Cosa fa lo shift manager e come diventarlo

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 2 aprile 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Se ti è capitato di imbatterti in qualche offerta di lavoro per shift manager e ti è venuto spontaneo chiederti cosa fa lo shift manager, stai leggendo l'articolo giusto. Lo shift manager, o responsabile di turno, è la persona incaricata di supervisionare le attività durante un turno. Chi ricopre questo incarico svolge l'attività lavorativa insieme agli altri dipendenti, assegna a ciascuno i compiti da svolgere e gestisce diverse attività organizzative, amministrative e di rapporto con i clienti.

La figura dello shift manager è importante in molti settori, dalla ristorazione al commercio al dettaglio fino alla manifattura, ed è quindi una professione molto richiesta. Se pensi che un lavoro versatile e di responsabilità come quello dello shift manager possa fare per te, in questo articolo ti spiegheremo quali sono le caratteristiche e la formazione che ti servono per diventarlo, e vedremo più nel dettaglio cosa fa lo shift manager.

Shift manager: cosa fa e che mansioni ricopre

Lo shift manager è il responsabile di un turno, e lavora principalmente nel settore alberghiero, nella ristorazione, nel commercio al dettaglio e nella produzione. La figura del responsabile di turno è versatile e ricopre mansioni diverse anche in base al settore in cui opera. In generale, chi ricopre il ruolo di shift manager ha la responsabilità di gestire la ripartizione dei compiti di dipendenti e collaboratori, di supervisionare le attività e di relazionarsi sia con i colleghi che con i clienti.

Questa figura è presente in moltissime aziende di diversi settori, e vi è molta richiesta di persone che possano ricoprire questo ruolo. Come indica il nome stesso, si tratta di un ruolo di responsabilità, per cui è necessario che a svolgerlo siano persone con la giusta attitudine, oltre alle competenze e alle conoscenze necessarie in base al tipo di lavoro, al settore e all'azienda in cui lavorano.

Le mansioni dello shift manager possono variare da azienda ad azienda e da settore a settore, ma ci sono alcuni compiti che accomunano ogni responsabile di turno.

Mansioni dello shift manager

Come mai il ruolo di shift manager è così importante e perché tante aziende in settori diversi cercano figure per ricoprire questa posizione? Proviamo a rispondere a questa domanda analizzando in po' più nel dettaglio le mansioni principali dello shift manager.

  • Delegare i compiti: la prima attività del responsabile di turno consiste nel ripartire i compiti a ciascun membro dello staff in base alle rispettive competenze e ai singoli ruoli. È un aspetto molto importante per garantire che ognuno sappia sempre che cosa deve fare.

  • Supervisionare l'attività: accertarsi che tutti svolgano i propri compiti in maniera adeguata ed efficiente è un altro aspetto essenziale per il funzionamento di qualsiasi azienda.

  • Coordinare il personale: questo significa gestire eventuali assenze distribuendo ad altri le mansioni o svolgendole direttamente, oltre a garantire un ambiente di lavoro positivo, sereno e collaborativo, basato sul rispetto reciproco.

  • Formare il personale: oltre alla formazione dei nuovi assunti, lo shift manager è responsabile anche di formare lo staff su eventuali nuove procedure introdotte dall'azienda e di fornire tutte le informazioni legate alla sicurezza e agli standard previsti dall'azienda.

  • Stabilire gli obiettivi: un altro compito importante consiste nello stabilire gli obiettivi da raggiungere e aiutare i dipendenti a raggiungerli.

  • Gestire gli aspetti organizzativi: lo shift manager è responsabile anche di tutti gli aspetti organizzativi che riguardano il suo turno, ad esempio controllare l'inventario ed eventualmente effettuare gli ordini del materiale mancante.

  • Gestire gli aspetti amministrativi: non meno importanti sono le mansioni di tipo amministrativo di cui deve occuparsi chi ricopre questo ruolo, come la chiusura di cassa e, soprattutto nel caso della vendita al dettaglio, l'apertura o la chiusura del negozio.

  • Rapportarsi con i clienti: in caso di lavori che prevedono il contatto diretto con il cliente, come il settore alberghiero, della ristorazione o della vendita al dettaglio, chi ricopre il ruolo di responsabile di turno deve anche sapersi rapportare con i clienti e gestire eventuali lamentele o problemi.

È infine utile ricordare che ogni turno ha uno shift manager ed è importante che le diverse figure che ricoprono questo ruolo dialoghino tra loro per comunicare eventuali attività iniziate e non concluse, o qualunque informazione utile alla continuità del lavoro.

Un ruolo così versatile richiede molta flessibilità e competenze diversificate, oltre alle conoscenze specifiche del singolo settore, che spesso si acquisiscono sul campo. Sono molte le caratteristiche che servono per diventare shift manager. Se ti interessa saperne di più, scopri con noi quali sono le più importanti.

Come diventare shift manager

Come abbiamo visto, quella dello shift manager è una professione molto richiesta, e ambire a questo ruolo può aprire a diverse opportunità lavorative. Se sei alla ricerca di un lavoro stimolante e che ti permetta una crescita sia professionale che personale, questa potrebbe essere la strada che fa per te. Per cominciare, valuta se può essere davvero il lavoro giusto.

Se pensi che questa possa effettivamente essere la professione più adatta alla tua personalità e alle tue aspettative, possiamo darti qualche consiglio sul percorso da seguire per diventare shift manager. Considera che non esiste un solo modo per prepararsi a questa professione; molto dipende anche dal settore specifico. Di seguito, trovi alcune indicazioni di massima che possono tornarti utili.

Cosa serve per diventare shift manager

Al di là di cosa fa lo shift manager e delle differenti mansioni di cui si deve occupare in base al settore in cui lavora, è importante che abbia la formazione, le conoscenze e le competenze necessarie per avviarsi a questa professione. Vediamo di seguito più approfonditamente cosa serve per diventare shift manager.

Formazione

In generale non è richiesto un titolo di studio specifico per diventare shift manager. Un diploma di scuola superiore normalmente è sufficiente per accedere alla professione, anche se alcune aziende preferiscono assumere persone laureate. Per alcuni settori specifici può essere preferibile un percorso di studi settoriale, per esempio nel turismo o nel settore alberghiero. Prima di candidarti a una posizione di questo tipo è importante leggere attentamente l'offerta di lavoro, anche per capire se è richiesto un titolo di studio particolare.

Trattandosi di un ruolo di responsabilità, è normale che venga richiesta un'esperienza pregressa nel settore specifico. Se per esempio vuoi candidarti come shift manager in un hotel, è probabile che ti venga richiesta un'esperienza pregressa come receptionist o in qualche altro ruolo a contatto con il pubblico.

Conoscenze

In base al settore, le conoscenze richieste possono essere diverse: linguistiche, informatiche, di vendita, di cassa e molto altro. In generale, avere più conoscenze in ambiti diversi è sempre un ottimo punto a favore per un ruolo di questo tipo.

Per tornare all'esempio dell'hotel, come shift manager dovresti conoscere fluentemente almeno l'inglese e un'altra lingua straniera, avere ottime conoscenze informatiche e possibilmente avere già usato qualche gestionale per l'inserimento dei dati.

Competenze trasversali

In tutti i ruoli di responsabilità, le competenze trasversali (soft skills) hanno un ruolo molto importante nella scelta di un candidato. Alcune delle competenze che non possono mancare a uno shift manager, indipendentemente dal settore in cui lavora, sono:

  • Flessibilità

  • Capacità di adattamento

  • Capacità organizzative

  • Doti di leadership

  • Capacità di problem solving

  • Predisposizione a lavorare in team

  • Capacità relazionali

Le competenze trasversali spesso fanno parte anche del nostro carattere e della nostra personalità, ma si possono sempre migliorare e sviluppare con la pratica e con l'esperienza.

In generale, le competenze necessarie per diventare shift manager si possono acquisire in molti modi: con l'esperienza, anche in altri ruoli lavorativi, con la pratica, con corsi specializzanti o tramite tirocini. Quello che è però importante sottolineare è che si tratta di un ruolo di responsabilità e, come tale, richiede molta dedizione e consapevolezza.

Ora che hai un'idea più precisa di cosa fa lo shift manager, di che mansioni svolge e di cosa serve per diventarlo, hai gli strumenti per decidere se intraprendere questa carriera nel tuo futuro. Sicuramente è un ruolo molto richiesto e che può aprirti la porta a tante opportunità professionali.

Se l'idea di ricoprire un ruolo di responsabilità ti stimola e sei alla ricerca di un lavoro che ti aiuti a crescere sia in ambito professionale che personale, non ti resta che seguire i nostri consigli e provare ad avventurarti in questa professione.

Articoli correlati:

  • Operation manager: cosa fa e come diventarlo

  • Cosa fa il responsabile di produzione: ruolo e mansioni

  • Cosa fa un demand planner: mansioni, competenze, possibilità di carriera


Articoli correlati

Cosa fa uno Store manager

Esplora altri articoli