Come trovare lavoro in America senza laurea e quanto si guadagna

Di Indeed Editorial Team

7 marzo 2021

Cosa hanno in comune Henry Ford, Walt Disney e Steve Jobs? Non soltanto la creatività visionaria e la rivoluzione tecnica e tecnologica promosse dai rispettivi colossi economici, ma anche il successo professionale, ottenuto senza avere mai preso la laurea.

Sono 3 esempi (eclatanti) di persone che nella “terra delle opportunità” hanno creato degli imperi seguendo un percorso di formazione non tradizionale. Tale premessa ci serve come spunto per parlarti di come è possibile trovare lavoro in America senza laurea e perché potrebbe essere vantaggioso prendere in considerazione questa possibilità.

Trovare lavoro in America senza laurea: vale la pena provarci?

Non esiste una risposta univoca e valida per tutti, però l’idea di tentare la fortuna oltreoceano anche quando non si possiede un “pezzo di carta” ambito come la laurea non è da scartare a priori. Il mercato del lavoro statunitense, infatti, ha regole diverse, nelle quali molto peso ricopre la meritocrazia: se dimostri di valere sul campo e porti risultati positivi misurabili, avrai un riconoscimento sotto forma di avanzamento di carriera e di incremento di stipendio, indipendentemente dal percorso scolastico.

Per i lavori più qualificati sono ovviamente richiesti la laurea o titoli equipollenti, ma le opportunità di lavoro che ti presentiamo sono comunque allettanti e possono rivelare interessanti percorsi professionali. Oltre a salari mediamente alti, che possono superare ampiamente i 50.000 dollari annui.

Quindi se sei in possesso di un diploma, o di una certificazione professionalizzante, se conosci la lingua inglese e magari hai già maturato qualche esperienza lavorativa, con conseguente arricchimento delle tue competenze, potresti tranquillamente considerare l’ipotesi di inseguire il tuo personale “sogno americano”.

Lavoratori stranieri in USA: diamo un’occhiata ai numeri

I numeri a disposizione dicono poco e bisogna interpretarli per trarne le corrette indicazioni. Eppure i numeri relativi alla “legione straniera” impegnata nel mercato lavorativo degli Stati Uniti d’America non lasciano spazio a interpretazioni: le aziende negli USA sono aperte al reclutamento di forza lavoro al di là della nazionalità di origine.

Stando ai dati del 2018 del Dipartimento del Lavoro USA, quasi il 18% della forza lavoro attiva negli Stati Uniti d’America era composta da lavoratori di provenienza straniera. Ma il numero che ci interessa maggiormente rilevare è che ben oltre il 21% dei lavoratori stranieri ha più di 25 anni e non possiede titoli di istruzione superiore.

La stessa indagine ha poi approfondito quali siano i settori che permettono di lavorare in America senza laurea. È venuto fuori che l’industria dei servizi, laddove sono richieste figure professionali con minore specializzazione, impiega oltre il 23% degli stranieri che lavorano regolarmente negli USA. Ecco i settori a più alto tasso di impiego di lavoratori non statunitensi e non laureati:

  • Ambito sanitario e ospedaliero (10%)

  • Cura della persona (18%)

  • Edilizia e manutenzione (15%)

  • Produzione e trasporto (15%)

  • Segreteria e vendita (15%)

  • Ristorazione (27%)

Quali documenti servono per lavorare in America?

Per vivere e per lavorare regolarmente negli USA devi chiedere e ottenere il visto. Se invece ti rechi negli Stati Uniti d’America come turista, per un massimo di 90 giorni, è sufficiente avere il passaporto in corso di validità (con almeno 6 mesi di comporto prima della scadenza) e compilare il modulo ESTA online.

Diverso è il discorso dei visti con permesso di lavoro (temporaneo o indeterminato), che sono divisi in due macro categorie: “immigratori” e “non immigratori”. I visti immigratori sono quelli che tutelano il ricongiungimento familiare, ad esempio. Sul piano occupazionale, invece, i visti per l’immigrazione con permesso di soggiorno sono riservati a figure riconosciute all’interno della comunità scientifica (come ricercatori), artistica, accademica o economico-produttiva (per esempio investitori e manager) che possono creare loro stessi posti di lavoro.

Più interessanti, dal punto di vista della nostra guida, sono i visti non immigratori che aprono un ventaglio più ampio di opportunità, pur avendo limitazioni molto stringenti. Ti segnaliamo alcune categorie di VISA che potrebbero fare al caso tuo:

  • Visti B-1, B-2: sono necessari se hai in programma un viaggio che duri oltre 90 giorni, oppure se ti rechi negli USA per affari (in modo comprovato).

  • Visto F: serve per frequentare corsi nelle università statunitensi, come ad esempio corsi di lingua, e possono aprire opportunità di lavoro nel campus durante la frequentazione dei corsi per massimo un anno di tempo.

  • Visto J: è il cosiddetto Exchange Visa che permette di partecipare a programmi di scambio culturale e di lavorare alla pari, valido sia per studenti e stagisti, sia per ricercatori e professori che fanno parte del programma di scambio.

  • Visti H, L, O, P, Q: sono i visti per lavoratori sponsorizzati, ovvero per chi ha già trovato un’azienda e un datore di lavoro presso il quale prestare opera e servizio.

N.B. In ogni caso, ti consigliamo di fissare un appuntamento presso un Consolato, o presso l’Ambasciata USA, per spiegare i motivi del tuo viaggio e per capire gli adempimenti burocratici preliminari (modulo DS-160).

10 lavori senza laurea per tentare la fortuna in America

A questo punto, fatta chiarezza sul contesto lavorativo e normativo, non resta che “andare al nocciolo della questione”. Lo facciamo accendendo i fari su 10 lavori che garantiscono un buon salario medio annuale (dati provenienti dal Bureau of Labor Statistics), ma che non richiedono una laurea.

Parrucchieri

Se si ha la fortuna di iniziare a lavorare in un grande salone di bellezza, di quelli che fanno tendenza, e si è dotati di estro e di abilità manuali, sarà possibile farsi notare facilmente e la crescita dal punto di vista professionale potrà essere anche molto rapida. Altrettanto veloce sarà l’aumento delle mance dei clienti soddisfatti. Salario medio: $ 29.600.

Attori

Senti il richiamo della “fabbrica dei sogni” e dentro di te arde il fuoco sacro dell’arte? La carriera di attore, specialmente in giovane età, potrebbe fare per te. La gavetta è durissima, ma le occasioni da cogliere possono essere molteplici: dai palcoscenici di Broadway all’industria del cinema di Hollywood. Salario medio: $ 34.000.

Camionisti

Un lavoro on the road. Guidando autentici giganti della strada, personalizzati e dotati di ogni comfort, ti occuperai di trasportare merci e prodotti per lunghi tragitti. I test di guida sono severi e devi possedere una patente senza macchia per poter guidare un camion attraverso i vari Stati d’America. Salario medio: $ 41.350.

Leggi anche: Quanto guadagna un camionista? Guida completa allo stipendio degli autotrasportatori

Chef

La preparazione del cibo è un’arte che si impara facendo. In Italia ci sono molti istituti di scuola superiore che formano le nuove leve pronte ad affermarsi in giro per il mondo. E gli Stati Uniti sono da sempre terra di conquista per i cuochi tricolore: pasta e pizza sono cavalli di battaglia intramontabili del Made In Italy a tavola. Salario medio: $ 43.200.

Leggi anche: Quanto guadagna un cuoco in base all'esperienza

Operai edili

Fare il muratore è un mestiere logorante che richiede prestanza fisica e abilità nel lavorare con materiali come mattoni e cemento per costruzioni e riparazioni. Le ditte edili hanno perciò un alto tasso di ricambio nella forza lavoro. Salario medio: $ 46.500.

Elettricisti

Laddove c’è un cantiere aperto è molto probabile che ci sia necessità di elettricisti certificati, per riparazione/installazione di cavi per sistemi di comunicazioni e per impianti di illuminazione. Salario medio: $ 48.570.

Agenti immobiliari

Dotati di spirito di iniziativa e di ottime doti di comunicazione con il cliente, gli agenti immobiliari negli Stati Uniti di America lavorano con una licenza che varia da Stato a Stato. Il guadagno è basato sulla commissione: più alto il prezzo di vendita maggiore sarà l’onorario degli agenti che si occupano della mediazione. Il mercato immobiliare statunitense è altamente competitivo, soprattutto nei grandi agglomerati urbani, ma può riservare importanti soddisfazioni. Il primo requisito è essere una persona molto intraprendente e avere conoscenza del settore real estate. Salario medio: $ 52.700.

Rappresentanti di vendita

La vendita è una delle chiavi di volta dell’economia USA. Iniziare il proprio percorso di carriera come venditori, anche su scala locale, è un passaggio comune nella storia di uomini di affari e di manager che poi si sono affermati con successo. Il settore dei veicoli a motore, auto e ricambi, è uno di quelli che impiega una buona fetta di venditori. Salario medio: $ 62.900.

Stilisti di moda

Se hai un diploma e una qualifica professionalizzante per designer di moda, abiti e accessori, puoi sfruttare la marcia in più del gusto europeo, molto richiesto oltreoceano. Le qualifiche necessarie, oltre all’intuito per le tendenze, sono quelle del disegno manuale e dell’uso dei programmi di grafica. Salario medio: $ 65.180.

Leggi anche: Come lavorare nella moda: i profili più richiesti

Sviluppatori Web

Chi non ha sentito parlare della Silicon Valley? La meta più ambita per gli “smanettoni” dei codici matrice. Gli sviluppatori Web di successo solitamente hanno un diploma e una certificazione specializzante, ma il mestiere si impara anche sul campo, sfruttando la giovane età e la voglia di imparare. Non mancano in tutti gli Stati Uniti aziende e agenzie che si occupano di Web a vari livelli e che richiedono figure professionali in grado di creare, gestire e monitorare siti Web e applicazioni. Salario medio: $ 69.945.

Leggi anche: Come diventare web developer

Articoli correlati:

  • Come scrivere un CV in inglese in modo professionale

  • Come scrivere una lettera di presentazione in inglese

  • Come prepararsi per un colloquio in inglese

  • Lavoro senza frontiere: esempio di colloquio telefonico in inglese

  • Lavori senza laurea: i più richiesti e più pagati

Articoli correlati

Come lavorare nel sociale: cosa c'è da sapere