Come diventare web designer

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 30 gennaio 2023

Pubblicato in data 13 settembre 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Una figura in continua ridefinizione. Un mestiere innovativo, in crescita e molto richiesto. Dire che il web designer "fa siti internet" è davvero riduttivo. Infatti a questa figura professionale sono richieste competenze multisettoriali, una spiccata creatività e una certa predisposizione artistica.

Ma come si diventa web designer? Se stai pensando di intraprendere questo mestiere, o se semplicemente vuoi saperne di più su questa figura professionale che lavora dietro le quinte, continua a leggere.

Che cosa fa il web designer?

Innanzitutto, definiamo i contorni di questa professione. Il web designer concepisce, progetta e realizza l'interfaccia dei siti web. In concreto, costruisce i siti internet secondo le esigenze della committenza e degli utenti che visitano il sito. Questo comprende:

  • Definire la veste grafica dell'interfaccia, cioè di quello che l'utente vede in una pagina web: palette di colori, layout, stile, caratteri tipografici e molti altri aspetti.

  • Strutturare il sito in maniera da favorire un'agevole e immediata navigazione, orientando e pilotando i click del visitatore.

  • Coniugare gli aspetti estetici, emozionali e funzionali con le richieste della committenza (cioè il brand, l'ente o il privato che commissiona la realizzazione del sito).

Il front end (l'interfaccia che si presenta all'utente) è quindi il territorio di lavoro del web designer, la figura su cui ci concentreremo in questo articolo. Gli aspetti relativi al back end (cioè l'insieme di server, database, programmazione, e tutto ciò che l'utente non vede del sito) sono invece di competenza del web developer, lo sviluppatore.

Leggi anche:

  • Come diventare programmatore informatico

  • Come diventare designer

  • Come diventare web developer

  • Graphic designer: stipendio medio e opportunità di carriera

Che competenze servono per diventare web designer?

Come detto, stiamo trattando una figura professionale davvero poliedrica, che coniuga soft skills e attitudini artistiche a competenze tecniche.

1. Competenze trasversali

  • Creatività, indispensabile per esprimere i caratteri distintivi di un brand (brand identity), ma anche per fornire soluzioni funzionali alle esigenze del marketing e della comunicazione.

  • Sensibilità estetica e occhio attento alle tendenze del momento.

  • Attenzione alla psicologia del consumatore.

  • Eccellenti capacità comunicative.

Leggi anche: L’ascolto attivo sul tuo luogo di lavoro e in azienda

2. Competenze tecniche

Se vuoi lavorare come web designer, è essenziale che tu conosca in maniera approfondita gli strumenti di grafica. In aggiunta a ciò, occorre una buona comprensione di tutto quello che ruota attorno a un sito web. Infatti, anche se, come abbiamo detto, il backend è la materia dello sviluppatore, una preparazione globale sul funzionamento dei siti web ti sarà utile e renderà più versatile e completa la tua professionalità.

Vediamo alcune delle principali competenze tecniche richieste a un web designer:

  • Padroneggiare perfettamente i software per la progettazione di siti web e l'elaborazione grafica (come Illustrator, PhotoShop, InDesign).

  • Conoscere le tecniche che permettono di orientare il comportamento degli utenti sui siti web (UX e UI, cioè User Experience Design e User Interface Design).

  • Avere delle buone basi in SEO (Search Engine Optimisation).

  • Conoscere i principali linguaggi di programmazione (HTML, CSS, JavaScript).

  • Avere una conoscenza approfondita delle tecniche di branding, digital marketing e digital communication.

Leggi anche:

  • Capacità e competenze tecniche: come inserirle nel CV

  • Competenze digitali: perché sono fondamentali

3. Collegare passato, presente e futuro

Ogni mezzo di comunicazione si esprime con il proprio linguaggio specifico, ma tra media moderni e tradizionali c'è un'influenza reciproca. Televisione, cinema, giornali, serie tv e social sono infatti canali distinti ma costantemente collegati gli uni con gli altri, secondo il principio definito della rimediazione.

In concreto, per capire la comunicazione web e le sue tecniche, ti sarà certamente utile conoscere anche gli altri media e la loro storia. Mantenendo dunque un occhio rivolto al passato e uno al presente, come tutti i professionisti che lavorano nell'ambito digitale, dovrai essere molto adattabile e aggiornarti costantemente per stare al passo con la rapidissima evoluzione tecnologica.

Leggi anche: Digital soft skills: cosa sono e quali mettere sul CV

Diventare web designer in 5 passaggi

Il percorso di chi intende intraprendere questa professione non è univoco, ma se stai cercando di orientarti ti consigliamo di riflettere su questi 5 step:

1. Trova il corso di formazione che fa per te

Come vedrai, la scelta di corsi di formazione è vasta. Ti consigliamo di informarti bene prima di iscriverti, studiare l'offerta formativa, cercare recensioni. Valuta anche il tuo grado di motivazione a intraprendere questa carriera professionale. A fronte del costo talvolta ingente della formazione, potrebbe trattarsi di un investimento.

Corsi universitari

Fino a poco tempo fa, in Italia non esistevano corsi di laurea specifici orientati al web design. Di recente, invece, alcune università italiane hanno iniziato a inserire nella propria offerta formativa corsi che aprono la strada proprio a questa professione. Tra i corsi attualmente attivi, citiamo:

  • I corsi di laurea triennale e laurea magistrale in Design della comunicazione al Politecnico di Milano.

  • Il corso di laurea magistrale in Digital Humanities all'Università di Genova.

  • La laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione all'Università Bicocca di Milano.

Leggi anche: Laurea in Design: 15 sbocchi lavorativi

Corsi di formazione specifici

Da alcuni anni vengono proposti corsi di web design da scuole e istituti di formazione pubblici e privati. Molti di essi rilasciano degli attestati di frequenza o conducono al conseguimento di un diploma.

Eccone alcuni esempi:

  • Il corso breve della NABA.

  • Il corso di specializzazione in web design allo IED.

  • Il corso post diploma del Qasar Institute of Advanced Design.

  • Il corso post diploma per Front-end Developer dell'Istituto Palladio.

  • Il corso proposto da Veneto Formazione.

Corsi online

Una terza tipologia di formazione specifica per questa specializzazione è rappresentata dall'e-learning, ossia i corsi online. Facendo una rapida ricerca sul web ne troverai un'ampia scelta, per tutte le esigenze, a pagamento o gratuiti. La differenza principale, rispetto a un corso in presenza, sta nel fatto che non sei altrettanto seguito dall'insegnante.

Corsi di studio in materie affini

Infine, c'è l'opzione dei percorsi universitari o accademici non specificatamente orientati al web design, ma che hanno il pregio di avvicinarti a determinati aspetti della professione. È il caso, per esempio, dei corsi in comunicazione, marketing, design e grafica, informatica. Le formazioni universitarie di questo tipo possono fornirti una base per poi avvicinarti a corsi più specifici, come quelli citati sopra.

2. Fai tanta pratica

Dal momento che si tratta di una professione che si evolve insieme alla tecnologia, esercitarsi e restare aggiornati è davvero fondamentale. Inoltre, i corsi di formazione forniscono degli strumenti di partenza, ma è la pratica ad affinare l'abilità del web designer. Provare, sbagliare, rifare, cercare soluzioni: il contesto del web è molto complesso, quindi più esperienza accumulerai, migliori saranno le tue abilità.

Ti consigliamo quindi di fare tanto esercizio per conto tuo, in maniera da familiarizzare con i procedimenti e le materie specifiche, i linguaggi e i programmi. Anche approfondire le cosiddette materie limitrofe è una buona idea, perché come professionista potresti trovarti a eseguire dei lavori che esulano dal design web, o in cui dovrai gestire i punti di contatto tra le discipline.

3. Trova un campo di specializzazione

Come spesso accade, da professionista ti sarà richiesto di saper fare di tutto e saperlo fare bene. Tuttavia, per quanto avere le abilità generiche sia fondamentale, ti suggeriamo di verticalizzare almeno un argomento o un'area, ovvero di specializzarti in un campo specifico. Servirà a distinguerti dagli altri e a caratterizzarti come professionista, ma soprattutto ti aiuterà ad assicurarti una nicchia di mercato.

Leggi anche: Come diventare game designer in 5 step

4. Fai personal branding

Appena senti di possedere le competenze per farlo, è una buona idea realizzare un tuo sito professionale e proporti così sul mercato del lavoro. Aggiornalo regolarmente, dai prova delle tue competenze e spiega il tuo campo di specializzazione. La pagina web non è sufficiente: cura la tua presenza online, i tuoi social media, le tue interazioni pubbliche sul web. Dal momento che vuoi lavorare nella comunicazione digitale, la prima cosa che devi comunicare bene è il tuo personal brand.

Se hai già realizzato qualche progetto, puoi inoltre creare un portfolio da presentare ai potenziali clienti o alle aziende a cui invii la candidatura.

5. Partita iva o contratto?

Gli sbocchi lavorativi sono molteplici, ma la prima cosa da definire è se vuoi lavorare come dipendente oppure come freelance, cioè da libero professionista.

Se il tuo obiettivo è quello di diventare un lavoratore autonomo ma non hai ancora nessuna esperienza lavorativa, il nostro consiglio è quello di valutare la possibilità di cominciare comunque la tua carriera come dipendente. Questo ti aiuterà a capire meglio le dinamiche lavorative, a fare pratica e a iniziare a farti conoscere. Quando lo riterrai opportuno, potrai sempre aprire la partita iva e iniziare la tua avventura da freelance.

Leggi anche: Come diventare un freelance di successo in 10 passi

Per lavorare come dipendente, il web designer ha due principali opzioni:

  • Agenzia: può trattarsi di un ufficio che si occupa di grafica, comunicazione, marketing, pubbliche relazioni o molto altro. In questo caso, come web designer ti troverai a lavorare su tanti progetti diversi e avrai come interlocutori i clienti dell'agenzia.

  • Azienda: con un posto all'interno dell'azienda, attuerai le strategie digitali dell'azienda stessa, portando avanti con continuità l'elaborazione del sito, dello store online, dei social media o quant'altro.

Adesso che sai come si diventa web designer, non ti resta che consultare le offerte di lavoro su Indeed. Inoltre le guide alla carriera, ti possono aiutare a a capire di più sul mondo del lavoro, la formazione necessaria per intraprendere una certa carriera, le prospettive di salario, e molto altro ancora.

Si prega di notare che nessuna delle aziende, istituzioni o organizzazioni menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Competenze informatiche: quali sono e come acquisirle

  • Come creare un portfolio digitale o cartaceo

  • Lavori creativi: ecco i più richiesti e come trovarli

  • Le 7 certificazioni informatiche più richieste

  • Certificazioni Autodesk: tipologie, software inclusi e dove sono richieste

  • Cosa fa un digital strategist e come diventarlo

  • Come diventare graphic designer



Articoli correlati

Cosa fa l'UX designer - Le mansioni dell'UX Designer

Esplora altri articoli