Quanto guadagna un metalmeccanico

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 15 giugno 2022

Pubblicato in data 3 gennaio 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Se stai dando un'occhiata alle offerte di lavoro per operai metalmeccanici, forse il motivo è che cerchi un impiego o vuoi cambiare azienda. Siccome sei nel settore o stai per firmare un contratto, certamente ti interessa conoscere lo stipendio dei tuoi colleghi e superiori, o semplicemente vuoi sapere quanto guadagna un metalmeccanico.
Per soddisfare la tua legittima curiosità, abbiamo consultato la fonte più affidabile a disposizione: il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro Metalmeccanica – Industria, i cui stipendi tabellari sono stati recentemente aggiornati. In questo articolo, vedremo quali sono le attuali retribuzioni dei lavoratori e delle lavoratrici di questo settore e di quanto aumenteranno nei prossimi anni.

Cosa fa e quanto guadagna un metalmeccanico

Prima di occuparci di quanto guadagna un metalmeccanico, vediamo brevemente di cosa si occupano questi professionisti.
Gli operai e le operaie del settore metalmeccanico si occupano di lavorazioni di tipo meccanico nella trasformazione del metallo in componenti e prodotti finiti. Gli stabilimenti in cui lavorano possono essere, tra gli altri, industrie metalmeccaniche, fonderie, fabbriche e officine meccaniche. Di conseguenza, anche le componenti e i pezzi prodotti possono avere diverse applicazioni.
Tra le attività principali, ci sono la programmazione e la messa in funzione di macchinari che lavorano le componenti metalliche, le fondono, rifiniscono e assemblano. Gli operai possono dover lavorare a mano determinate parti, occuparsi di caricarle e scaricarle e valutarne la qualità. In altre situazioni, i lavoratori conducono o supervisionano il funzionamento di macchinari che compiono queste azioni; possono dover far funzionare gli strumenti robotizzati e programmare i computer.
Il lavoro in ambito metalmeccanico può richiedere un intenso impegno fisico e comportare diversi rischi per la salute: sono infatti coinvolti componenti incandescenti, apparecchiature rumorose, strumenti taglienti e carichi pesanti.
Da questa rapida sintesi emerge chiaro un fatto: il settore metalmeccanico è molto vario e funziona grazie alla collaborazione di operai, tecnici, responsabili e progettisti con diverse competenze e responsabilità. Ecco perché la risposta alla domanda Quanto guadagna un metalmeccanico? non sarà univoca, ma dipenderà innanzitutto dal livello d'inquadramento.

CCNL Industria Metalmeccanica: che cos'è e perché è importante

Alla luce delle caratteristiche del settore, il lavoro dei metalmeccanici è regolato e tutelato dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL), un accordo stipulato tra i rappresentanti dei datori di lavoro e i sindacati dei lavoratori del settore metalmeccanico. Il contratto viene rinnovato periodicamente e fa riferimento a tabelle salariali, anch'esse aggiornate con regolarità.
Conoscere il contenuto del Contratto Collettivo è importante perché stabilisce le regole alla base dei contratti delle lavoratrici e dei lavoratori dell'industria metalmeccanica privata.

Si tratta della fonte principale se si vuole conoscere la retribuzione che spetta ai dipendenti del settore per ogni categoria o livello d'inquadramento, i diritti e gli obblighi dei lavoratori.
Insieme alla categoria e al livello d'inquadramento, ci sono altri elementi che incidono sullo stipendio di operai e operaie:

  • Incrementi retributivi periodici

  • Benefit di varia natura

  • Anni di servizio

Nei prossimi paragrafi approfondiremo questi temi, cominciando dai salari minimi e dalle novità significative che sono state introdotte di recente dalle contrattazioni sindacali.

Classificazione e inquadramento dei lavoratori

Il rinnovo del Contratto Collettivo, in vigore a partire dal 2021, ha modificato la classificazione dei lavoratori. Di fatto, è stato eliminato il livello 1, decisione che ha fatto passare i lavoratori del primo livello a quello superiore (il livello 1 era infatti il più basso).
L'ultima modifica del CCNL ha inoltre introdotto una classificazione unica che comprende 9 livelli d'inquadramento, che vanno da D1 ad A1.
Questi livelli sono raggruppati per campi di responsabilità di ruolo, da D ad A.

  • D1 e D2: ruoli operativi (ex livello 1, 2 e 3 metalmeccanico)

  • C1, C2 e C3: ruoli tecnico-specifici (ex livello 3S, 4 e 5 metalmeccanico)

  • B1, B2 e B3: ruoli specialistici e gestionali (ex livello 5s, 6 e 7 metalmeccanico)

  • A1: ruoli di gestione del cambiamento e innovazione (ex livello 8 metalmeccanico)

Conoscere il proprio livello d'inquadramento è importante per capire come ci si colloca nelle tabelle retributive e qual è il proprio minimo salariale di riferimento.

Leggi anche: Curriculum vitae per operaio: guida ed esempi

Tabelle retributive e aumento salariale 2021-2024

Le tabelle retributive rappresentano il punto focale della questione dei salari dei lavoratori metalmeccanici. Esse infatti indicano lo stipendio mensile minimo lordo per tutti i lavoratori, a seconda del livello d'inquadramento.
Allo scopo di adeguare i trattamenti salariali all'indicatore IPCA (relativo all'inflazione), all'ultimo rinnovo del CCNL è stato stabilito un incremento degli stipendi minimi del 6,15%. Tale aumento sarà distribuito in 4 tranches: a giugno 2021, giugno 2022, giugno 2023 e giugno 2024.
In altre parole, fino al 1° giugno 2024, per i lavoratori del settore metalmeccanico i minimi salariali sono destinati a salire ogni anno a inizio giugno.
Ecco quali sono gli stipendi mensili minimi e gli aumenti previsti per ogni livello d'inquadramento:

  • D1: da 1.488,89 € nel 2021, si passa progressivamente a 1.559,11 € nel 2024

  • D2: da 1.651,07 € nel 2021, si passa progressivamente a 1.728,95 € nel 2024

  • C1: da 1.686,74 € nel 2021, si passa progressivamente a 1.766,30 € nel 2024

  • C2: da 1.722,41 € nel 2021, si passa progressivamente a 1.803,64 € nel 2024

  • C3: da 1.844,64 € nel 2021, si passa progressivamente a 1.931,64 € nel 2024

  • B1: da 1.977,19 € nel 2021, si passa progressivamente a 2.070,45 € nel 2024

  • B2: da 2.121,20 € nel 2021, si passa progressivamente a 2.221,25 € nel 2024

  • B3: da 2.368,12 € nel 2021, si passa progressivamente a 2.479,81 € nel 2024

  • A1: da 2.424,86 € nel 2021, si passa progressivamente a 2.539,22 € nel 2024

Ora che conosciamo il salario di base lordo, possiamo prendere in considerazione gli altri elementi che vanno a integrare queste cifre.

Gli scatti di anzianità

I lavoratori che maturano anni di servizio presso la stessa azienda hanno diritto a un aumento della retribuzione mensile, il cosiddetto scatto di anzianità. Tale aumento incide sullo stipendio ogni due anni, a partire dal mese successivo a quello in cui si compie il biennio di anzianità. In poche parole, se una persona viene assunta il 10 maggio 2019 e il 10 maggio 2021 compie due anni di servizio presso l'azienda, il primo aumento di anzianità sarà conteggiato dallo stipendio del mese di giugno 2021.
All'interno di una stessa azienda, un lavoratore potrà beneficiare di un massimo di 5 scatti di anzianità, dunque quelli maturati con i primi 10 anni di lavoro.
Se ti stai chiedendo a quanto corrisponde lo scatto, devi consultare l'art. 6 del CCNL. L'aumento dipende dal tuo inquadramento e può essere compreso tra 21,59 € e 40,96 € al mese per scatto.

Leggi anche: Scatti di anzianità metalmeccanici: gli importi per il 2022

La tredicesima

I contratti di assunzione dei lavoratori di questo settore prevedono la cosiddetta tredicesima. Si tratta di una mensilità supplementare rispetto alle 12 annuali.

  • È erogata alla vigilia di Natale di ogni anno.

  • Viene calcolata sulla base della normale retribuzione di ogni dipendente (quindi non sui minimi tabellari).

  • L'azienda può anche prendere accordi specifici con le organizzazioni sindacali per erogare la tredicesima dilazionandola sulle 12 mensilità anziché in un'unica soluzione al 24 dicembre.

Leggi anche: Come si calcola la tredicesima mensilità e quando viene pagata

Il premio di risultato

Secondo quanto pattuito nel CCNL, ciascuna azienda si impegna a stabilire dei parametri di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione. In base a questi parametri, che devono essere misurabili in maniera oggettiva, i lavoratori possono ricevere un eventuale premio di risultato nell'anno successivo a quello di riferimento.
Ovviamente si tratta di una variabile eventuale, ma può incidere più o meno sensibilmente sullo stipendio dei lavoratori metalmeccanici.

I flexible benefit

I lavoratori e le lavoratrici del settore metalmeccanico beneficiano di bonus, detti flexible benefit, che permettono loro di acquistare beni e servizi per la vita personale. Ogni anno vengono messi a disposizione dall'azienda e devono essere utilizzati entro l'anno successivo. Ammontano a:

  • 150 € da ottobre 2021

  • 200 € da settembre 2022

Ora che sai quanto guadagna questa figura professionale, cerca offerte di lavoro come metalmeccanico su Indeed.

Le retribuzioni indicate riflettono i dati riportati sui siti citati nel momento in cui questo articolo è stato redatto. Le cifre possono variare in base all'azienda, alla zona, all'esperienza e alla formazione dei candidati.

Articoli correlati

Da RAL a retribuzione netta: come calcolare lo stipendio

Esplora altri articoli