Come lavorare in uno zoo

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 23 gennaio 2023

Pubblicato in data 3 gennaio 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Se anche tu sogni di lavorare in uno zoo, forse stai cercando informazioni sul tipo di professione che potresti intraprendere. Le figure all'interno di queste strutture sono tantissime e con ruoli molto diversi fra loro, ma tutti hanno in comune una cosa: una profonda passione per il regno animale e la volontà di conservare le specie.

Per alcune professioni, come il veterinario o il biologo marino, sono necessari studi più avanzati ma esistono anche ruoli a contatto con gli animali per i quali non è strettamente indispensabile avere un titolo universitario, come quello di guardiano dello zoo.

In molti vorrebbero lavorare in uno zoo ma in pochi considerano i sacrifici che questo mestiere può comportare. Alcune mansioni sono di carattere fisico, altre possono richiedere di fare straordinari o lavorare di più nei giorni festivi e nei periodi in cui l'affluenza è maggiore, ad esempio durante le vacanze. Tuttavia, nessun sacrificio è troppo grande se hai la passione dalla tua parte e siamo sicuri che, se è davvero ciò che desideri, riuscirai a realizzare il tuo sogno.

Come lavorare in uno zoo: le 6 professioni più richieste

Per funzionare uno zoo ha bisogno di tanti professionisti: alcuni lavorano a stretto contatto con gli animali, mentre altri (la maggior parte) si occupano della struttura, degli habitat o dell'amministrazione. In base alle dimensioni dello zoo, le professioni potranno essere più o meno variegate. Nelle strutture più piccole, ad esempio, potrebbero lavorare solo poche decine di persone, mentre negli zoo più grandi saranno centinaia e con attrezzature più sofisticate a disposizione. Ciò non significa che negli zoo più piccoli gli animali siano meno curati, anzi. Sarai proprio tu, un domani, a garantire il benessere animale grazie alla tua passione, scrupolosità e preparazione.

Per questo articolo abbiamo scelto alcune delle professioni a contatto con gli animali più preziose per uno zoo, a prescindere dalle sue dimensioni.

1. Veterinario

Il ruolo del veterinario all'interno di uno zoo o di un parco naturalistico è molto diverso da quello di un normale veterinario. Il suo compito va oltre il curare gli animali malati o feriti: la sua priorità, infatti, è garantire il benessere di tutti gli esemplari e gli equilibri nel branco. Alcuni dei suoi compiti includono la programmazione della dieta e delle linee di prevenzione di malattie e il monitoraggio del rapporto numerico tra maschi e femmine all'interno di un gruppo per prevenire conflittualità sociale. Il veterinario collabora con molte figure professionali di uno zoo, incluso chi si occupa di progettare gli ambienti in cui vivono gli animali, le ASL, gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali e il Corpo Forestale.

Per diventare veterinario di uno zoo dovrai lavorare su animali non convenzionali (anche detti "esotici"). Un "veterinario per animali esotici" è specializzato in tutti gli animali non convenzionali, come cani e gatti. Avrai una grande responsabilità perché dovrai confrontarti con specie del tutto diverse, come rettili, piccoli mammiferi, insetti, animali acquatici, uccelli e tanti altri. Il percorso di studi adeguato parte dalla facoltà di Medicina Veterinaria (5 anni), a cui idealmente seguirà una specializzazione, e termina con l'iscrizione all'Ordine dei Medici Veterinari della FNOVI. Se il tuo sogno è lavorare in uno zoo, in un bioparco o in una riserva naturale, potresti scegliere di svolgere il tirocinio obbligatorio proprio in una di queste realtà, per prendere confidenza con l'ambiente di lavoro e i suoi ritmi.

2. Biologo marino

Il biologo marino, come suggerisce il nome, si occupa dell'evoluzione dell'ambiente marino e della sua biodiversità. Si occupa anche della creazione e del monitoraggio degli habitat, controlla l'interazione delle specie e la loro salute, svolge attività di ricerca e di osservazione ed effettua valutazioni qualitative e quantitative sulle specie presenti. All'interno di uno zoo, è la figura professionale che cura sia la fauna che la flora degli habitat in cui è presente l'elemento acquatico.

Per diventare biologo marino avrai bisogno di una laurea a scelta fra:

  • Laurea triennale in Scienze biologiche, Scienze e tecnologie per l'ambiente e la natura, Biotecnologie, Scienze zootecniche e tecnologie delle produzioni animali e altre, appartenenti alla classe L-13

  • Laurea magistrale in Biologia Marina

Dopo gli studi dovrai effettuare l'iscrizione all'albo professionale per biologi e un periodo di tirocinio.

3. Zoologo

Lo zoologo è la figura professionale che studia gli animali dal profilo scientifico, ne analizza la struttura, il modo di vivere e il comportamento all'interno dell'habitat e verso gli altri animali. È un ruolo importantissimo in questo tipo di strutture perché, attraverso l'osservazione delle abitudini di un animale, è in grado di riconoscere anche impercettibili segnali di malessere e intervenire in tempo. In uno zoo, uno zoologo si occupa anche di monitorare e analizzare l'equilibrio fra tutte le specie, compito di particolare difficoltà e responsabilità in tutte quelle realtà aperte, come gli zoo safari, dove le specie sono libere di interagire fra loro come in natura.

Per diventare zoologo, dovrai intraprendere un percorso di studi collaterale poiché non esiste una laurea specifica per questa professione né una sua precisa regolamentazione. Le lauree più indicate per questa carriera sono:

  • Laurea triennale in Scienze Biologiche

  • Laurea triennale in Scienze Naturali

Seguirà poi un corso di Laurea Magistrale incentrato sulle scienze animali e, preferibilmente, un dottorato di ricerca in Biologia Animale o materia affine.

4. Keeper

Il keeper è la persona incaricata di prendersi cura dello zoo. I suoi compiti sono tanti e molto diversi fra loro, ad esempio occuparsi della manutenzione delle strutture e della somministrazione dei pasti agli animali. I keeper sono anche figure di contatto fra il pubblico e la struttura stessa. Possono infatti eseguire dimostrazioni, organizzare gite all'interno del parco per far conoscere la vita degli animali nello zoo e rispondere alle domande dei visitatori. Il loro ruolo è così importante perché, grazie alla loro presenza costante nello zoo, possono accorgersi immediatamente di anomalie nel comportamento o nella salute degli esemplari e mettersi in contatto con le figure professionali di riferimento (ad esempio i veterinari) per un pronto intervento.

Nonostante il keeper sia una figura così preziosa sia per gli animali che per lo zoo, la sua professione non è regolamentata e non richiede una formazione specifica. Tuttavia, se vuoi diventare keeper, può esserti utile sapere che sempre più spesso vengono scelti candidati laureati in facoltà biologiche o affini, anche se l'esperienza sul campo ha spesso la priorità rispetto alla formazione. Ciò significa che, anche chi non ha studiato ma ha operato a lungo in CRAS o altre realtà di soccorso per animali selvatici, ha ottime possibilità di trovare lavoro come keeper.

5. Biologo faunistico

Un biologo faunistico si occupa di studiare gli animali nel proprio habitat. Il suo ruolo è simile a quello dello zoologo ma più mirato alla gestione delle specie ospitate nella struttura. Sarà il biologo faunistico a tenere conto degli esemplari, a monitorare le loro condizioni di salute, il comportamento e l'interazione con l'habitat in cui sono inseriti e con gli altri esemplari. Si occuperà inoltre dello scambio di specie e della riproduzione, in team con altre figure che lavorano nello zoo, in primis i veterinari.

Per diventare biologo faunistico dovrai frequentare la facoltà di Biologia oppure un'altra facoltà affine come Biotecnologie agrarie, Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e il Territorio, Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche o Biotecnologie industriali. Una volta completati gli studi e superato il periodo di tirocinio, è necessario iscriversi all'Ordine Nazionale dei Biologi.

6. Assistente tecnico veterinario

L'assistente tecnico veterinario è una figura ausiliaria con compiti analoghi a quelli di un infermiere per la medicina umana. All'interno di uno zoo, assiste i veterinari svolgendo mansioni ad ampio spettro, come la somministrazione dei farmaci, il monitoraggio dei pazienti, la gestione degli esami di laboratorio e attività di ricerca. Si tratta di professionisti molto dinamici e versatili che, oltre a una buona preparazione teorica, devono possedere competenze tecniche, abilità personali e manualità.

Per diventare assistente tecnico veterinario serve una laurea triennale o un diploma professionale mirato. Dopo gli studi è obbligatorio svolgere un periodo di tirocinio.

Leggi anche: Come scrivere una lettera motivazionale per tirocinio

Come trovare lavoro allo zoo: consigli

Lavorare in uno zoo, in una riserva, in un bioparco o in un'altra struttura in cui sono presenti degli animali richiede quasi sempre anni e anni di preparazione. Per aiutarti a dare forma alla tua carriera e realizzare il tuo sogno, abbiamo pensato di darti qualche consiglio utile non solo da un punto di vista pratico ma anche volto a mantenere alta la tua motivazione. Ricorda che il percorso può essere lungo e tortuoso ma, con impegno e dedizione, è assolutamente alla tua portata.

  • Scegli la tua professione: gran parte delle professioni presenti in uno zoo sono di tipo scientifico ma approcciano gli animali in maniera diversa. Cosa ti appassiona di più? Quale di questi ruoli senti più affine alle tue abilità, ai tuoi interessi e alle tue predisposizioni personali?

  • Fai esperienza con il volontariato: zoo e parchi faunistici spesso cercano volontari per svolgere attività di vario genere. È un'occasione eccellente per iniziare a familiarizzare con i ritmi e le necessità di una struttura di questo tipo, nonché per stringere contatti utili per il futuro e acquisire competenze, manualità ed esperienza che un domani avranno un enorme peso sul tuo curriculum.

  • Fai sempre follow-up: dopo aver inviato la tua candidatura con curriculum e lettera di presentazione, ricordati di fare follow-up. Puoi farlo telefonicamente, chiedendo di parlare con il responsabile delle risorse umane dello zoo, oppure tramite e-mail, usando l'indirizzo che hai usato per candidarti. In modo professionale, presentiti brevemente spiegando che hai inviato la tua candidatura e chiedi se è possibile ricevere aggiornamenti in merito alla selezione.

  • Visita gli zoo della tua zona di persona: se ti è possibile, fai un giro delle strutture presenti nella tua zona e chiedi di poter incontrare le figure responsabili delle assunzioni o delle attività di volontariato per poterti candidare. Forse non sono disponibili ruoli vacanti al momento ma, dopo averti conosciuto, potrebbero essere interessati a offrirti qualcosa.

Si prega di notare che nessuna delle aziende, istituzioni o organizzazioni menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Come diventare educatore cinofilo

  • Come diventare toelettatore di cani e gatti qualificato

  • Laurea in Tutela e benessere animale: sbocchi lavorativi

  • Lavori all'aperto: 14 professioni per lavorare all'aria aperta

  • Come diventare assistente veterinario



Articoli correlati

Lavori a contatto con la natura: i profili più ricercati dai datori di lavoro

Esplora altri articoli