Come diventare game designer in 5 step

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 23 giugno 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

La progettazione di videogiochi è un business competitivo, che offre numerose opportunità professionali e permette di intraprendere diversi percorsi di carriera. Ma come diventare game designer in un panorama lavorativo complesso e in continua espansione?

Esistono molti percorsi differenti per iniziare a lavorare come progettista di videogames, ognuno dei quali richiede un certo livello di istruzione, hard skills ed esperienza. Conoscere il percorso formativo richiesto per progettare i videogiochi e quali mansioni ricopre un o una game designer professionista può aiutarti a decidere se questa carriera è compatibile con le tue aspirazioni professionali. In questo articolo vedremo di cosa si occupa la figura del game designer e quali sono gli step per intraprendere questa professione.

Cosa fa un game designer?

I designer di videogiochi sono professionisti che si occupano di sviluppare il cosiddetto "fattore divertimento" dei videogame, ossia l'idea e i contenuti visivamente accattivanti che rendono unico e coinvolgente un gioco interattivo.

Nel fare ciò, devono considerare una serie di fattori, tra cui il pubblico di utenti al quale il gioco si rivolge, il dispositivo per il quale è progettato, la coerenza e l'attrattiva della storia.

I game designer possono lavorare solo su aspetti specifici di un gioco, oppure concentrarsi sul contenuto complessivo. Sono molte le tipologie di videogame realizzabili da un o una game designer. Eccone alcune:

  • videogiochi per console

  • giochi per smartphone e tablet

  • videogame per PC

  • giochi online multigiocatore.

I game designer possono essere in possesso di competenze di graphic design e saper utilizzare tecniche di progettazione grafica, oppure programmare in autonomia il codice per sviluppare personaggi, mondi e storie interattive. Di solito, però, il ruolo tipico di questa figura professionale consiste nell'ottimizzare e rendere coerenti i racconti e i contenuti visivi, lavorando a stretto contatto con un team diversificato composto da:

  • grafici

  • level designer

  • programmatori professionisti

  • scrittori

  • animatori

  • tester.

I game designer possono anche lavorare a fianco degli addetti alle vendite e al dipartimento marketing per partecipare alla realizzazione delle campagne pubblicitarie dei videogiochi.

Leggi anche:

  • Come diventare programmatore informatico: guida pratica per aspiranti developer

  • Come lavorare nel marketing: i primi passi per costruire la tua carriera

  • Come diventare tecnico informatico

Come diventare game designer: il percorso

Ci sono molti percorsi formativi e professionali per diventare game designer. Di seguito riportiamo alcuni degli step più comuni per intraprendere questo tipo di carriera:

1. Consegui una laurea triennale

La maggior parte dei game designer ha una laurea in una delle seguenti aree:

  • informatica

  • ingegneria informatica

  • design grafico

  • design multimediale.

Alcune accademie e università private in Italia e all'estero offrono corsi e master specifici in game design che, di solito, includono materie come ingegneria dei software, animazione 2D e 3D, linguaggi di programmazione e progettazione informatica.

Potresti anche prendere in considerazione la possibilità di svolgere un tirocinio in azienda durante gli studi universitari. Lo stage è un ottimo modo per fare esperienza diretta nel settore della creazione dei videogame e iniziare ad apprendere competenze preziose per il tuo futuro.

Inoltre, uno stage può aiutarti a creare una rete di contatti con i professionisti del settore, che potrebbero offrirti la possibilità di ottenere delle referenze lavorative per il tuo primo lavoro post-laurea.

Leggi anche: Tirocinio retribuito: cos'è, vantaggi e come accedervi

2. Acquisisci esperienza lavorativa

I videogiochi sono un settore piuttosto competitivo, quindi è importante cominciare a fare esperienza lavorativa non appena si ottiene il diploma di laurea. È possibile trovare un lavoro come junior designer direttamente dopo l'università, anche se è più probabile che, all'inizio, si debbano cercare offerte simili in settori correlati. Per esempio, puoi iniziare a cercare lavoro in:

  • start-up digitali

  • studi di progettazione grafica

  • aziende di design

  • aziende che producono giochi (anche non virtuali).

I lavori come grafico, animatore 3D, tester o sviluppatore di software sono tutte posizioni che possono aiutarti ad acquisire esperienza sul campo e a costruire un portfolio digitale ricco di progetti.

In alternativa, potresti acquisire esperienza autonomamente, sviluppando in maniera indipendente dei semplici prototipi per dei giochi, oppure interi videogiochi per cellulare o PC. In rete si trovano molti video e tutorial che possono guidarti nella creazione di questo tipo di progetti.

Leggi anche:

  • Come diventare designer

  • Cosa fa un front-end developer? Requisiti, mansioni e competenze

  • Graphic designer: stipendio medio e opportunità di carriera

3. Costruisci un curriculum e un portfolio

Un curriculum digitale ben impostato e un portfolio accattivante possono rendere il tuo profilo più interessante agli occhi dei responsabili delle risorse umane delle aziende.

Nel preparare il tuo CV, ricorda di aggiungere una sezione dove descrivi la tua esperienza nell'ambito dei videogame e indica e tutti i progetti inerenti al settore ai quali hai lavorato, professionalmente o nel tempo libero.

Se possibile, menziona i giochi che hai progettato e la piattaforma target. Nella sezione drelativa alle competenze, inserisci i software e i linguaggi di programmazione che sai utilizzare, così come le competenze trasversali che possiedi.

Il portfolio, invece, è uno strumento eccellente per mettere in risalto le tue qualità di designer e la tua personalità, mostrando a un possibile datore di lavoro il risultato della tua creatività. Nel portfolio puoi aggiungere:

  • immagini delle schermate di gioco

  • link per scaricare i livelli di gioco

  • video del gioco

  • recensioni

  • link alle demo

  • codice di programmazione back-end.

All'interno del portfolio è possibile includere anche una biografia personale e un riepilogo delle mansioni e delle esperienze passate, oltre che della propria formazione.

4. Impara nuove competenze

Un o una designer di videogame deve continuamente sviluppare nuove conoscenze, competenze e abilità durante tutto il corso della propria carriera. Il mondo dell'informatica e delle tecnologie digitali è in costante evoluzione ed è quindi fondamentale impegnarsi in un percorso di formazione continua per restare sempre aggiornati sugli ultimi trend e sviluppi del settore.

Per continuare ad imparare è fondamentale leggere le notizie, i forum e i blog di videogiochi, mettendo in pratica le proprie competenze in progetti sempre nuovi.

Se ambisci a posizioni di leadership o di gestione, ci sono alcune soft skills che potresti sviluppare per aumentare le tue possibilità di successo.

La gestione di progetti complessi richiede spesso grandi doti di comunicazione, team work, organizzazione e gestione del tempo. Queste competenze possono aiutarti a dirigere un team di game designer o a gestire diversi progetti in contemporanea.

5. Amplia la tua rete di contatti

Esistono molte associazioni di videogiochi e di design che offrono la possibilità di diventare soci e condividere le proprie conoscenze con altri esperti del settore. L'adesione a un'associazione o un'organizzazione può aiutarti a creare una rete di contatti internazionale con altri professionisti e a instaurare delle relazioni professionali preziose per il tuo lavoro.

Molti di questi enti organizzano conferenze che offrono workshop, masterclass, corsi specialistici e panel in cui è possibile approfondire i diversi aspetti della progettazione e dello sviluppo dei videogiochi. Alcune associazioni offrono anche certificazioni professionali che dimostrano la tua competenza in una determinata materia.

Leggi anche: Come fare networking professionale

Esempi di percorsi formativi per diventare game designer

I designer di videogiochi possono seguire diversi percorsi formativi per apprendere i fondamenti della creazione dei giochi virtuali. Ecco alcuni dei percorsi di formazione e studio più comuni per diventare game designer.

Diploma di scuola superiore

È possibile iniziare a lavorare anche solo con il conseguimento di un diploma di scuola superiore o un diploma di istituto tecnico industriale (ITIS). In questo caso, però, per poter accedere a molti posti di lavoro è necessario disporre di un solido portfolio e di diversi anni di esperienza nel settore.

Laurea triennale

La laurea triennale è decisamente il percorso formativo più comune per i designer. Prima di scegliere un corso, assicurati che includa elementi di design, animazione grafica e programmazione informatica. Dovresti anche prendere in considerazione l'idea di fare uno stage per rendere il tuo profilo più competitivo dopo la laurea.

Master

È un po' meno comune conseguire un master o una specializzazione, ma può senz'altro aiutare a intraprendere una carriera in un'azienda di alto livello. Un master può sostituire l'esperienza professionale per accedere alle posizioni entry-level di progettazione di videogiochi. Prima di iscriverti a un master dovrai conseguire un diploma di laurea di primo livello.

Boot camp

I boot camp sono programmi intensivi che insegnano i fondamenti della programmazione e della progettazione di videogame in un breve periodo di tempo e ti aiutano ad acquisire un'esperienza rilevante nel settore.

Esistono molti boot camp disponibili per approfondire argomenti differenti nell'ambito del game design, come quelli specializzati in applicazioni per smartphone o in certi tipi di console.

Alcuni di questi corsi vengono erogati in lingua inglese e hanno una durata variabile (dalle quattro/otto settimane a diversi mesi). A seconda del boot camp prescelto, puoi decidere su quali temi concentrarti, imparare i linguaggi di programmazione e applicarli in maniera pratica a un progetto finale da aggiungere poi al tuo portfolio.

Risorse online

Ci sono numerosissime risorse online disponibili in italiano e in inglese per chi vuole imparare a progettare videogiochi in maniera autonoma. La formazione indipendente è utilissima per esplorare una varietà quasi illimitata di argomenti, nei tempi e nelle modalità che più si adattano al tuo stile di vita.

Sebbene l'auto-apprendimento sia in genere un percorso più lento rispetto agli studi tradizionali, potrebbe trattarsi della soluzione ideale se stai lavorando a tempo pieno o sei in procinto di cambiare carriera.

Sul web, in particolare su piattaforme di ricerca di lavoro come Indeed, puoi trovare anche diversi annunci di lavoro da game designer che possono farti entrare direttamente in contatto con aziende e studi di design alla ricerca di candidati nella tua zona, in tutta Italia, o anche all'estero.

Ora che sai in cosa consiste il lavoro di sviluppatore di videogiochi e come diventare game designer, puoi decidere se questa carriera è quella giusta per te. Per ulteriori approfondimenti e informazioni sul mondo del lavoro, consulta la guida alla carriera di Indeed.

Articoli correlati:

  • Quanto guadagna un programmatore di videogiochi in Italia

  • Come diventare web designer

  • Come diventare croupier

  • Cosa fa l'UX designer - Le mansioni dell'UX Designer

  • Laurea in Design: 15 sbocchi lavorativi

  • Curriculum vitae per grafico (graphic designer): consigli ed esempi



Articoli correlati

Lavori creativi: ecco i più richiesti e come trovarli

Esplora altri articoli