Come diventare educatore cinofilo

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 21 febbraio 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Educare i cani è un vero e proprio stile di vita. Lavorare come educatore cinofilo è un percorso arricchente, interessante, dinamico e libero e in più, stare all'aria aperta a contatto con l'animale da compagnia più amato del mondo è un lavoro ambito e sempre più richiesto. Se vuoi scoprire come diventare educatore cinofilo, leggi questa breve guida.

Cosa fa e come diventare educatore cinofilo

Gli educatori cinofili hanno una missione importante: aiutare le persone e i loro cani a trovare un equilibrio ottimale in famiglia e in società. L'educatore cinofilo, diverso dall'istruttore, è una figura professionale che si occupa di addestrare il cane a seguire delle regole semplici e di aiutare i proprietari a gestire il proprio animale in vari contesti, soprattutto insegnandogli ad adattarsi alla routine quotidiana, come ad esempio gli orari in cui dovrà rimanere in casa da solo o le uscite e le passeggiate. Gli educatori sono anche veri e propri consulenti, che aiutano le persone a risolvere i problemi comportamentali dei loro amici a quattro zampe, fornendo supporto nell'integrazione di cani adottati dai canili e/o nella scelta dell'animale più adatto e suggerendo anche indicazioni sull'alimentazione più appropriata. La figura dell'istruttore cinofilo, invece, si occupa di addestrare i cani per compiti specifici, come ad esempio le gare di agility, la ricerca di mine antiuomo o di sostanze stupefacenti o il soccorso di persone in difficoltà sotto la guida del personale della Protezione Civile. Si tratta di una professione diversa, che prevede competenze di livello più avanzato.

Competenze di un educatore cinofilo

La caratteristica fondamentale dell'educatore cinofilo o dell'educatrice cinofila è l'amore per i cani, unito alla passione per la natura. Questa professione, infatti, ti dà la possibilità di trasformare la tua passione in un lavoro. Potrai lavorare nella natura, stare a contatto con gli animali, fare un lavoro dinamico e ricco di soddisfazioni. Fra i requisiti principali per poter svolgere questa professione troviamo alcune attitudini personali, come ad esempio:

  • pazienza

  • ascolto

  • abilità nella comunicazione

  • flessibilità

  • empatia

  • fermezza

  • propensione al comando

Occorre inoltre acquisire competenze specifiche per lavorare con gli animali, come:

  • psicologia dei cuccioli e del cane

  • veterinaria

  • tecniche ludiche ed educative

  • primo soccorso veterinario

  • psicologia umana

  • tecniche di educazione

  • linguaggio del cane

  • aspetti giuridici della cinofilia.

Come diventare educatore cinofilo?

Per lavorare nel settore della cinofilia, a qualsiasi livello, è necessario seguire un percorso formativo specifico e conseguire un tesserino abilitante alla professione. Successivamente, sarà necessario entrare in contatto con associazioni e società che lavorano con i cani, oppure con clienti privati. Tutto dipende dai tuoi obiettivi di carriera.

1. La formazione

Per diventare professionista nell'educazione dei cani devi seguire una formazione specifica. In particolare, dovrai frequentare un corso riconosciuto dalle principali associazioni di educatori cinofili in Italia e acquisire tutte le nozioni teoriche e pratiche utili per poter interagire con i cani, conoscere la loro psicologia ed educarli in modo tale da facilitare la convivenza con i loro proprietari. La formazione di educatore ti permette di completare il secondo livello del percorso formativo come professionista cinofilo, che potrai proseguire diventando addestratore, istruttore, giudice e infine formatore, in base alle qualifiche del Settore Sportivo Nazionale per la Cinofilia. Quindi, per diventare educatore cinofilo dovrai:

  • completare la formazione teorica e pratica riconosciuta dalle associazioni di cinofilia come l'APNEC, l'ENCI o l'ACSI

  • conseguire il tesserino

  • fare un periodo di pratica.

Soprattutto, inoltre, dovrai verificare di essere in possesso dei requisiti per iscriverti ai corsi di formazione:

  • diploma di scuola media inferiore

  • età superiore ai 16 anni

  • non avere pendenze penali.

Per i minorenni è necessaria l'autorizzazione dei genitori e l'abilitazione a esercitare la professione potrà essere conseguita solo dopo i 18 anni.

2. Cercare lavoro come educatore cinofilo

Gli sbocchi lavorativi e le prospettive di carriera nel settore della cinofilia sono molteplici e di vario livello. Puoi iniziare, appunto, come educatore o educatrice, occupandoti dell'interazione tra cane e padrone, per poi salire di livello e svolgere incarichi più complessi. Le opportunità di lavoro come educatori cinofili sono moltissime e la scelta dipenderà quindi dai tuoi obiettivi di crescita professionale. Potrai decidere se lavorare come consulente indipendente oppure come impiegato o impiegata in un allevamento, oppure, ancora, aprire un'attività tutta tua. Se hai intenzione di svolgere attività di consulente indipendente potrai associarti a:

  • studi veterinari

  • centri di toelettatura

  • negozi di alimenti e accessori per animali

  • strutture di allevamento e vendita di animali da compagnia

Se invece stai cercando un'occupazione stabile, potrai collaborare come dipendente presso:

  • scuole di addestramento

  • centri di pet therapy

  • canili

  • allevamenti di cani

In alternativa, puoi avviare un centro cinofilo tutto tuo. Questo progetto, però, richiederà esperienza, ulteriore formazione, e tutta una serie di adempimenti amministrativi e fiscali richiesti per costituire una società sportiva dilettantistica o un'associazione culturale.

3. Creare un tuo profilo professionale

Per una figura professionale come l'educatore cinofilo è indubbiamente importante farsi conoscere dai clienti e, soprattutto, promuovere il proprio approccio educativo. Le teorie di educazione del cane sono diverse, e, in base ai tuoi studi e alle tue inclinazioni, potrai scegliere di adottare un metodo invece di un altro. Per far conoscere il proprio approccio ai potenziali clienti è importante curare anche il proprio profilo professionale. Puoi dotarti di strumenti online, come un blog su cui postare articoli interessanti e consigli su come alimentare ed educare gli amici a quattro zampe, oppure affidarti a un profilo social per condividere la tua vita e le tue esperienze da educatore o educatrice, articoli e consigli interessanti. Potrai anche avvalerti di strumenti più tradizionali come biglietti da visita, brochure e volantini. In poche parole, dovrai ricorrere a strumenti di comunicazione utili a supportare il processo di networking finalizzato all'aumento della clientela e dei contatti professionali.

Per lavorare come educatore cinofilo è necessaria la partita IVA?

Dipende. Entrando in contatto con un'associazione o un ente che assume educatori a contratto, ad esempio, non è necessario lavorare con partita IVA. Altrimenti, se svolgi attività in qualità di consulente o educatore esterno o educatrice esterna presso centri o associazioni, o se fornisci servizi direttamente a privati, dovrai aprire partita IVA ed emettere fattura come ogni lavoro in libera professione.

Quanto dura e quanto costa la formazione per diventare educatore cinofilo?

La durata dei corsi per educatori cinofili può variare in base alla struttura del progetto formativo proposto dalle varie associazioni ed è pari, in media, a un anno. Il percorso prevede una parte teorica, che a volte può essere svolta online, e una parte pratica a diretto contatto con i cani. I costi sono molto variabili, anche se il prezzo medio ammonta a circa 700 Euro; molte associazioni offrono la possibilità di frequentare durante il weekend, per consentire di integrare la formazione al lavoro. Potrai scegliere il corso più in linea con le tue attitudini e aspirazioni professionali, sempre accertandoti che sia riconosciuto dai principali enti cinofili italiani e in grado di rilasciare il tesserino abilitante alla professione.

Ora che hai gli strumenti e le informazioni per iniziare a intraprendere la tua carriera nella cinofilia, non ti resta che preparare un CV unico e partire alla ricerca di nuove opportunità. In bocca al lupo!

Si prega di notare che nessuna delle aziende, istituzioni o organizzazioni menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Leggi anche:

  • Come diventare allevatore di cani

  • Come diventare toelettatore di cani e gatti qualificato

  • Come fare volontariato in un canile pubblico o privato

  • Laurea in Tutela e benessere animale: sbocchi lavorativi

  • Come diventare veterinario



Articoli correlati

Lavorare con gli animali: lauree utili, corsi, lavori

Esplora altri articoli

  • Come diventare autista di ambulanza in Italia?
  • Lavoro autonomo: vantaggi, svantaggi e caratteristiche
  • Artigiani digitali: i lavori artigianali del futuro
  • Cosa fa un Sales assistant
  • Cos’è la podologia e come diventare podologo
  • Come diventare garden designer
  • Come diventare costumista di cinema
  • Come diventare dietologo
  • Come lavorare in Pakistan: informazioni e consigli
  • Come diventare un hacker etico
  • Come lavorare a Dubai: requisiti e opportunità per italiani
  • Come trovare offerte di lavoro