Come lavorare nel mondo dello sport: 9 professioni

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 25 novembre 2022 | Pubblicato in data 4 novembre 2021

Aggiornato in data 25 novembre 2022

Pubblicato in data 4 novembre 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Lavorare nel mondo dello sport può essere molto stimolante per gli appassionati del settore e non richiede necessariamente performance di livello atletico.

Le professioni che ruotano attorno alle discipline sportive sono davvero tante ed eterogenee. Per cui, qualunque sia la tua formazione, potresti comunque trovare spazio in questa realtà.

Nel presente articolo ti proporremo un elenco di alcune professioni tipiche del mondo sportivo, una breve descrizione di ognuna, che tipo di formazione è necessaria per esercitarla e qualche riferimento in termini di retribuzione.

1. Insegnante di educazione fisica

Se ami lo sport e ti piace l'idea di insegnare ai giovani, questa può essere un'ottima opzione. Il professore o la professoressa di educazione fisica insegna agli studenti qualsiasi attività sportiva e motoria.

Per lavorare come insegnante di educazione fisica bisogna ottenere una laurea in Scienze Motorie e, successivamente, accedere alla graduatoria tramite concorso ministeriale, come per tutte le professioni di insegnamento nella scuola pubblica.

Lo stipendio medio di un docente di educazione fisica è di 1535 euro mensili.

Leggi anche: Come diventare insegnante di educazione fisica

2. Allenatore

L'allenatore sportivo si occupa di gestire la preparazione fisica e psicologica dei giocatori della sua squadra.

In genere, per diventare allenatori, bisogna seguire un corso e ottenere un patentino che abiliti alla professione. Ad esempio, per lavorare come allenatori di calcio è possibile frequentare uno dei corsi offerti dalla FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio), che rilascia il relativo patentino a seguito del superamento degli esami finali.

Lo stipendio di un allenatore varia enormemente in base al livello della squadra che allena. Per fare un esempio pratico, possiamo partire dai 701 euro al mese dell'allenatore delle categorie dilettanti per arrivare sino alle cifre a cinque zeri per le squadre più prestigiose del livello professionistico.

3. Preparatore atletico

A differenza dell'allenatore, il preparatore atletico è una figura orientata esclusivamente alla preparazione motoria e fisica degli atleti.

Per svolgere questa professione sono necessarie conoscenze acquisibili frequentando un corso di laurea in Scienze Motorie e, successivamente, un corso di specializzazione appositamente istituito da una Federazione Sportiva, che rilascia il riconoscimento professionale.

In questa categoria potremmo far rientrare figure professionali simili, come il personal trainer o l'istruttore di fitness, che si occupano di insegnamento e preparazione atletica al di fuori dell'ambito scolastico. Il percorso di formazione prevede sempre una laurea in scienze motorie o un diploma riconosciuto dal CONI.

Stabilire una media di retribuzione per il preparatore atletico è molto difficile, poiché, proprio come accade per l'allenatore, tutto dipende dal livello della categoria in cui si svolge la professione. Possiamo invece darti un'idea dello stipendio di personal trainer e istruttore di fitness. Un personal trainer guadagna in media 1329 euro al mese, mentre un istruttore di fitness prende circa 969 euro mensili.

Leggi anche: Come diventare preparatore atletico

4. Procuratore sportivo

Questo professionista è un vero e proprio agente, che rappresenta l'atleta e cura i suoi interessi in fase di contrattazione con le società sportive.

Sebbene non sia necessario avere una laurea, è comunque consigliato seguire un percorso universitario, in quanto sono richieste competenze di economia, giurisprudenza e sport per superare l'esame di abilitazione del CONI e della Federazione Sportiva di riferimento.

Come tutti gli agenti, il procuratore guadagna in percentuale sullo stipendio del giocatore. Non è pertanto possibile fornire dei riferimenti attendibili perché, come detto precedentemente, la differenza nei livelli di categoria delle squadre implica inevitabilmente un notevole divario di retribuzione.

Leggi anche: Come diventare procuratore sportivo

5. Fisioterapista sportivo

Il lavoro del fisioterapista può essere svolto presso le associazioni sportive, per una squadra o per uno specifico atleta. Proprio come farebbe in linea generale qualsiasi fisioterapista, quello sportivo si occupa del benessere fisico degli atleti e in particolare di prevenire e gestire eventuali patologie che potrebbero insorgere, massaggiando e manipolando muscoli e articolazioni.

Per diventare fisioterapisti sportivi è necessario seguire il percorso di studi che porta al conseguimento della laurea in fisioterapia e proseguire specializzandosi in ambito sportivo.

Anche in questo caso la retribuzione media dipende molto dal contesto in cui opera il professionista. Tieni in considerazione che un fisioterapista normalmente guadagna in media 1318 euro mensili, che cresceranno in base al livello della squadra in cui presta il proprio servizio.

Leggi anche:

  • Come diventare fisioterapista

  • Come diventare massaggiatore o massaggiatrice

  • Qual è la differenza tra fisiatra e fisioterapista?

6. Medico sportivo

Anche la professione del medico può essere svolta con orientamento specifico al mondo dello sport. Questo è il caso del medico sportivo, le cui mansioni ruotano attorno alla prevenzione e alla cura delle patologie connesse allo sport.

Il professionista si occupa di valutare lo stato di salute dei pazienti per certificare l'idoneità alla pratica sportiva e identificare eventuali disturbi connessi a un certo sport, la cui pratica può quindi essere sconsigliata. Oppure monitora la salute degli atleti durante allenamenti e gare, e interviene in caso di infortunio.

Per intraprendere questo mestiere occorre conseguire una laurea in medicina e chirurgia e specializzarsi successivamente in medicina dello sport.

Anche lo stipendio di questo professionista può variare molto ed è difficile dare un riferimento medio attendibile. Parti però dal presupposto che quello del medico è uno dei mestieri meglio retribuiti in Italia, con uno stipendio medio di 2703 euro mensili. Con una specializzazione nel settore sportivo, la retribuzione può salire sensibilmente.

Leggi anche:

  • Come diventare medico sportivo: specializzazione e sbocchi lavorativi

  • Come diventare medico di base

7. Psicologo sportivo

Similmente a quanto avviene per i medici, anche gli psicologi possono decidere di dedicarsi al mondo dello sport. In questo caso seguiranno gli atleti che, sottoposti a una forte pressione psicologica, devono affidarsi agli esperti per gestire al meglio le emozioni e gli stati d'animo e raggiungere le massime prestazioni atletiche.

Per diventare psicologi sportivi bisogna conseguire una laurea in psicologia e specializzarsi in psicologia dello sport, tenendo come riferimento le associazioni di settore, come l'AIPS (Associazione Italiana Psicologia dello Sport e dell'esercizio).

Uno psicologo sportivo guadagna in media 12.587,20 euro annui.

Leggi anche: Psicologia dello sport: sbocchi lavorativi

8. Organizzatore di eventi sportivi

Chi si occupa di organizzare eventi sportivi viene solitamente da una formazione più umanistica e ha una passione per il mondo dello sport.

Come per le altre carriere viste finora, bisogna prima diventare esperti nella qualifica di base, in questo caso quella di organizzatore di eventi, per poi specializzarsi nel settore sportivo.

Il tipo di specializzazione in questo caso non influisce particolarmente sulla retribuzione media. Un organizzatore di eventi guadagna circa 1365 euro al mese.

9. Giornalista sportivo

Una delle professioni non agonistiche più note nel mondo dello sport è quella del giornalista sportivo.

Per lavorare come giornalista sportivo, è necessario avere una formazione universitaria in ambito giornalistico o della comunicazione, seguire eventuali corsi di perfezionamento e ottenere il tesserino per l'iscrizione all'Albo.

Un giornalista sportivo che non sia di fama nazionale, né che abbia appena iniziato a scrivere, guadagna intorno ai 43.787 euro all'anno. Ovviamente, anche in questo caso lo stipendio può variare notevolmente in base all'esperienza, ma soprattutto ai livelli in cui opera il professionista.

Leggi anche: Come diventare giornalista sportivo

Ora che hai un'idea di quali potrebbero essere le professioni giuste per lavorare nel mondo dello sport, fatti ispirare dalla nostra lista e inizia la tua carriera.

Le retribuzioni indicate riflettono i dati riportati sui siti citati nel momento in cui questo articolo è stato redatto. Le cifre possono variare in base all'azienda, alla zona, all'esperienza e alla formazione dei candidati.

Articoli correlati:

  • Come lavorare nel mondo del calcio

  • Come diventare personal trainer: guida pratica

  • Come diventare arbitro di calcio: percorso e FAQ

  • Come diventare direttore sportivo

  • Come diventare osservatore calcistico

  • Come diventare allenatore di calcio

  • Come diventare guida alpina

  • Come diventare match analyst: mansioni e requisiti


Articoli correlati

Come diventare nutrizionista sportivo

Esplora altri articoli

  • Come lavorare a Glasgow dopo la Brexit
  • Gli 8 mestieri artigianali più richiesti al giorno d'oggi
  • Come cambiare lavoro
  • Come diventare ricercatore universitario: guida completa
  • Come entrare nella Guardia Costiera
  • Art director: cosa fa, dove lavora e come diventarlo
  • Le 20 migliori idee per un secondo lavoro
  • Come diventare bibliotecario
  • Come diventare costumista di cinema
  • Come lavorare in Messico: guida per italiani
  • Come diventare fisioterapista
  • Come diventare medico estetico