Chi è e cosa fa il medico competente (medico del lavoro): mansioni e competenze

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 26 maggio 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Di cosa si occupa il medico competente (anche detto medico del lavoro)? Cosa fa esattamente? I medici specializzati in medicina del lavoro sono i professionisti che tutelano la salute e la sicurezza dei lavoratori dipendenti e vengono nominati dal datore di lavoro per svolgere delle visite mediche periodiche.

I medici del lavoro visitano i luoghi di lavoro e valutano i possibili rischi e le problematiche di salute legate ai vari tipi di attività. In questo articolo esamineremo le mansioni del medico del lavoro e approfondiremo i compiti e le responsabilità legate a questo tipo di professione medica.

Chi è il medico competente (o medico del lavoro)?

La medicina del lavoro è la specialità clinica che si occupa di salute occupazionale, ossia la branca della medicina che si concentra sul mantenimento del benessere fisico e mentale degli individui presso il loro luogo di lavoro.

Dal momento che i luoghi di lavoro (uffici, cantieri, magazzini, fabbriche, ecc.) sono ambienti complessi e diversificati, i medici del lavoro svolgono un ruolo importante nel consigliare i lavoratori su come le attività quotidiane che svolgono possono influenzare la sicurezza e la salute a lungo termine.

Il medico del lavoro, o medico competente, deve valutare i potenziali rischi per la salute a partire dall'ambiente lavorativo del dipendente, verificando lo stato di salute individuale e come questo può influenzare la capacità di lavorare in sicurezza.

Il lavoro di questa figura professionale può variare a seconda dei rischi caratteristici di ogni professione e coinvolge sia l'attività medica clinica (espletata tramite la visita medica aziendale), sia la valutazione dei rischi professionali.

Il datore di lavoro può nominare un solo medico competente per ogni azienda ma, nel caso di grosse multinazionali con più filiali, il medico del lavoro coordinatore può ricevere assistenza da altri medici coordinati per effettuare le visite necessarie.

Cosa fa nel dettaglio?

A differenza del medico di base, che stabilisce le condizioni di benessere dell'individuo nella sua sfera familiare e privata, il medico del lavoro (medico competente) si concentra sul mantenimento del benessere degli individui sul lavoro, sorvegliando lo stato di salute dei lavoratori dipendenti tramite la programmazione di visite mediche regolari.

Le malattie professionali causate dalle mansioni ricoperte costano alle aziende numerosi giorni lavorativi ogni anno. La medicina del lavoro gioca quindi un ruolo importante sia per l'economia sia per la società.

Un medico del lavoro aiuta i datori di lavoro a identificare le aree specifiche di rischio per migliorare la salute e la sicurezza dei lavoratori. Questo, a sua volta, può ridurre gli infortuni e le malattie sul posto di lavoro, così come ridimensionare i costi dei premi assicurativi della società. Vediamo quali sono i compiti principali del medico del lavoro.

1. Visite mediche

Tramite le visite preventive e periodiche svolte presso l'azienda, il medico competente deve:

  • Monitorare la salute dei lavoratori tramite dei protocolli sanitari definiti.

  • Prescrivere al bisogno test e accertamenti, soprattutto nel caso in cui il lavoratore è esposto ad agenti esterni con effetti a lungo termine sull'organismo.

  • Aggiornare le cartelle sanitarie e di rischio dei dipendenti (una cartella sanitaria per ogni dipendente).

Queste visite di sorveglianza sanitaria possono essere richieste dal medico stesso, fissate con una periodicità costante dal datore di lavoro oppure richieste da un lavoratore.

Se l'azienda acquista nuovi macchinari o cambia i propri processi produttivi, il medico dovrà procedere con dei test di valutazione delle condizioni di lavoro per i dipendenti assegnati a quelle mansioni.

In seguito alla visita di medicina del lavoro, il medico competente dovrà anche comunicare in forma anonima al dipendente i risultati della visita o dell'esame medico, nonché le sue condizioni di idoneità completa, parziale, temporanea oppure la non idoneità a svolgere il lavoro.

Il medico comunica i risultati della sorveglianza anche a servizi pubblici competenti quali ASL, regione e/o INAIL e, nel caso di cessazione dell'attività lavorativa del dipendente, è tenuto a consegnare al lavoratore la documentazione sanitaria in suo possesso.

2. Valutazione dei rischi

Se un lavoratore si infortuna o ha un incidente sul lavoro, il medico competente può consigliare il miglior trattamento riabilitativo e valutare il rischio associato alle sue mansioni. In questo modo, determina se ci sono rischi continui per la salute e sicurezza sul posto di lavoro.

Il medico, in collaborazione con il datore di lavoro, si occupa anche di stendere e aggiornare il documento di valutazione dei rischi (DVR) che indica il tipo di organizzazione del lavoro, gli impianti, i macchinari utilizzati e i processi produttivi a cui prendono parte i dipendenti, così da stabilire le misure protettive e preventive da adottare a livello aziendale.

3. Stesura del certificato medico

Oltre alle visite mediche svolte secondo i principi della medicina del lavoro e del codice etico della Commissione Internazionale per la salute sul lavoro, questo professionista rilascia anche dei certificati medici nel caso il dipendente necessiti di:

  • Una diagnosi riguardo a patologie associate ai suoi compiti

  • Un certificato per gli infortuni sul lavoro

  • Un documento per comunicare la malattia al datore di lavoro

4. Informazione e formazione sulla sicurezza sul lavoro

Secondo le normative più recenti, il medico del lavoro si occupa anche di informare e formare i lavoratori in tema di sicurezza sul luogo di lavoro e si occupa anche di organizzare, nel caso ce ne sia bisogno, le operazioni di primo soccorso.

Altre mansioni del medico competente

I medici competenti valutano quindi l'interazione tra lavoro e salute e sono responsabili della salute dei dipendenti. Tra le loro responsabilità rientrano anche:

  • Avere una conoscenza delle operazioni che si svolgono sul posto di lavoro.

  • Promuovere la salute e gli stili di vita salutari sul posto di lavoro.

  • Aiutare a prevenire le malattie e gli infortuni legati alle mansioni lavorative.

  • Avere familiarità con le proprietà tossiche dei materiali con i quali possono entrare in contatto.

  • Avere familiarità con i pericoli e i fattori di stress dei processi lavorativi.

  • Determinare le capacità fisiche ed emotive di un dipendente per i compiti assegnati.

  • Dare il proprio parere riguardo l'idoneità, la sicurezza sul posto di lavoro, la prevenzione degli infortuni e delle malattie sul lavoro.

  • Diagnosticare e trattare le malattie professionali e gestire le lesioni.

  • Conoscere i metodi di riabilitazione e consigliare la riabilitazione adatta per il rientro al lavoro.

  • Raccomandare e attuare politiche per mantenere un luogo di lavoro sicuro e salubre.

  • Dare consigli su lavori alternativi adatti a persone con problemi di salute.

  • Raccomandare aggiustamenti sul posto di lavoro per aiutare le persone a rimanere nella propria posizione.

  • Essere in grado di organizzare e gestire l'eventuale fornitura di servizi sanitari quali esami diagnostici e accertamenti.

  • Condurre ricerche sui problemi di salute legati al lavoro.

  • Garantire la conformità con i regolamenti e le leggi sulla salute e la sicurezza.

  • Consigliare riguardo all'eventualità di pre-pensionamento per malattie.

Come diventare un medico competente (medico del lavoro)

Per diventare medico competente dovrai completare un corso di laurea in Medicina e Chirurgia, proseguendo poi la tua formazione con una specializzazione come:

  • Medicina del lavoro

  • Medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica

  • Igiene e Medicina preventiva

  • Medicina legale

Dopo la scuola di medicina, dovrai iscriverti all'elenco dei medici competenti presso il Ministero della Salute italiano e partecipare ai periodici programmi di aggiornamento continuo in medicina.

Per trovare il tuo primo lavoro rapidamente, assicurati di creare un curriculum medico che riassuma la tua formazione, i corsi di specializzazione che hai completato e le tue competenze chiave, e di inviarlo alle strutture che cercano medici competenti tramite gli annunci di lavoro per medici competenti di Indeed.

Prescrizioni e competenze chiave

Il medico competente, per ricoprire il suo ruolo, deve rispettare una serie di prescrizioni contenute all'articolo 2, comma 1 del D.L. 81/08:

  • Deve essere un libero professionista o un dipendente di una struttura sanitaria.

  • Deve possedere una specializzazione che concerne la medicina del lavoro, la medicina legale oppure l'igiene e la medicina preventiva.

  • Deve essere iscritto all'elenco nazionale dei medici competenti.

Per svolgere con successo la professione del medico competente, inoltre, sono necessarie le seguenti skills trasversali:

  • Eccellenti competenze comunicative per gestire una vasta gamma di rapporti con i pazienti e i datori di lavoro.

  • Resilienza emotiva, un temperamento calmo e la capacità di lavorare bene sotto pressione.

  • Capacità di lavorare in squadra con eventuali assistenti medici e altri specialisti.

  • Abilità nella risoluzione dei problemi, creatività e capacità diagnostiche.

  • Capacità organizzativa e decisionale.

  • Ottima gestione del tempo e delle risorse a beneficio dei propri pazienti.

Quando deve essere nominato un medico competente?

Per legge, il medico del lavoro non è una figura indispensabile per tutte le aziende. Il datore di lavoro è tenuto a nominare un medico competente solo quando i lavoratori sono esposti a uno o più rischi legati al proprio ruolo, per esempio:

  • Esposizione a rumore, fonti di calore, agenti nocivi, vibrazioni

  • Utilizzo di particolari strumenti, impianti o macchine

  • Movimentazione di carichi pesanti

  • Contatto con sostanze tossiche o chimiche

  • Utilizzo prolungato di schermi nelle postazioni videoterminali degli uffici

Nelle situazioni elencate qui sopra, in ogni caso, il datore di lavoro è obbligato a nominare un medico del lavoro e rispettare i precetti del Testo Unico sulla Sicurezza che regola gli obblighi e le sanzioni a cui vanno incontro i datori di lavoro.

Ora che sai come diventare un medico del lavoro, quale ruolo svolge, in che contesto opera e quali competenze deve possedere questa figura professionale, puoi decidere se questa professione fa per te.

Per altre idee e spunti interessanti sull'inserimento nel mondo del lavoro, puoi consultare la Guida alla carriera di Indeed che, fra le altre, offre sezioni dedicate a Trovare lavoroCV e lettere di presentazione e Crescita professionale.

Articoli correlati

  • Cosa fa il nefrologo e come diventarlo

  • Come diventare medico sportivo: specializzazione e sbocchi lavorativi

  • Come diventare genetista medico

  • Come diventare RSPP (Responsabile del servizio di prevenzione e protezione)

  • Cosa fa un endocrinologo

  • Quanto guadagna un medico di famiglia






Articoli correlati

Come diventare medico di base

Esplora altri articoli