Come diventare graphic designer

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 24 novembre 2022

Pubblicato in data 7 ottobre 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Se ti piace il mondo della pubblicità e della comunicazione visiva, e hai una forte passione per gli strumenti informatici e digitali, forse ti starai chiedendo come diventare graphic designer.

Questa professione è tra le più creative ed è richiestissima dalle aziende operanti in ogni settore. Quindi se questo mondo ti appassiona, oltre a fare un lavoro che ti piace, sceglieresti una carriera che ti permetterebbe di trovare lavoro facilmente. Vediamo nel seguente articolo come diventare graphic designer, di cosa si occupa questo professionista e quale formazione è necessaria.

Leggi anche: Lavori creativi: ecco i più richiesti e come trovarli

Cosa fa il graphic designer

Il grafico pubblicitario non deve sapere solo disegnare, ma unire le sue competenze artistiche a un sapiente utilizzo di software e strumenti informatici di grafica.

Se dovessimo dare una definizione riassuntiva di questa professione, potremmo dire che il graphic designer crea artefatti visivi, come loghi, brochure e packaging, attraverso l'utilizzo di tecniche specifiche, con il fine di veicolare un messaggio.

Le mansioni

Vediamo nel dettaglio quali sono le mansioni di un graphic designer:

  • Ascolta la richiesta del cliente. Rielabora in maniera creativa la richiesta del cliente (il messaggio da comunicare e i mezzi per veicolarlo) per trasformarla in un prodotto di graphic design.

  • Sviluppa l'immagine coordinata. Sviluppa la brand identity, tramite la realizzazione del logo, la scelta dei font e dei colori e l'organizzazione dei layout, affinché descriva esattamente l'idea specifica del cliente e veicoli il messaggio desiderato.

  • Esegue la progettazione grafica di tutti i prodotti aziendali: biglietti da visita, report aziendali, siti web, riviste, packaging, manifesti pubblicitari e qualsiasi prodotto da brandizzare.

Le competenze

Vediamo insieme quali sono le principali competenze specifiche per svolgere al meglio il lavoro di graphic designer:

  • Conoscenza delle tecniche di composizione e progettazione grafica. Il graphic designer deve saper unire gli elementi del proprio design in modo da comporre una struttura equilibrata e armonica, che segua la linea del brand.

  • Padronanza degli strumenti informatici specializzati. È necessario saper utilizzare software di grafica come Adobe (Illustrator, Photoshop, InDesign), Affinity (Photo, Designer, Publisher) o Corel (Draw, PaintShop).

  • Creatività. È la prima competenza che abbiamo citato, insieme alla capacità di disegnare. È fondamentale, per un buon graphic designer, avere una mente fantasiosa, in grado di trasformare le idee del cliente in un prodotto finale valido e convincente.

  • Predisposizione al lavoro di gruppo. Solitamente questo professionista lavora in team ed è spesso affiancato ai dipartimenti di marketing e comunicazione. Essere predisposti al lavoro di squadra è una competenza estremamente apprezzata dai datori di lavoro.

  • Buone doti comunicative e relazionali. Alla base di questo lavoro c'è la comunicazione, in ogni sua forma. Il graphic designer deve saper ascoltare attentamente il cliente. Inoltre, lavorando in sinergia con altri dipartimenti aziendali, deve saper comunicare in maniera chiara ed efficace con altri professionisti.

  • Curiosità e versatilità. Oltre alla creatività, il graphic designer dovrebbe avere fame di sapere, entusiasmo nell'imparare continuamente cose nuove in un settore in continua evoluzione e, quindi, apertura mentale. Solo così potrà alimentare ulteriormente la propria creatività.

Come diventare graphic designer

Non esiste un unico percorso da seguire per poter svolgere questa professione. Le strade percorribili sono molteplici. In seguito, forniamo alcune indicazioni.

Partire con una buona base

La strada da seguire può iniziare già dalla scuola superiore. Un indirizzo interessante potrebbe essere il liceo artistico. Alcuni istituti, inoltre, offrono la possibilità di scegliere l'indirizzo di grafica, che assicura già un certo numero di ore dedicate alla progettazione grafica e all'uso di software dedicati.

Una buona alternativa al liceo artistico è il liceo scientifico, magari a indirizzo tecnologico, che insegna materie quali disegno geometrico o nozioni di informatica.

Anche un istituto professionale a indirizzo informatico o per le arti grafiche può essere un'ottima scelta. In questo caso, il percorso sarebbe più pratico che teorico, e garantirebbe comunque una buona formazione di base quanto quella offerta da un liceo artistico.

Il post-diploma

A questo punto puoi decidere se proseguire gli studi scegliendo un corso post-diploma. Tieni in considerazione che non è obbligatorio possedere la laurea per svolgere la professione, ma a volte viene richiesta dai datori di lavoro, anche se solo in via preferenziale.

Anche in questo caso le possibilità di formazione per l'aspirante graphic designer sono molteplici. Vediamo quali sono le due strade principali.

Scegliere un percorso universitario

Alcuni Atenei offrono corsi di laurea, di solito triennali, a indirizzo grafica o design. Alcuni esempi sono il corso di laurea in design della comunicazione del Politecnico di Milano, il corso in design e comunicazione del Politecnico di Torino o la laurea breve in grafica della Bicocca di Milano.

Un'altra possibilità è scegliere un indirizzo universitario informatico, oppure in marketing e comunicazione, per poi proseguire con un master in graphic design. La scelta dipende molto dal tipo di materie che si intende approfondire, oltre a quelle attinenti al graphic design, e dalla specializzazione che si desidera.

Leggi anche: Laurea in Design: 15 sbocchi lavorativi

Scegliere un istituto o un'accademia

Le accademie o gli istituti offrono solitamente corsi ad hoc specializzati nella formazione di una specifica figura professionale e garantiscono quindi una preparazione completa e mirata per il graphic design.

A differenza delle università, le accademie, in linea generale, tendono a lasciare più spazio alla sperimentazione e alla ricerca artistica.

Tra le accademie più note nella formazione di graphic designer troviamo:

  • L'Istituto Europeo di Design (IED) di Milano, con il corso triennale di Graphic Design.

  • La Nuova Accademia delle Belle Arti (NABA) di Milano, con il corso triennale di Graphic Design e Art Direction.

  • La Rome University of Fine Arts (RUFA) di Roma, con il corso triennale in Graphic Design.

Tali istituti rilasciano un diploma accademico di primo livello, equivalente alla laurea breve.

Leggi anche: Graphic designer: stipendio medio e opportunità di carriera

Dove può lavorare un graphic designer

Il graphic designer può lavorare:

  • Come libero professionista. Non è la strada più facile, in quanto devi crearti la tua clientela e farti un nome, ma in questo caso avrai più libertà e autonomia nella gestione della tua vita professionale.

  • Come dipendente. In un'agenzia di grafica o di comunicazione, oppure presso un'azienda. Solitamente, sono le aziende di maggiori dimensioni a preferire l'assunzione di un graphic designer interno che si occupi in toto della brand identity aziendale.

Consulta le offerte di lavoro per graphic designer su Indeed.

Si prega di notare che nessuna delle aziende, istituzioni o organizzazioni menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Come creare un curriculum creativo e fare colpo

  • Come creare un portfolio digitale o cartaceo

  • Come diventare designer

  • Come diventare web designer

  • Curriculum vitae per grafico (graphic designer): consigli ed esempi

  • Lettera di presentazione per graphic designer: guida ed esempio

  • Certificazioni Autodesk: tipologie, software inclusi e dove sono richieste

  • Come diventare game designer in 5 step

  • Come diventare illustratore

  • Cosa fa l'UX designer - Le mansioni dell'UX Designer




Articoli correlati

Certificazioni Adobe: cosa sono, quali sono, a cosa servono e come ottenerle

Esplora altri articoli