Come lavorare nel marketing: i primi passi per costruire la tua carriera

Di Team editoriale di Indeed

Aggiornato in data 18 gennaio 2023

Pubblicato in data 21 maggio 2021

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Il mondo del marketing comprende decine di settori, gestiti a loro volta da centinaia di figure professionali. Se sogni di entrare a far parte di questo mondo, hai di fronte una vasta gamma di possibilità e un’interessante carriera con ottime prospettive future.

Quello del marketing è, infatti, un mondo affascinante che unisce molte discipline diverse. Dalla psicologia alla grafica, dalla stesura di testi alla fotografia, dalla pianificazione e gestione dei prezzi allo storytelling. Questo articolo è stato pensato proprio per aiutarti a muovere i primi passi in questo dinamico mondo.

Leggi anche: Lavori creativi: ecco i più richiesti e come trovarli

Che cos’è il marketing?

La parola “marketing” definisce come: "[...] il complesso dei metodi atti a collocare con il massimo profitto i prodotti in un dato mercato attraverso la scelta e la pianificazione delle politiche più opportune di prodotto, di prezzo, di distribuzione, di comunicazione, dopo aver individuato, attraverso analisi di mercato, i bisogni dei consumatori attuali e potenziali.

L’obiettivo principale del marketing è quindi quello di ‘persuadere’ il mercato e orientarlo verso l’acquisto dei prodotti pubblicizzati. Negli ultimi anni, grazie all’avvento delle nuove tecnologie, basti pensare a Internet e agli smartphone, il mondo del marketing è cambiato molto: i classici cartelloni pubblicitari sono stati pian piano affiancati, e a volte sostituiti, dalle campagne di sponsorizzazione in digitale.

Si è passati da un approccio generico a uno personalizzato, che punta a coinvolgere il cliente facendo leva sui suoi interessi. Per raggiungere questo obiettivo, si fa uso di tecniche data-driven, cioè basate su dati digitali che i potenziali acquirenti generano ogni volta che interagiscono con la rete. Uno dei compiti principali di chi lavora nel marketing è infatti quello di interpretare questi dati e di ricavarne strategie volte a incrementare le vendite.

Leggi anche: Come lavorare nella comunicazione: formazione, ruoli più richiesti, competenze necessarie

Le competenze per iniziare a lavorare nel marketing

Per lavorare in un mondo così vasto come quello del marketing è necessario possedere molte conoscenze e padroneggiare altrettante competenze. Per poter avere successo in questo settore, specializzarti nelle tecniche richieste e fare carriera, è importante individuare il campo che più si addice alle tue qualità e alle tue caratteristiche personali. Vediamo quindi quali sono le principali tecniche usate dagli specialisti del marketing.

1. Gli imbuti di vendita

Una delle tecniche più importanti da padroneggiare se vuoi avere successo nel mondo del marketing è quella del sales funnel, o ‘imbuto di vendita’. Questa abilità consiste nell’attirare, coinvolgere e persuadere tutte le persone che non conoscono il prodotto o il servizio che ti viene chiesto di sponsorizzare al fine di convincerle all’acquisto.

Si tratta dunque di trasformare potenziali clienti in acquirenti. Per farlo, la persona addetta al sales funnel deve possedere le giuste informazioni sul mercato ed elaborare la corretta strategia per guidare i clienti verso l’acquisto di un determinato bene o servizio.

2. L’analisi dati

Per costruire imbuti di vendita e campagne di marketing efficaci, ti troverai ad analizzare una grande quantità di dati relativi ai tuoi potenziali clienti. Dovrai essere capace di leggerli, interpretarli e monitorarli costantemente, al fine di migliorare le tue strategie di engagement e generare un volume sempre maggiore di vendite.

Saper fare una ricerca di mercato è fondamentale. Tra i dati più utilizzati nel settore del marketing, ci sono quelli che si ottengono dai motori di ricerca, come ad esempio Google (di cui parleremo nel dettaglio nei paragrafi successivi).

3. La creazione di contenuti

Per contenuto si intendono i testi, i video, gli audio e tutti gli altri strumenti utili a veicolare informazioni ai potenziali clienti. La produzione dei contenuti è affidata ai content creators figure professionali specializzate nella creazione di storie accattivanti e convincenti che riescono a coinvolgere il pubblico. Un esempio di contenuti per il marketing sono gli articoli dei blog.

Esiste poi un’ulteriore specializzazione all’interno di questo settore: quella legata ai social network. Chi crea contenuti per Facebook, Instagram e i social in generale, si occupa di creare post sia organici (cioè che circolano efficacemente senza bisogno di essere promossi con denaro) sia campagne a pagamento, per rendere visibili i propri prodotti o servizi a milioni di utenti.

Leggi anche: Come diventare content creator: guida pratica

4. L’ottimizzazione per i motori di ricerca

C’è chi ritiene che “se non sei nella prima pagina dei risultati di Google, non esisti”. Da un’affermazione come questa puoi evincere l’enorme importanza che il “posizionamento” nei motori di ricerca ricopre nel mondo del marketing. Per creare contenuti che riescano non soltanto ad attirare clienti fisici, ma siano anche facilmente riconoscibili e indicizzabili dai motori di ricerca occorre essere specializzati in SEO, o Search Engine Optimization.

Chi lavora con i SEO ha l’obiettivo di rendere visibili al pubblico i prodotti o i servizi che promuove attraverso i risultati che emergono dai motori di ricerca. Così come accade sui social network, anche la visibilità sui motori di ricerca dipende sia dalla capacità di creare contenuti in grado di generare interesse in maniera organica, sia dal sapiente utilizzo di campagne a pagamento che investono su determinate parole chiave che, secondo lo studio dei dati, corrispondono alle ricerche fatte dai potenziali clienti.

5. Le abilità informatiche in generale

Al giorno d’oggi, buona parte del marketing è digitale. Per questo motivo ti sarà molto utile, indipendentemente dal settore, affinare le tue conoscenze informatiche. Esistono molti corsi online, anche gratuiti, che permettono di sviluppare competenze di base sulla programmazione HTML, la fotografia digitale, la creazione di interfacce utente. Conoscere questi aspetti del marketing ti aiuterà molto quando ti troverai a interfacciarti con altri professionisti del settore.

Leggi anche: Come fare un piano di marketing

I principali strumenti da conoscere

Se vuoi intraprendere una carriera professionale nel mondo del marketing, dovrai anche avere dimestichezza con una serie di strumenti indispensabili a rendere efficace il tuo lavoro. Di seguito, ti proponiamo gli strumenti più importanti da padroneggiare per lavorare nel marketing.

1. Google

La piattaforma per eccellenza, quando si parla di marketing digitale, è Google Analytics. Questo servizio di Google, infatti, permette di analizzare i dati relativi al traffico generato da un sito internet, tra cui le statistiche di chi ha visitato il sito web. L’analisi di questi dati è fondamentale per creare campagne di marketing efficaci. Google mette a disposizione molte ore di tutorial gratuiti per aiutare chi è ancora alle prime armi a capire come usare la piattaforma e come utilizzare i dati forniti.

2. Pianificatori di parole chiave

Google offre anche, gratuitamente, uno tra i migliori strumenti per la pianificazione di parole chiave. Usato da milioni di persone che lavorano nel marketing, questo strumento permette di pianificare strategie in base alle parole chiave, cioè ai termini che gli utenti digitano più spesso nei motori di ricerca per trovare informazioni su prodotti e servizi.

Google non è però l’unica azienda a offrire questo strumento: tra i pianificatori di parole chiave preferiti da chi lavora nel marketing ci sono Moz, SEMrush e Ahrefs. Una campagna di marketing basata su parole chiave può generare molto profitto, motivo per cui, se desideri lavorare in questo mondo, ti sarà indispensabile conoscere almeno uno di questi strumenti.

3. Piattaforme per l’e-mail marketing

Esistono vari strumenti dedicati alla creazione di campagne marketing basate sull’invio di e-mail, uno tra tutti MailChimp. Si tratta di piattaforme in cui è possibile raggiungere grandi volumi di contatti attraverso l’invio di newsletter e altri sistemi di acquisizione e fidelizzazione dei clienti. Molti di questi strumenti offrono versioni gratuite, con cui ti consigliamo di familiarizzare prima di passare a quelle a pagamento.

Leggi anche:

  • Certificazioni Google: cosa sono e come ottenerle

  • Cos’è Facebook Blueprint e come ottenere una certificazione?

Come lavorare nel marketing: costruire un profilo professionale

Ora che sai quali sono le tecniche e gli strumenti più importanti da padroneggiare per avviare una carriera di successo nel mondo del marketing, è giunto il momento di parlare del tuo profilo professionale.

Per costruire un profilo professionale efficace dovrai produrre un buon CV, creare un portfolio digitale o cartaceo e scrivere lettere di presentazione mirate usando i consigli della Guida alla Carriera di Indeed. Di seguito ti forniamo un po’ di consigli per migliorare il tuo profilo professionale.

Leggi anche: Cosa fa un direttore del marketing: mansioni, competenze e stipendio

1. Fai pratica con dei progetti di prova da aggiungere al tuo portfolio

Mentre ti dedichi all’apprendimento delle tecniche e degli strumenti menzionati nei paragrafi precedenti, crea dei progetti mock up (cioè finti) da includere nel tuo portfolio. Per esempio, puoi creare un logo, dei contenuti marketing e delle campagne di lancio per un finto brand. In alternativa, puoi creare un profilo social e provare a far crescere la base di utenti con apposite campagne. Oltre la teoria conta la pratica: i progetti mock up serviranno a dimostrare che sai mettere a frutto le tue conoscenze di marketing.

2. Offri i tuoi servizi ad amici e parenti

Prova a identificare chi, nella tua famiglia o tra le tue amicizie, potrebbe avere bisogno dei tuoi servizi di marketing. Una persona amica a cui serve un logo o uno slogan per la sua azienda, una persona di famiglia che ha un’attività e vorrebbe sponsorizzarla online, qualcuno che conosci che ha bisogno di un aiuto nella gestione delle campagne sui social network. Puoi offrire i tuoi servizi in forma gratuita se si tratta di lavori piccoli, o a prezzi scontati in caso di lavori più impegnativi.

3. Sfrutta questi lavori per raccogliere le prime recensioni e opinioni

Fare un po’ di gavetta è normale all’inizio di qualsiasi carriera lavorativa, e il marketing non fa eccezione. Mentre fai pratica e prendi dimestichezza con le tecniche e gli strumenti più utilizzati nel marketing, assicurati di fare del tuo meglio e non esitare a raccogliere le opinioni dei tuoi primi clienti, chiunque essi siano. Le opinioni sono tra le forme migliori di pubblicità: nel mondo del marketing avere recensioni positive significa partire con il piede giusto.

Adesso che sai come lavorare nel marketing è arrivato il momento di aggiornare il tuo CV, preparare una lettera di motivazione accattivante e inziare a rispondere alle offerte di lavoro. Consulta la piattaforma di Indeed per cercare offerte di lavoro nel marketing più vicine a te.

Si prega di notare che nessuna delle aziende menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Come diventare marketing manager

  • Cosa fa un digital strategist e come diventarlo

  • Come diventare un organizzatore di eventi di successo

  • Curriculum digitale: 6 tipi diversi (con esempio)

  • Come lavorare online: quali lavori scegliere?

  • Lavorare in India: mercato del lavoro e requisiti

  • Come fare un piano editoriale

  • Quali sono le tecniche di telemarketing più efficaci



Articoli correlati

Cosa fa un consulente di marketing e come diventarlo

Esplora altri articoli