Medico igienista: cosa fa e come diventarlo

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 6 aprile 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

In questo articolo scopriamo chi è e cosa fa un medico igienista: una figura spesso difficile da inquadrare, eppure estremamente importante per la salute di individui e comunità.

Chi è e cosa fa un medico igienista

Non è affatto facile dire cosa fa un medico igienista, poiché si tratta di una figura che può operare in molte realtà diverse. Ad esempio, può lavorare in una direzione sanitaria, come direttore generale oppure come risk manager di un'azienda ospedaliera. In questi casi, il lavoro di questo professionista è più di tipo amministrativo e coinvolge quindi attività organizzative e manageriali.

Altro ambito è quelle delle vaccinazioni, in cui l'igienista di occupa di programmi di prevenzione delle malattie che colpiscono individui e, conseguentemente, comunità.

Ancora, il medico igienista può occuparsi di igiene ambientale, ossia il monitoraggio dell'inquinamento di suolo e acque, che come sappiamo influisce non solo sulla salute del pianeta ma anche direttamente sulla nostra, oppure di igiene alimentare, assicurando la sicurezza degli alimenti che consumiamo ogni giorno.

Inoltre, alcuni medici igienisti che si occupano di prevenzione effettuano screening (esami condotti su una porzione della popolazione per individuare una malattia prima che si manifesti attraverso sintomi o segnali), studiano dati epidemiologici, le malattie e come esse siano correlate anche a fattori esterni (ambientali, nutrizionali, ecc).

L'igienista, infine, può anche collaborare con il nutrizionista in ambito di educazione nutrizionale e, sempre in ambito educativo, partecipare alla divulgazione scientifica della materia.

Quali competenze professionali deve avere il medico igienista?

Il medico igienista deve avere molte competenze, che spaziano dall'ambito tecnico-scientifico a quello diagnostico e infine all'organizzazione di tipo amministrativo.

Ad esempio, per quanto riguarda l'ambito scientifico vero e proprio, il medico igienista deve possedere conoscenze di medicina preventiva, igiene alimentare e nutrizionale, igiene e sicurezza ambientale, igiene e sicurezza sul lavoro, statistica medica, epidemiologia, demografia, educazione sanitaria, e così via.

Inoltre, l'igienista deve sapere effettuare diagnosi della salute e dei problemi sanitari di una comunità usando strumenti metodologici propri dell’epidemiologia, sapere quali interventi sono necessari per migliorare lo stato di salute ed essere in grado di creare protocolli efficaci da seguire.

In ambito amministrativo, il medico igienista deve avere competenze in management sanitario, legislazione sanitaria, organizzazione ospedaliera e organizzazione della prevenzione primaria e secondaria.

Altre caratteristiche del medico igienista

Inoltre, l'igienista si occupa di sorveglianza e controllo delle malattie, ricerca epidemiologica, eziologica e valutativa, analisi dei bisogni sociali e sanitari, della nutrizione, dei rischi ambientali e sui luoghi di lavoro (ma anche di vita, viaggio e immigrazione), di informazione e formazione sanitaria e, infine, degli interventi di prevenzione.

In caso di incidenti, catastrofi e attacchi biologici, chimici e nucleari, l'igienista si occupa di progettare interventi di sanità pubblica e ambientale, per garantire la sicurezza della popolazione.

Nel proprio lavoro, l'igienista si confronta spesso con altri professionisti, per collaborare al fine di garantire la salute pubblica: dovrà, quindi, possedere buone doti relazionali e comunicative.

Studiare per diventare medico igienista

Ora sai cosa fa un medico igienista: garantire la salute dell'individuo e della comunità, attraverso ricerca, monitoraggio, analisi e molto altro. Dove apprendere tutte queste competenze?

Per diventare igienista è necessario prima di tutto conseguire la laurea in Medicina e Chirurgia e ottenere l'abilitazione all'esercizio della professione. In seguito, ci si deve iscrivere alla Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva, della durata di 4 anni.

Durante questo percorso specializzante, si acquisiscono conoscenze di metodologia statistica, epidemiologica, psicologia, sociologia, genetica, microbiologica, patologia clinica, fisica e chimica dell'ambiente (elencheremo tutte le materie esatte nella prossima sezione dell'articolo).

L'aspirante medico igienista apprende come usare le conoscenze e la metodologia epidemiologica per la sorveglianza dei rischi ambientali, microbiologici e chimici, delle malattie genetiche e infettive e degli incidenti sul lavoro, oltre che al loro impatto sulla qualità della vita e sulla salute della collettività.

Infine, si apprende anche come gestire l’aspetto manageriale e organizzativo (nonché economico) degli interventi di prevenzione e formazione.

Leggi anche:

  • Qual è la differenza tra medico e dottore?

  • Chi è l'anatomopatologo, cosa fa e come lo si diventa?

Quali materie si studiano?

Tra le materie studiate durante il corso di studi ci sono:

  • statistica medica;

  • demografia;

  • igiene generale e applicata;

  • medicina del lavoro;

  • medicina legale;

  • metodologia epidemiologica;

  • biochimica clinica e biologia molecolare;

  • fisica e chimica dell'ambiente di vita e di lavoro;

  • microbiologia e microbiologia clinica;

  • organizzazione aziendale;

  • medicina interna;

  • malattie infettive;

  • patologia clinica;

  • diritto amministrativo;

  • economia applicata;

  • psicologia generale.

Inoltre, gli studenti dovranno svolgere delle attività professionalizzanti obbligatorie presso direzioni sanitarie (ASL, Azienda ospedaliera, Presidio), Distretti sanitari, Dipartimenti di Prevenzione, Agenzie Sanitarie e Agenzie per l'ambiente; ancora, strutture con rischio lavorativo biologico, partecipando ad attività di prevenzione e protezione della salute.

Ci sono scuole di specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva in varie città italiane, come Milano, Roma e Pisa, per citarne alcune.

Leggi anche:

  • Come diventare medico di base

  • Chi è e cosa fa il medico del lavoro: mansioni e competenze

Perché è importante la figura del medico igienista?

Come avrai capito, parlare di medico igienista è molto vago. In realtà dovremmo distinguere tra le varie strade che il laureato in Igiene e Medicina Preventiva sceglie di intraprendere.

Avremo infatti chi diventa nello specifico epidemiologo e si occupa quindi di preservare la salute pubblica studiando cause e conseguenze delle malattie nelle popolazioni.
Ci sono poi coloro che si occupano di studiare le nostre abitudini alimentari e di qualità della vita, per capire come le patologie ad esse legate variano nel corso degli anni.

Altri ancora si specializzano in igiene e sicurezza ambientale, per monitorare l'inquinamento di suolo e acque e cercare soluzioni per risolvere i problemi che ne derivano.

Anche la sicurezza sul lavoro rientra tra i compiti dei medici igienisti, soprattutto per lavoratori a contatto con sostanze chimiche pericolose.

Non dimentichiamo i direttori sanitari, i ricercatori e i divulgatori che si occupano di sensibilizzare la popolazione su temi molto importanti per la salute pubblica.

Il medico igienista è quindi un professionista indispensabile in un momento storico di forte crescita demografica, di problematiche socio-sanitarie legate ai cambiamenti climatici e di epidemie/pandemie che minacciano il nostro modo di vivere.

Quanto guadagna un medico igienista?

Così come non esiste una sola risposta alla domanda cosa fa un medico igienista, non sorprende che non esista neanche una risposta univoca alla domanda "Quanto guadagna?".

Questo dipenderà dal ruolo che ricopre. Vediamo alcuni esempi. Lo stipendio annuo di un dirigente medico in Italia è di 66.812 €. Un direttore sanitario guadagna invece 32.979 € all'anno, mentre un medico igienista che ricopre ruoli meno rilevanti in Italia guadagna 13.069 € all'anno.

Insomma, a seconda del ruolo specifico, il medico igienista guadagna stipendi molto diversi.

Come trovare lavoro?

Per trovare lavoro un medico igienista, come ogni altro medico, può partecipare a concorsi delle ASL (i bandi vengono caricati direttamente sui siti delle relative ASL) oppure candidarsi presso ospedali pubblici o cliniche private.

A volte è possibile essere assunti anche dalla struttura presso la quale si è svolto il periodo di tirocinio.

Infine, è possibile usare una piattaforma specializzata per la ricerca di lavoro. Leader nel settore, Indeed, pubblica annunci di lavoro e offre la possibilità di inviare direttamente CV e lettera di presentazione, in modo da aumentare le possibilità di ottenere un colloquio.

Grazie alla Guida alla Carriera di Indeed è possibile scoprire tutti i trucchi per prepararsi al meglio al processo di selezione e assunzione.

Le retribuzioni indicate riflettono i dati riportati su Indeed Stipendi nel momento in cui questo articolo è stato redatto. Le cifre possono variare in base all'azienda, alla zona, all'esperienza e alla formazione dei candidati.

Articoli correlati:

  • Come diventare virologo: formazione, competenze, sbocchi lavorativi

  • Come diventare genetista medico

  • Cosa fa un infettivologo e come diventarlo

  • Come diventare medico di base

  • Qual è la differenza tra un urologo e un andrologo?



Articoli correlati

Come diventare medico estetico

Esplora altri articoli