: evita di esordire subito con la tua richiesta, ma metti al corrente il tuo datore di lavoro delle ricerche e dei dati raccolti, congratulati per i risultati raggiunti insieme e metti in risalto l'importanza del tuo contributo. Immagina le sue possibili risposte e reazioni per essere pronto a reagire in modo gentile e adeguato.

8. Fissare un incontro

Una volta sicuri dell'adeguatezza del momento e dopo aver studiato con cura la situazione e le parole da dire, è il momento di fissare un incontro con il proprio datore di lavoro. Questo punto è fondamentale per assicurarsi tutta la privacy necessaria e per far sì di avere tutta la sua attenzione in un momento così importante per la propria crescita professionale.

Quando si parla di questioni così serie, è sempre consigliato optare per una discussione privata faccia a faccia, piuttosto che avviare una conversazione in un'area comune, di fronte ai propri colleghi, o inviare semplicemente un'e-mail. Ricorda quindi di chiedere un incontro privato al tuo datore di lavoro, anticipandogli brevemente il motivo della tua richiesta, senza tuttavia scendere troppo nei dettagli.

Leggi anche: Come cambiare professione: suggerimenti del recruiter

Consigli per ottenere un aumento di stipendo

Ecco infine una serie di consigli da tenere sempre a mente durante l'incontro per fare una buona impressione con il proprio datore di lavoro, a prescindere dall'esito dell'incontro:

  1. Ricorda di ringraziare il tuo capo per il tempo che ti è stato concesso e per l'opportunità lavorativa che ti è stata data all'interno dell'azienda. Evidenzia la tua gratitudine nei suoi confronti, la passione che nutri per il tuo lavoro e la volontà di fare di più, soprattutto nel caso tu stia pensando a come chiedere un aumento di livello.

  2. Dimostrati sempre aperto all'ascolto, pronto a rispondere alle domande del tuo datore di lavoro e a fugare i suoi dubbi: riporta con attenzione e meticolosità i dati che hai raccolto e dimostra di esserti preparato a sufficienza prima di avanzare una richiesta di aumento di stipendio.

  3. Ricorda di chiedere al tuo datore di lavoro se è soddisfatto del lavoro che hai svolto fino a quel momento per lui e se c'è qualcosa che potresti fare per migliorare ulteriormente le tue performance lavorative e portare nuovi reali benefici all'azienda.

  4. Mostrati paziente e comprensivo e dunque lascia intuire al tuo capo che comprendi alla perfezione le sue domande, i suoi dubbi e timori. Usa il condizionale per avanzare le tue richieste e sii pronto a rispondere con gentilezza, anche quando i vostri punti di vista non sembrano coincidere. Oltre alla professionalità e alla competenza, infatti, il giusto atteggiamento può rivelarsi fondamentale per il buon esito della richiesta.

  5. Pensa che potrebbe esserci un tentativo di negoziazione. A questo punto, potresti assecondare la negoziazione e chiedere una cifra intermedia fra l'ammontare da cui eri partito e quello che ha proposto il tuo datore di lavoro in risposta. Se vedi resistenze eccessive, potresti concordare altri elementi a compensazione, come un orario flessibile, dei buoni pasto oppure delle ferie. Inoltre, puoi chiedere il motivo di tale rifiuto e sapere se potresti ottenere l'aumento vincolandolo al raggiungimento di un obiettivo.

Come vedi, le possibilità sono tante e, seguendo i nostri consigli, siamo certi che saprai come muoverti per chiedere un aumento di stipendio. Per idee e spunti interessanti sull'inserimento nel mondo del lavoro, puoi consultare la Guida alla carriera di Indeed che, fra le altre, offre sezioni dedicate a Trovare lavoroCV e lettere di presentazione e Crescita professionale.

Articoli correlati:

  • Come negoziare lo stipendio per un nuovo lavoro

  • Burnout sul lavoro: come prevenirlo e affrontarlo

  • High income skills: le capacità più richieste e pagate

  • ROL in busta paga: cosa sono e come si leggono

  • Qual è la differenza tra ROL e permessi?

  • Come cambiare settore lavorativo

  • Crescita personale e professionale

  • Capacità e competenze relazionali: cosa sono e come migliorarle







Articoli correlati

Come capire se il tuo capo ti stima

Esplora altri articoli