Come diventare dietologo

Di Team editoriale di Indeed

17 novembre 2021

Se alimentazione e nutrizione sono tra i tuoi interessi e vuoi capire come diventare dietologo, questo articolo ti aiuterà a fare chiarezza e approfondire le tue conoscenze in materia. Il dietologo è un medico specialista in alimentazione, che prepara e formula diete ad hoc per i pazienti, aiutandoli a seguire uno stile di vita e un regime alimentare adatto alle loro esigenze. L'alimentazione è infatti alla base della salute, e negli ultimi anni c'è sempre più attenzione a quest'ambito. Questo articolo ti aiuterà a capire chi è il dietologo, di cosa si occupa, il percorso accademico e l'ambiente lavorativo.

Di cosa si occupa il dietologo

Per diventare dietologi è necessario conseguire la laurea in Medicina e Chirurgia e poi frequentare la scuola di specializzazione in Scienze dell'Alimentazione. Il lavoro dei dietologi consiste principalmente nello svolgere diagnosi, prescrivere farmaci ed elaborare diete adatte alla costituzione e alla situazione dei singoli individui. Il dietologo è un professionista altamente specializzato e, delle tre categorie di professionisti che si occupano di alimentazione in Italia (ovvero dietologo, dietista e nutrizionista), quella del dietologo è la figura più completa. A differenza delle altre due figure professionali, è un medico, e quindi può fare diagnosi di patologie, così come prescrivere farmaci e diete. Spesso i pazienti si rivolgono al dietologo quando è necessario diagnosticare o curare una patologia come il diabete, l'obesità, disturbi alimentari quali anoressia, bulimia o binge eating, o in caso di intolleranze alimentari.

La visita dietologica

Tramite la visita dietologica il dietologo valuta lo stato nutrizionale di una persona, svolge l'eventuale diagnosi di un quadro di malnutrizione e imposta una terapia adatta. Vediamo nello specifico le tre fasi di una visita dietologica:

  1. Analisi del paziente. Il primo passo consiste nella preparazione di un cartella clinica, che permetterà al dietologo di avere una panoramica delle caratteristiche fisiologiche e patologiche del paziente. Nella cartella clinica si terrà conto anche dei risultati di eventuali esami del sangue effettuati precedentemente. Se il paziente non si è sottoposto recentemente a esami, sarà il dietologo stesso a prescriverli. Potrebbe essere necessario inoltre ricorrere a esami strumentali, come l'ecografia dell'addome, gastroscopia o colonscopia. Il medico svolge quindi l'anamnesi del paziente, che terrà conto del suo percorso ponderale e farmacologico, le abitudini alimentari, lo stile di vita del paziente, il suo quadro familiare e lavorativo e l'eventuale attività fisica svolta.

  2. Si passa poi alla visita vera e propria, in cui il dietologo esamina peso, altezza e diametri del paziente per poi calcolare l'indice di massa corporea. Attraverso tale valore è possibile calcolare l'eventuale obesità o sovrappeso.

  3. Preparazione del piano dietetico personalizzato. A questo punto, il dietologo elaborerà un piano dietetico sulla base dei dati raccolti e delle condizioni del paziente. A seconda del tipo di malnutrizione riscontrata, cambierà lo scopo della visita dietologica: se il paziente è in una condizione di sovrappeso oppure di obesità, il piano dietetico mirerà alla perdita di peso entro circa due mesi dalla prima visita per ridurre il rischio cardiovascolare e metabolico. Se invece la situazione è opposta, tramite il piano dietetico personalizzato si cercherà di migliorare l'alimentazione del paziente, in modo da apportare i nutrienti di cui può essere carente.

Come diventare dietologo

Il percorso per diventare dietologo è lungo e articolato: andiamo a vedere quali sono i passaggi necessari per esercitare questa professione.

Il percorso accademico

Il dietologo è laureato in Medicina e Chirurgia (classe LM-41, della durata di 6 anni), e ha poi conseguito una specializzazione in Scienze dell'Alimentazione, della durata di altri 4 o 5 anni, a seconda dell'università. Ogni anno il MIUR definisce il numero di posti disponibili a livello nazionale per chi vuole studiare Medicina e Chirurgia e, per accedere a tale corso di laurea, è necessario superare il test d'ingresso. Tale test è tra i più impegnativi, non solo per i quesiti ma anche per l'elevata competitività, essendo moltissimi gli studenti che aspirano ad accedere al corso di laurea. Vengono posti quesiti di cultura generale, logica, biologia, chimica, fisica e matematica. Anche per l'accesso al Corso di Specializzazione in Scienze dell'Alimentazione è previsto un numero limitato di posti definito dal MIUR con decreto ministeriale. Entrambi i corsi prevedono lo svolgimento di tirocini. Da marzo 2020, il MIUR ha abolito l'esame di Stato per Medicina: dopo aver ottenuto il giudizio d'idoneità del tirocinio pratico valutativo, i laureati in Medicina sono da ritenersi abilitati alla professione. Il medico dietologo può quindi iniziare ad esercitare la professione, che consiste nel curare sia pazienti affetti da problemi alimentari di varia natura, sia pazienti sani che desiderano una dieta personalizzata basata sulle loro esigenze.

Differenza tra dietologo, dietista e nutrizionista

Spesso si crea confusione riguardo a queste tre figure professionali che si occupano di alimentazione. Se ti interessa il campo dell'alimentazione e della nutrizione, ti sarà utile scoprire le principali differenze tra questi professionisti, in modo da valutare al meglio i prossimi passi della tua istruzione o specializzazione:

  • Dietologo. Come abbiamo visto, il dietologo è un medico specializzato in scienze dell'alimentazione. Oltre al diverso percorso accademico, la sua figura professionale si differenzia dalle altre perché può fare diagnosi e prescrivere farmaci.

  • Dietista. A differenza del dietologo, il dietista non è un medico ma un operatore sanitario competente, che si occupa di alimentazione e nutrizione. Per diventare dietista bisogna conseguire la laurea in Dietistica (di primo livello), che fa parte del gruppo delle lauree in professioni sanitarie tecniche (L/SNT3). Si tratta di un corso di laurea di 3 anni caratterizzato da una parte teorica e una parte pratica, costituita dallo svolgimento di tirocinio formativo. Come la laurea in Medicina, è un corso a numero chiuso e a determinare il numero di posti disponibili è il MIUR. L'esame finale è abilitante, corrisponde cioè all'Esame di Stato per l'esercizio della professione. Il dietista non può fare diagnosi di malattie né prescrivere farmaci, ma solo integratori. Se la dieta contiene specifiche grammature, ed è quindi da intendersi come terapia dietetica, sarà necessaria la prescrizione del medico.

  • Nutrizionista. Detto anche biologo della nutrizione, il lavoro del nutrizionista consiste nella preparazione di diete e nel mettere a disposizione dei pazienti delle indicazioni per un'alimentazione corretta, finalizzata a migliorare benessere e salute del paziente. Per diventare nutrizionista è necessario conseguire una laurea magistrale a scelta tra Biologia o Scienze della Nutrizione e poi superare l'esame di Stato, costituito da due prove scritte, una orale e una pratica. Infine, il nutrizionista è iscritto all'Ordine Nazionale dei Biologi. Come il dietista, può solamente consigliare l'assunzione di sostanze che non siano farmaci, per esempio integratori e prodotti dietetici a supporto dell'alimentazione dei suoi pazienti e, non essendo medico, non può fare diagnosi.

Articoli correlati:

  • Come diventare nutrizionista

  • Come diventare dietista

  • Come diventare nutrizionista

  • Come diventare nutrizionista sportivo

Dove lavora un dietologo

Il dietologo può lavorare in vari ambienti. Innanzitutto, può aprire un suo studio, oppure unirsi allo studio di altri colleghi, ed esercitare la professione come libero professionista. Oppure, il medico dietologo può trovare impiego in numerose strutture, come:

  • ospedali pubblici

  • cliniche private

  • palestre

  • scuole

  • aziende che operano in campo alimentare

  • centri di fitness

  • strutture termali e curative.

Ora che sai quale ruolo svolge il dietologo, quali studi deve intraprendere e in che ambiente andrà a lavorare, puoi decidere se questa professione rispecchia il tuo ambito di interesse. Se desideri continuare a cercare altre idee e leggere spunti interessanti sul mondo del lavoro, dai uno sguardo alla sezione Guida alla carriera di Indeed.

Articoli correlati

Come diventare medico di base