Dove fare volontariato: enti, modalità e opportunità

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 30 novembre 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

In questo articolo ti aiuteremo a capire dove fare volontariato: scopriamo come puoi fare la differenza per tante persone e allo stesso tempo arricchire le tue esperienze e la tua rete sociale.

La quantità degli enti tra cui scegliere è ampia e per questo forniremo una lista a cui fare riferimento e delle indicazioni utili per fare la tua scelta in modo più consapevole, così da dare il meglio di te in un'attività che ti piace!

Dove rivolgerti per fare volontariato: elenco delle associazioni

Per iniziare la tua esperienza nel volontariato ti suggeriamo una lista delle associazioni tra cui puoi scegliere e indicheremo una breve descrizione e le loro caratteristiche:

  • Save the children Onlus Italia: Organizzazione non governativa (ONG) che realizza progetti per aiutare i bambini e le bambine italiani e dei Paesi in via di sviluppo, riconosciuta anche dal Ministero degli affari esteri.

  • COOPI cooperazione internazionale: Organizzazione umanitaria nata nel 1965 con il riconoscimento di ONLUS e organizzazione non governativa, ha sedi in 28 Paesi e realizza progetti e missioni finalizzati allo sviluppo e alla cooperazione internazionale.

  • Intersos organizzazione umanitaria: Nata nel 1992 con lo scopo di aiutare le vittime di conflitti bellici, di disastri naturali e di esclusione estrema dalla società.

  • Medici senza frontiere Onlus (MSF): Organizzazione internazionale non governativa nata nel 1971 a Parigi e vincitrice del premio Nobel per la pace. Ha gli obiettivi di soccorrere e assistere dal punto di vista sanitario e umanitario in situazioni difficili come disastri naturali, epidemie e conflitti bellici.

  • Unicef: Con sedi in 193 Paesi del mondo, l'Unicef è un'agenzia specializzata dell'Organizzazione delle Nazioni Unite nata nel 1946 e vincitrice del premio Nobel per la pace. Offre assistenza ai bambini e alle mamme di tutto il mondo.

  • Fondazione Avsi: Un'organizzazione non governativa senza scopo di lucro nata nel 1972 operante in 38 Paesi nel settore della cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario con interventi in diversi ambiti, tra cui educazione, agricoltura, protezione dell'infanzia, energia e ambiente. In Italia conta circa 2.000 volontari

  • Emergency: Nata nel 1994, è un'associazione neutrale e indipendente che offre cure mediche e chirurgiche alle persone rimaste ferite durante conflitti bellici o che abbiano bisogno a causa della povertà. Emergency contribuisce a portare pace e rispetto dei diritti umani in tutto il mondo.

  • Medici con l'Africa Cuamm: ONG nata nel 1950 con lo scopo della cooperazione sanitaria e di promozione della salute di tutti i popoli dell'Africa. Tra i suoi principali scopi ci sono il miglioramento dello stato della salute in Africa e la diffusione di solidarietà e disponibilità verso l'intero continente africano.

  • Actionaid Italia Onlus: Organizzazione internazionale indipendente nata nel 1972 con lo scopo di combattere la povertà nel mondo, in particolare in America Latina, Africa e Asia. Collabora con le comunità locali per tutelare i diritti umani e dare la stessa dignità a tutte le persone. Tra i suoi principi, la tutela dei diritti delle donne, la ridistribuzione del potere e la diffusione dell'istruzione.

  • CESVI Onlus: Fondata nel 1985, CESVI è un'organizzazione umanitaria che opera in 23 Paesi. I suoi obiettivi sono intervenire in caso di emergenze come conflitti bellici e catastrofi, tutelare l'infanzia con le case del sorriso per minori e promuovere la sicurezza in ambito alimentare sia dal punto di vista della sostenibilità agricola che dell'alimentazione.

  • Associazione volontari italiani del sangue (Avis): Nata nel 1927, Avis è un ente del terzo settore che si occupa di raccogliere e distribuire le donazioni di sangue ed emocomponenti. I volontari e le volontarie che ne fanno parte sono circa 1.300.000 e fanno donazioni periodiche in una delle circa tremila sezioni locali. Ha ricevuto la medaglia d'oro al merito civile e al merito di prima classe.

Queste sono solo alcune delle associazioni di volontariato tra cui potrai scegliere quella più giusta per te e più adatta alle tue capacità.

Leggi anche: Costo della vita e stipendio medio in Nigeria

Come candidarti per fare volontariato

Per candidarti come volontario o volontaria, puoi seguire diverse procedure. Ad esempio, puoi scegliere di candidarti direttamente sul sito dell'ente che ti interessa o anche cercare tra gli annunci pubblicati dalle associazioni di volontariato tra le pagine di Indeed disponibili sia in Italia che all'estero.

Siti di volontariato regionali

O ancora, potresti decidere di consultare i siti web suddivisi per zone geografiche che fanno da punto d'incontro tra la domanda e l'offerta di volontari ed enti che ne hanno bisogno in una determinata regione italiana.

Ecco alcuni esempi di centri sul territorio italiano:

  • Centro di servizio per il volontariato (CSV) Lazio;

  • Centro di Servizio per il Volontariato (CSV) nelle province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia;

  • Centro di servizio per il volontariato del Piemonte nelle province di Biella, Novara, Vercelli, Alessandria, Asti e Idea Solidale di Torino;

  • Centro Servizi per il Volontariato (CSV) Sardegna.

Volontariato d'impresa

Diverse aziende, soprattutto quelle più strutturate e con una responsabilità sociale e politica verso la comunità dove operano, organizzano periodicamente delle opportunità di volontariato per i propri dipendenti collaborando con diversi enti e associazioni del territorio. Nella maggior parte dei casi i giorni da dedicare alle attività di volontariato sono tre: le attività sono organizzate durante le ore di lavoro e come tali retribuite in busta paga.

Associazioni riconosciute e non

Le associazioni di volontariato sono catalogate in due macro categorie: non riconosciute (semplici) e riconosciute (corporazioni). Vediamo meglio le differenze esistenti tra le due tipologie:

1. Le associazioni non riconosciute

La maggior parte degli enti, soprattutto quelli più piccoli, rientrano in questa categoria e hanno solo capacità giuridica ma non autonomia patrimoniale. Per questa tipologia, gli amministratori e le amministratrici rispondono di persona a debiti e obblighi dell'associazione e non esiste l'obbligo di registrazione presso un notaio.

2. Le associazioni riconosciute

La seconda categoria di associazioni include quelle riconosciute con decreto oppure dalla giunta della regione. A differenza delle precedenti, le riconosciute hanno una personalità giuridica propria, un presidente e degli amministratori che hanno una responsabilità limitata al patrimonio.

Non tutte le associazioni possono diventare riconosciute, ma solo quelle con una costituzione fatta per atto pubblico con il notaio, un patrimonio tale da coprire eventuali crediti e il controllo diretto sull'associazione.

Le tipologie di enti

All'interno dei due macro gruppi di enti riconosciuti e non riconosciuti troviamo diverse tipologie di enti di volontariato tra cui:

Organizzazione non lucrative di utilità sociale (ONLUS)

Tra le Onlus rientrano sia le fondazioni che le associazioni e le cooperative. Sono regolate dal decreto 460/97 che riconosce loro agevolazioni fiscali premianti le attività svolte con fini utili per i bisognosi e la tutela ambientale e culturale. Devono rispettare regole precise dal punto di vista amministrativo ed essere iscritte al registro regionale delle associazioni di volontariato.

Associazione di promozione sociale (APS)

Questa tipologia è regolata dalla legge numero 383 del 2000 riguardo temi come la ricezione di donazioni, l'eredità e la proprietà di beni e la gestione dei debiti. Inoltre, concede vantaggi dal punto di vista fiscale e amministrativo.

Associazione sportiva dilettantistica o culturale

Rientrano negli enti di volontariato anche le associazioni culturali e quelle sportive a livello dilettantistico. Entrambe le tipologie devono rispettare precisi criteri e godono di agevolazioni particolari rispetto alle classiche attività imprenditoriali.

Associazione di volontariato

Queste sono regolamentate dall'Osservatorio nazionale per il volontariato nato con l'entrata in vigore dell'articolo numero 12 della legge numero 266 del 1991) detta Legge-quadro sul volontariato. Tali associazioni devono avere solo fini di aiuto e solidarietà, non di lucro, godendo pertanto di agevolazioni dal punto di vista fiscale.

Leggi anche: Come aggiungere il volontariato nel curriculum

Come scegliere l'attività giusta per te?

Ti consigliamo di valutare bene prima di scegliere l'ente così da trovare la realtà più giusta per te in base alle tue caratteristiche e capacità.

Settori e figure professionali

I settori tra cui puoi scegliere sono diversi, ad esempio:

  • cultura;

  • sociale;

  • ambientale;

  • ricreativo;

  • sportivo.

In ogni settore, durante la tua esperienza, sarai affiancato a figure di professionisti e professioniste con cui avrai modo di avere un confronto costante e modo di imparare nuove abilità.

Anche le figure professionali utili variano molto in base al settore e all'obiettivo dell'ente di volontariato. Tra i profili più richiesti ci sono:

  • esperti di comunicazione;

  • esperti di raccolta fondi;

  • impiegati amministrativi;

  • progettisti sociali;

  • infermieri;

  • medici;

  • ricercatori;

  • oss;

  • asa;

  • educatori;

  • psicologi.

Oltre a queste elencate, esistono anche altri ruoli professionali: puoi farti un'idea di quali siano consultando gli organigrammi aziendali o le posizioni aperte ai volontari e alle volontarie.

In questa guida abbiamo visto dove fare volontariato con una lista di enti tra cui scegliere e le diverse tipologie di volontariato con cui iniziare la tua esperienza.

Per maggiori informazioni, leggi anche l'articolo Come fare volontariato può farti scoprire la tua vocazione.

Si prega di notare che nessuna delle aziende, istituzioni o organizzazioni menzionate in questo articolo è associata a Indeed.

Articoli correlati:

  • Come fare volontariato in ospedale

  • Come fare volontariato in un canile pubblico o privato

  • Come lavorare nel sociale: cosa c'è da sapere

  • 16 lavori per aiutare le persone

  • Quali sono i lavori più belli del mondo?


Articoli correlati

Ho perso il lavoro: cosa posso fare? Come trasformare la perdita del lavoro in opportunità

Esplora altri articoli