Retribuzione e stipendio

Quanto guadagna un fisioterapista in Italia e all'estero

Se ti è mai capitato di subire un infortunio alle ossa o alle articolazioni, ad esempio ai legamenti del ginocchio, probabilmente avrai dovuto affrontare un percorso di riabilitazione con un fisioterapista.

Il fisioterapista è esperto in una tra le specialità più antiche della medicina, la fisioterapia, ossia la disciplina che si occupa di tutte le disfunzioni che interessano il sistema muscoloscheletrico, viscerale e neurologico. Se hai deciso di intraprendere questa carriera, ti interesserà sapere quanto guadagna un fisioterapista.

Quanto guadagna un fisioterapista in Italia?

I fisioterapisti in Italia percepiscono stipendi che variano in base al settore e alle competenze specifiche. Il fisioterapista, infatti, è un professionista altamente specializzato che, grazie a particolari manipolazioni, massaggi e altre tecniche, è in grado di alleviare le sintomatologie del paziente ripristinando mobilità, equilibrio e forza nelle aree del corpo trattate. Grazie a questa sua particolare specializzazione, che lo rende una figura professionale molto richiesta, un fisioterapista può aspettarsi in Italia uno stipendio mensile che va da un minimo di 1.100 euro fino ad un massimo di circa 5.000 euro.

Dopo aver conseguito la laurea e avere ottenuto l'abilitazione per esercitare la professione, come fisioterapista potrai scegliere se lavorare nel settore pubblico o in quello privato. In base a questa decisione le condizioni lavorative e i guadagni a cui potrai ambire saranno diversi.

Quanto guadagna un fisioterapista in una struttura pubblica?

Lavorando come dipendente nel settore pubblico, il tuo stipendio sarà leggermente inferiore rispetto a quello che potresti ricevere in una struttura privata o come libero professionista.

In cambio, non dovrai preoccuparti di trovare clienti e di rivolgerti a un commercialista per gestire la contabilità. Come fisioterapista impiegato in una struttura pubblica, puoi aspettarti uno stipendio che va dai 1.100 ai 1.800 euro al mese. In caso ti voglia specializzare in fisioterapia sportiva, il tuo guadagno mensile salirà fino a 2.000 euro circa.

Quanto guadagna un fisioterapista in una struttura privata?

Nel settore privato i guadagni del fisioterapista aumentano leggermente. Innanzitutto, dovrai scegliere se lavorare come dipendente o aprire il tuo studio di fisioterapia. Come dipendente, potrai lavorare in strutture quali cliniche private, centri sportivi, centri di riabilitazione, case di cura e centri per anziani. Lo stipendio è generalmente stabilito su base oraria e si aggira attorno ai 10 euro l'ora.

Diverso il caso per chi invece decide di intraprendere una carriera da imprenditore. In questo caso, dovrai avere uno studio o essere disponibile a effettuare visite a domicilio. Lavorando da privato, potrai puntare a stipendi che oscillano tra i 2.000 euro e i 3.000 euro al mese. Ovviamente, molto dipenderà dalla tua abilità imprenditoriale e dalla soddisfazione dei tuoi clienti. Inoltre, il tuo stipendio sarà direttamente proporzionale al numero di clienti seguiti, alle terapie offerte, al tuo livello di specializzazione e alla tua esperienza.

Le spese da sostenere

Una volta che il tuo studio e la tua carriera saranno ben avviati, potresti arrivare a guadagnare 5.000 euro al mese e più. Ricorda però che, oltre alle maggiori responsabilità legate al lavoro in proprio, dovrai fare i conti con oneri fiscali maggiori e una serie di spese aggiuntive legate all'affitto del locale, al mantenimento e all'aggiornamento delle attrezzature, oltre alla retribuzione di eventuali dipendenti a carico.

Come varia il guadagno di un fisioterapista in base all'esperienza?

Come è giusto aspettarsi, il guadagno di un fisioterapista dipende direttamente dalla sua esperienza sul campo. Un fisioterapista alle prime armi, e quindi con meno di tre anni di esperienza, può ambire a uno stipendio medio che si aggira attorno ai 1.380 euro netti mensili.

Raggiunta una certa maturità di carriera (dopo un minimo di quattro anni di esperienza), lo stipendio medio sale fino a raggiungere circa 1.500 €. Superati i nove anni di esperienza, un fisioterapista viene considerato "senior" e può ambire a uno stipendio di oltre 2.000 euro. A fine carriera, dopo circa 20 anni di servizio, lo stipendio può superare i 2.500 euro.

Specializzazione: guadagnare di più specializzandosi in una branca della fisioterapia

Un buon modo per dare un impulso alla tua carriera e guadagnare di più come fisioterapista è quello di specializzarti in uno dei seguenti settori.

Fisioterapia pediatrica

Se ami lavorare a contatto con i bambini, la fisioterapia pediatrica fa al caso tuo. I fisioterapisti specializzati in pediatria lavorano con minori di varie età, dai neonati agli adolescenti, e si occupano di trattare una varietà di problematiche che impediscono ai bambini di crescere correttamente.

Tra le problematiche più ricorrenti trattate dai fisioterapisti pediatrici troviamo i ritardi nello sviluppo, la fibrosi cistica, le scoliosi e altri problemi di natura neurologica. Inoltre, questi professionisti insegnano ai genitori come occuparsi al meglio dei loro bambini. Lo stipendio minimo per chi si specializza in questo settore si aggira attorno ai 1.300 €.

Fisioterapista sportivo

Il fisioterapista sportivo aiuta gli atleti che hanno subito infortuni. Fare sport, si sa, è fondamentale per stare in forma, ma allo stesso tempo chi pratica regolarmente sport può essere esposto a piccoli e grandi traumi. Il fisioterapista sportivo si occupa proprio di alleviare il dolore e di aiutare il corpo a guarire dai traumi causati dall'attività fisica intensa.

Tra i fisioterapisti più pagati in Italia troviamo proprio quelli che lavorano con squadre di calcio e professionisti dello sport. Lo stipendio di un fisioterapista sportivo può raggiungere e superare i 2.000 €.

Fisioterapista geriatrico

Il fisioterapista geriatrico si prende cura degli anziani ed è un profilo specializzato sempre più richiesto. Aiuta i pazienti anziani a mantenere la mobilità articolare e il tono muscolare, a combattere osteoporosi e artriti, ad arginare i danni causati dalle malattie degenerative come Parkinson e Alzheimer.

L'obiettivo del fisioterapista geriatrico è quello di mantenere i suoi pazienti in salute e attivi, per migliorare così la qualità della loro vita. Come fisioterapista geriatrico puoi guadagnare cifre attorno ai 1.600 €.

Fisioterapista specializzato in elettrofisiologia clinica

Questo particolare fisioterapista utilizza l'elettroterapia per trattare i disturbi dei suoi pazienti. L'elettroterapia, che prevede l'utilizzo di macchinari per la stimolazione elettrica, è una tecnica che può velocizzare la guarigione delle ferite, rilassare i muscoli, ridurre il dolore e stimolare la circolazione.

Tra le ferite tipiche trattate con questa tecnica vi sono le ulcere diabetiche, le abrasioni e le lacerazioni, nonché le incisioni chirurgiche. Un fisioterapista specializzato in elettrofisiologia guadagna circa 1.500 € al mese.

Fisioterapista specializzato in neurologia

Il fisioterapista specializzato in neurologia lavora sul sistema nervoso centrale e periferico. I suoi pazienti potrebbero avere problematiche e lesioni legate al cervello e al midollo osseo, come sclerosi multipla, sciatica, fibromialgia e paralisi cerebrale. Il fisioterapista neurologico si occupa di ridurre i deficit motori legati a queste problematiche, aiutando i pazienti a mantenere la mobilità, la coordinazione, le sensazioni e l'equilibrio.

Chi si specializza in questo settore lavorerà negli ospedali, nei centri di riabilitazione e nelle case per anziani, percependo uno stipendio di circa 1.500 €.

Fisioterapista ortopedico

Tra le specialità della fisioterapia più popolari, l'ortopedia tratta una serie di complicazioni legate a ossa, muscoli, legamenti, tendini e articolazioni. Gli specialisti di questa disciplina si occupano di pazienti molto diversi tra loro, come quelli affetti da artrite, fratture e lussazioni, ma anche di chi ha protesi articolari.

Il fisioterapista ortopedico utilizza tecniche quali lo stiramento, l'allenamento di forza, le applicazioni di compresse calde e fredde, l'elettrostimolazione. Lo stipendio minimo di un fisioterapista ortopedico si aggira sui 1.300 €.

Leggi anche: Come diventare fisioterapista

Quanto guadagna un fisioterapista all'estero?

Ora che conosci lo stipendio medio dei fisioterapisti in Italia, vediamo quanto guadagna un fisioterapista all'estero.

In Germania

Lo stipendio dei fisioterapisti tedeschi supera quello dei colleghi italiani. Lo stipendio minimo nelle città tedesche si aggira attorno ai 1.300-1.500 € netti al mese per i fisioterapisti alle prime armi. Occorre però tenere in considerazione che il costo della vita in Germania è generalmente più alto.

In Svizzera

In Svizzera i fisioterapisti alle prime armi percepiscono retribuzioni maggiori che in Italia. Lo stipendio di un neofita si attesta sui 1.300 € circa al mese, ma può superare i 4.000 € una volta raggiunta una certa esperienza.

Nel Regno Unito

Nel Regno Unito il costo della vita è elevato. Di conseguenza, gli stipendi, inclusi quelli dei fisioterapisti, sono generalmente più alti che in Italia. Lo stipendio base dei fisioterapisti neolaureati è di circa 20.000 sterline all'anno, ma può salire fino a 35.000 dopo pochi anni di esperienza. Se desideri lavorare nel Regno Unito dai un'occhiata ai nostri consigli su come scrivere il tuo curriculum in inglese.

Negli USA

Negli USA la figura del "physical therapist" è molto richiesta. Negli States, lo stipendio medio è di 50.000 dollari all'anno, che può salire velocemente fino a 80.000 dollari se si ha esperienza e se si è specializzati in una delle discipline menzionate nei paragrafi precedenti.

Consulta le offerte di lavoro per fisioterapista su Indeed.

Articoli correlati

Visualizza altro 

Qual è lo stipendio di un pilota di aereo e da cosa dipende?

Scopri quanto guadagna un pilota di linea, un pilota militare e un pilota di aerei privati insieme all'esperienza e alle qualifiche necessarie per essere un pilota.

Quanto guadagna un cuoco in base all'esperienza

Scopri quanto guadagna un cuoco in Italia in base agli anni di esperienza, dai cuochi alle prime armi fino agli chef stellati, e come diventare chef.