Quanto guadagna un oculista? Salario medio e fattori che influenzano lo stipendio

Di Team editoriale di Indeed

13 maggio 2022

Di cosa si occupa l'oculista e quanto guadagna? Dietro a ogni sguardo c'è un mistero! Ma anche scienza e conoscenza. Se ne occupano una serie di figure professionali, tra cui la più nota è quella dell'ottico, esperto degli occhi e della loro salute. In caso di interventi o di complicazioni maggiori, invece, entra in gioco l'oculista, il medico specializzato nella cura degli occhi. Forse ti interessa scoprire di più su questa figura, per capire se è la carriera che fa al caso tuo. In questo articolo daremo un'occhiata allo stipendio dell'oculista e quale possibilità di crescita offra.

Quanto guadagna un oculista?

Il salario medio di un oculista, in Italia, è 73.485 € all'anno. Lo stipendio può variare in base al livello di esperienza, alla specializzazione e al luogo in cui ti trovi. È sicuramente una professione molto richiesta e preziosa, che offre un grande servizio in maniera tangibile.

Cosa fa l'oculista?

C'è una differenza che forse non conosci tra l'ottico, l'ottico optometrista e l'oculista. L'oculista è un medico chirurgo specializzato in oftalmologia. Per questo motivo è in grado di trattare e occuparsi di una varietà di disturbi superiore rispetto a quanto sia possibile a un ottico. Esegue e interpreta esami diagnostici, effettua chirurgie all'occhio e tratta i disturbi oculomotori. Oltre a questo, ordina le lenti a contatto e gli occhiali. Ecco di cosa si occupa l'oculista!

Leggi anche: Come diventare oculista

Fattori che influenzano lo stipendio

Ecco quali sono i fattori che in questa professione influenzano maggiormente lo stipendio:

  1. Dove ti trovi:
    Dove pratichi può avere un impatto sul tuo stipendio. Per esempio, gli oculisti in aree ad alto costo della vita come le grandi città possono aspettarsi di guadagnare di più dei medici nelle piccole città dove il costo della vita è molto più basso. Lo stipendio può variare anche da paese a paese.
    In Francia, per esempio, questa professione si trova al terzo posto delle specializzazioni mediche meglio remunerate, con uno stipendio annuale di 151.000 €;

  2. Che specializzazione scegli di fare:
    In Medicina, la Specializzazione in Oftalmologia è una delle più remunerate. Al suo interno, tuttavia, ci sono diverse sotto categorie: oftalmologia pediatrica, chirurgia palpebrale, strabismo, uveiti e neuro-oftalmologia.

  3. Anni di esperienza:
    Anche in questo campo l'esperienza fa la differenza.

Nel prossimo paragrafo scopri quali scelte possono modificare in meglio la tua carriera da oculista.

Scegliere di crescere

Come per qualsiasi lavoro, per acquisire esperienza come oculista, è essenziale praticare costantemente. Ogni datore di lavoro cerca di assumere individui con esperienza nel loro campo. Di conseguenza, lavorare come oculista per molti anni può aiutarti a contrattare per ottenere guadagni migliori. Finché puoi dimostrare il tuo livello di competenza, i datori di lavoro sono spesso disposti a pagare per le tue conoscenze. Indipendentemente dallo stipendio medio nazionale, la competenza nel tuo campo sostenuta da un'esperienza a lungo termine può farti guadagnare una paga migliore. Anche a fronte di questa consapevolezza, potrai considerare di cambiare località e andare dove il tuo lavoro viene maggiormente riconosciuto.

1. Trasferirsi

Trasferirsi in città è un altro modo per guadagnare di più come oculista, dato che gli stipendi variano anche in base alla posizione. Puoi controllare le città più remunerative di Italia nel settore dell'oculistica, oppure considerare di trasferirti all'estero. Prima di prendere la decisione di trasferirsi, assicurati di fare domanda e di ottenere il lavoro. Puoi controllare le politiche economiche e il tenore di vita della zona. Questo ti permette di prepararti adeguatamente a vivere in una nuova località con un nuovo lavoro.

2. Ottenere una promozione

Ottenere una promozione come oculista di solito aumenta i tuoi guadagni. I motivi in base ai quali gli individui vengono promossi possono variare da organizzazione a organizzazione. Alcuni ospedali richiedono che il dipendente dimostri il suo valore, la sua competenza e conoscenza della professione, mentre altri possono includere una buona etica del lavoro e dei valori. Essendo un lavoro che prevede il contatto continuo con le persone, anche qualità di empatia e intelligenza emotiva vengono riconosciute e apprezzate. Daranno i loro frutti nel tempo, quando la clientela apprezzerà la tua professionalità e la tua umanità al tempo stesso. Intanto scopri i requisiti per essere promosso nella tua organizzazione e lavora sodo per soddisfarli.

3. Sviluppare le proprie competenze

Lo sviluppo delle competenze è un processo di identificazione delle lacune e dei punti di forza nel tuo set di competenze. Solo conoscendo dove eccelli e dove hai ancora da lavorare potrai effettivamente crescere, adottando tutte le misure necessarie per migliorare il migliorabile e onorare gli ambiti dove già eccelli.

Per ottenere una retribuzione elevata come oculista, è importante valutare le proprie competenze e identificare le aree che necessitano di miglioramento. Se la tua organizzazione non prevede questo, puoi scegliere di iscriverti alla formazione sul miglioramento della qualità per oculisti e operatori sanitari. Utilizzando diversi metodi, questi programmi possono insegnare ai partecipanti come migliorare la loro coordinazione occhio-mano e la formazione più efficace disponibile sul campo. Più sei abile come oculista, più la tua prestazione diventa rilevante.

Leggi anche: Come migliorare le tue capacità personali sul lavoro

Qualità indispensabili

Se vuoi fare l'oculista, oltre ad amare questa specializzazione, ci sono alcune caratteristiche che è indispensabile avere. Eccole:

  • Una spiccata attenzione al dettaglio:
    Chi ha detto che i dettagli sono secondari? Per un oculista tutto è dettaglio e gli strumenti che usa sono di una precisione millimetrica.

  • Una vasta conoscenza scientifica:
    Matematica, biologia, chimica e altre scienze rientrano nel bagaglio necessario per operare in questo ruolo.

  • Concentrazione:
    Per operare gli occhi, è necessario riuscire a mantenere l'attenzione fissa sull'area che si sta analizzando è fondamentale.

  • Flessibilità nell'uso delle tecnologie:
    Per stare al passo coi tempi a volte non basta camminare. Dato l'uso di metodiche computerizzate di alta precisione (GDX, OCT, HRT) che sono sempre in divenire, l'oculista impara ad adattarsi ai nuovi sofisticati impianti tecnologici che rendono il suo lavoro più efficace e accurato.

  • Comunicazione empatica:
    Lavorando a stretto contatto con le persone, è sempre indispensabile unire un buon modo di fare con gentilezza e disponibilità.

Leggi anche: Comunicazione e capacità comunicative nel lavoro: come svilupparle e metterle in risalto

Compiti di un oculista

Gli oculisti sono specialisti degli occhi e sono formati e istruiti per trattare tutti i tipi di problemi agli occhi. Di seguito sono riportati i principali compiti del loro lavoro:

  • Dialogo informativo con i pazienti:
    L'oculista è responsabile dell'acquisizione di informazioni cruciali sulla storia della salute e sui sintomi attuali di un paziente, sia che si tratti di un nuovo paziente o di uno che è stato precedentemente trattato. Gli si può anche chiedere di registrare accuratamente i sintomi e le diagnosi.

  • Esaminare i pazienti:
    Gli oculisti esaminano i pazienti per determinare la salute generale degli occhi del paziente. Durante queste valutazioni cercano disturbi, tra cui la degenerazione muscolare, il glaucoma, la cataratta o la riduzione della vista, ed elaborano una strategia di trattamento per risolvere la condizione.

  • Eseguire procedure chirurgiche:
    Se la diagnosi di un paziente richiede un intervento chirurgico, l'oculista è incaricato di completare la procedura. Questo include valutazioni pre- e post-intervento e istruzioni di auto-cura per aiutare il paziente a recuperare più velocemente.

  • Mantenere gli strumenti e gli attrezzi:
    Gli oculisti impiegano una varietà di attrezzi e strumenti durante i loro esami e operazioni. Sono responsabili di assicurare che questi strumenti siano maneggiati con cura e puliti dopo ogni uso.

Questa è un'infarinatura sulla professione dell'oculista. Puoi approfondire ulteriormente la tua ricerca e al tempo stesso chiedere a professionisti. A qualsiasi professionista fa piacere condividere la propria storia, competenze e trucchi del mestiere con chi è interessato allo stesso cammino. Approfittane e prenota un incontro per parlare direttamente con un oculista di fiducia. Chiedi delucidazioni sulla professione e vedrai che non te ne pentirai. Lasciati ispirare!

Le retribuzioni indicate riflettono i dati riportati su Indeed Stipendi nel momento in cui questo articolo è stato redatto. Le cifre possono variare in base all'azienda, alla zona, all'esperienza e alla formazione dei candidati.

Articoli correlati

Quanto guadagna un chirurgo in Italia?