Come diventare insegnante di lingue

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 30 novembre 2022

Pubblicato in data 11 febbraio 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Se ami le lingue straniere, quella dell'insegnante di lingue potrebbe essere la professione che fa per te. Oltre a parlare fluentemente una lingua, chi vuole diventare insegnante dovrà conoscere le metodologie dell'insegnamento, sviluppare le competenze specifiche e maturare i requisiti giusti a seconda del contesto lavorativo. Leggendo questo articolo potrai saperne di più. Ti aiuteremo a scoprire i percorsi da intraprendere per affrontare questa carriera e quali opportunità lavorative ci sono per gli insegnanti di lingue.

Leggi anche:

  • Sbocchi lavorativi dopo il liceo linguistico

  • Laurea in Lingue e letterature straniere: sbocchi lavorativi

Diventare insegnante di lingue: attività e competenze

Diventare insegnante di lingue significa conoscere profondamente una lingua e le sue strutture, ma soprattutto imparare a trasmettere agli altri questo strumento comunicativo. Comprensione dei testi e del parlato, produzione scritta e orale, ma anche cultura, civiltà straniera, letteratura: le materie linguistiche sono complesse e multisfaccettate. L'insegnante deve disporre di tecniche e metodologie specifiche e sapere come favorire i processi di apprendimento.

Che cosa fa l'insegnante di lingue?

Cominciamo definendo meglio questa figura professionale. Indichiamo alcune delle principali attività di cui si occupa l'insegnante di lingue.

Predisposizione del programma del corso

Tenendo conto del livello di partenza degli allievi, il docente individua gli obiettivi formativi negli ambiti della comprensione e della produzione scritta e orale, della grammatica e dell'ortografia. Nelle scuole pubbliche, imposta il programma tenendo conto delle direttive ministeriali.

Organizzazione e svolgimento delle attività didattiche

Il docente sceglie e prepara il materiale didattico e individua le metodologie più appropriate alle caratteristiche degli allievi. Per favorire l'apprendimento attivo e la partecipazione, li coinvolge in conversazioni o esercitazioni e assegna compiti da svolgere autonomamente.

Verifica delle competenze degli allievi

L'insegnante tiene traccia dei progressi degli studenti somministrando test a inizio corso, nelle fasi intermedie e alla fine di un modulo. La verifica del livello linguistico raggiunto permette di avanzare proposte formative adeguate alla preparazione e calibrare gli obiettivi.

Quali sono le competenze dell'insegnante di lingue?

Per diventare insegnanti, bisogna disporre di una preparazione generale su teoria e pratica della formazione. In particolare, nei seguenti campi:

  • pedagogia (per chi lavora con bambini e ragazzi) e didattica

  • processi e tecniche di apprendimento

  • progettazione formativa

  • tecniche di gestione delle dinamiche di gruppo

  • metodologie di analisi delle competenze

  • strumenti informatici e multimediali per la didattica e tecnologie per l'educazione

Per quanto riguarda le competenze specialistiche per chi vuole insegnare nel settore linguistico, le principali sono:

  • grammatica e ortografia della lingua straniera

  • fonologia, pronuncia e dizione

  • linguistica generale

  • cultura e civiltà dei principali Paesi in cui la lingua è parlata

  • tecniche di comunicazione

Durante tutta la carriera, gli insegnanti sono tenuti ad aggiornarsi nel proprio campo specifico e a continuare a formarsi nei temi più generali legati alla professione.

Leggi anche: Come diventare linguista: formazione e competenze richieste

Come diventare insegnante di lingue

L'insegnamento delle lingue è una carriera che offre molte opportunità e diversi sbocchi lavorativi. Per diventare insegnante di lingue straniere, dovrai ovviamente avere un'ottima padronanza di una o più lingue, ma non basta. Nei prossimi paragrafi, vedremo quali sono i titoli e le abilitazioni specifiche per ciascun percorso.

Insegnare lingue nelle scuole

Il percorso istituzionale per la docenza delle lingue è quello delle scuole. In Italia sono previsti requisiti diversi a seconda dell'ordine e del grado scolastico in cui si vuole esercitare.

Scuola primaria

Il piano dell'offerta formativa ministeriale delle scuole elementari prevede l'insegnamento dell'inglese come prima lingua straniera. Per insegnare inglese nelle scuole primarie, occorre conseguire la laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria. Inoltre, bisogna partecipare al concorso pubblico per insegnanti e superare la prova di lingua inglese, o avere sostenuto un esame di inglese durante il corso di studi. Chi ha già l'abilitazione all'insegnamento nelle scuole primarie può ottenere l'idoneità per l'inglese anche attraverso una di queste modalità:

  • con la frequenza dei corsi di formazione linguistica metodologici in servizio autorizzati dal ministero

  • con la laurea in Lingue straniere valida per l'insegnamento della specifica lingua straniera nella scuola secondaria

  • con il certificato rilasciato dal Ministero degli Affari Esteri attestante un periodo di servizio di almeno 5 anni prestato all'estero con collocamento fuori ruolo relativamente all'area linguistica inglese della zona in cui è stato svolto il servizio all'estero.

La normativa è complessa e in aggiornamento, pertanto ti consigliamo di informarti attentamente sulle disposizioni più recenti.

Fonte: MIUR, OrizzonteDocenti

Scuola secondaria

Per diventare docente di lingue straniere presso le scuole secondarie di primo grado (medie) e di secondo grado (superiori) è necessaria l'abilitazione all'insegnamento, attualmente subordinata al superamento di un concorso. Se vuoi intraprendere questo percorso, prima di sostenere il concorso assicurati di avere i requisiti:

  • Titolo di laurea magistrale;

  • 24 crediti formativi universitari nelle discipline psico-pedagogiche e didattiche;

  • Il numero richiesto di crediti formativi per rientrare nella classe di concorso corrispondente alla docenza delle lingue che ti interessa.

Il concorso è bandito su base regionale e con cadenza biennale. Dopo il superamento, gli aspiranti docenti svolgeranno un periodo di prova di un anno presso una scuola prima di ottenere la cattedra.

Fonte normativa: DPR n. 19/2016 e D. Lgs. n. 59/2017

Leggi anche: Scatti di anzianità dei docenti: come funzionano

Insegnare lingue in altri contesti

I percorsi descritti nel paragrafo precedente regolano l'accesso all'insegnamento delle lingue nella scuola dell'obbligo. Per lavorare come insegnante di lingue esistono anche altre opzioni; ti presentiamo le principali.

Università

Di norma, chi insegna negli atenei deve intraprendere la carriera accademica, ma alcune categorie di docenti di lingua fanno eccezione. Infatti, le università possono avvalersi di linguisti esterni, anziché di ricercatori reclutati tramite concorso. Per il supporto alle attività didattiche delle materie linguistiche o dei lettorati si cerca spesso personale di madrelingua straniera e/o in possesso di qualifiche per l'insegnamento. Consulta i bandi di selezione degli atenei per maggiori informazioni.

Scuole di lingue

Le scuole private di lingue erogano corsi a pagamento, con formule, proposte formative e orari che variano molto da una scuola all'altra. Alcune sono specializzate in una sola lingua straniera, magari per la preparazione delle certificazioni linguistiche. Altre propongono corsi di lingua applicati al contesto lavorativo (per esempio, cinese commerciale o inglese tecnico-scientifico). Insomma, si tratta di realtà molto eterogenee. Trattandosi di imprese private, le scuole di questo tipo stabiliscono per conto proprio i criteri di selezione dei docenti: per esempio, possono richiedere o meno la laurea in lingue, la certificazione linguistica o l'esperienza pregressa. Possono anche limitarsi a valutare i candidati in base a curriculum e colloquio.

Leggi anche:

  • Come lavorare nelle scuole private

  • Quali sono i requisiti per insegnare italiano agli stranieri?

Aziende

Per fronteggiare al meglio la necessità di rapporti commerciali internazionali o, semplicemente, per investire nella formazione dei propri dipendenti, alcune imprese attivano dei corsi di lingue interni per i lavoratori. Se intendi proporti come formatore linguistico in contesti aziendali, puoi considerare l'idea di aprire la partita IVA e lavorare come insegnante autonomo in una o più imprese.

Leggi anche: Lavoro autonomo: vantaggi, svantaggi e caratteristiche

Sbocchi professionali meno noti

Per concludere, leggendo questo paragrafo potrai lasciarti ispirare dalle carriere come insegnante di lingue in contesti non convenzionali.

Instagrammer e youtuber

Con la pandemia, è schizzata alle stelle la popolarità dei corsi online, compresi quelli per imparare le lingue straniere. Se ami i social media e le loro dinamiche, puoi provare a lavorarci. Lo hanno fatto molti instagrammer e youtuber, che negli ultimi anni hanno creato e sviluppato con successo la professione dell'insegnante di lingue via social. Per lanciarti in un'avventura lavorativa su canali di questo tipo, insieme alle competenze linguistiche e didattiche, dovrai assicurarti di avere una solida strategia di social media management.

E-learning

Per proporre prestazioni di insegnamento linguistico con videocorsi, ti puoi affidare ai portali di e-learning. La piattaforma può richiedere una tariffa di registrazione come insegnante, oppure trattenere una commissione sugli introiti che ottieni. In cambio, gestisce gli aspetti promozionali e di comunicazione, mettendoti in contatto con gli utenti.

Propedeutica delle lingue straniere per piccolissimi

Oltre a conoscere le lingue, ami lavorare con i bambini e hai una preparazione in pedagogia? Puoi proporti nel campo della propedeutica delle lingue. Parliamo di attività pensate per bimbi in età prescolare: sessioni di gioco, canzoncine, manipolazione di forme e materiali. Queste proposte diventano il contesto ideale per avvicinare con naturalezza i più piccoli a una lingua straniera. Le associazioni e le cooperative che offrono servizi rivolti alla prima infanzia spesso cercano risorse qualificate per avviare attività di questo tipo.

Adesso che sai come diventare un insegnante di lingue, e quali sfide e quali opportunità comporti questa professione, non perdere tempo: se la possibilità di carriera in questo settore ti affascina, consulta tutte le offerte di lavoro per insegnanti di lingue su Indeed.

Si prega di notare che nessuna delle aziende, organizzazioni o istituzioni menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Come redigere un CV di insegnante, con esempio

  • Lettera di presentazione per insegnante: guida ed esempio

  • Le competenze professionali più importanti per un CV da insegnante

  • Quanto guadagna un insegnante in Italia, dalle elementari all'Università

  • Certificazioni linguistiche riconosciute dal MIUR

  • Quali sono le certificazioni di inglese riconosciute e quale scegliere?

  • Certificazione di spagnolo: Quali sono riconosciute e quale scegliere?

  • Esami e certificazioni ESOL: cosa sono, livelli di competenza e vantaggi

  • Come diventare insegnante di lettere

  • Come diventare professore universitario

  • Certificazioni di lingua italiana per stranieri e per docenti: quali sono e come ottenerle

  • Come diventare supplente nelle scuole

  • Come diventare interprete



Articoli correlati

Come diventare insegnante - Una guida per aspiranti docenti

Esplora altri articoli