Laurea in biologia molecolare: sbocchi professionali

Di Team editoriale di Indeed

Pubblicato in data 19 settembre 2022

La Redazione Indeed, un team eterogeneo e di talento che include scrittori, ricercatori ed esperti del settore, dispone delle analisi e dei dati di Indeed necessari per fornire consigli utili durante il tuo percorso lavorativo.

Se ti affascinano la biologia molecolare, la biochimica e la genetica, dovresti prendere in considerazione una laurea in biologia molecolare. Gli sbocchi professionali, infatti, sono numerosi e variegati, e le possibilità di carriera non mancano.

Molti biologi svolgono attività di ricerca scientifica nei laboratori di ricerca universitari, industriali e governativi, mentre altri lavorano per aziende private, organizzazioni no-profit o istituzioni pubbliche. In questo articolo vedremo quali sono i principali sbocchi lavorativi dopo la laurea e in quali ambienti di lavoro è possibile trovare un impiego.

Sbocchi lavorativi dopo la laurea in biologia molecolare

I programmi dei corsi di laurea in biologia molecolare, biochimica e genetica forniscono una solida base scientifica agli studenti che desiderano seguire una carriera nel campo scientifico pubblico o privato, che possono prendere in considerazione anche la ricerca e l'insegnamento.

I laureati possono trovare un'occupazione come dipendenti o consulenti nei settori biomedico, biotecnologico, farmaceutico, agroindustriale, chimico, nonché nell'igiene pubblica e nella salute umana. Anche i laboratori di ricerca affiliati alle università, i laboratori ospedalieri e le strutture di ricerca patrocinate dal governo possono offrire opportunità di lavoro.

Questo tipo di corso universitario, inoltre, fornisce un'eccellente preparazione per proseguire gli studi e completare il proprio curriculum vitae da biologo con una laurea magistrale, un master post-laurea specialistico e, volendo, un dottorato di ricerca.

1. Biologo molecolare

Il biologo molecolare è un biologo che conduce ricerche ed esperimenti a livello molecolare e cellulare per comprendere meglio il funzionamento delle cellule.

I biologi molecolari progettano ed eseguono esperimenti su molecole e cellule per comprendere le loro funzioni precise, l'organizzazione e la comunicazione tra i componenti. Eseguono esperimenti genetici relativi al sequenziamento del DNA, alla clonazione, al funzionamento dell'RNA e ad altri comportamenti cellulari e possono poi riferire le loro scoperte al pubblico sotto forma di relazioni, articoli scientifici o pubblicazioni accademiche.

Molti di questi scienziati svolgono anche attività di formazione per gli studenti degli istituti di istruzione superiore.

Anche se le mansioni variano da uno scienziato all'altro, i biologi molecolari devono avere familiarità con l'esecuzione dei seguenti compiti nell'ambito del loro ruolo professionale:

  • Applicare le tecniche di clonazione standard.

  • Utilizzare altre tecniche biologiche molecolari standard, tra cui la ligazione, la progettazione di primer, la PCR, l'elettroforesi su gel e l'analisi della sequenza del DNA.

  • Produrre materiali e relazioni per presentare i dati della propria ricerca.

  • Progettare e analizzare costrutti di DNA.

  • Utilizzare software per la modellazione molecolare e la progettazione di costrutti.

  • Studiare la letteratura scientifica corrente e gli articoli scientifici per tenersi al passo con i progressi del proprio campo.

  • Assicurare il controllo di qualità delle procedure e delle analisi di laboratorio.

  • Mantenere asettici e igienizzati l'ambiente di laboratorio e le attrezzature in base agli standard industriali.

  • Eseguire l'analisi di campioni biologici.

  • Preparare campioni, colorazioni, terreni di coltura, soluzioni e reagenti.

  • Consultare le agenzie governative e le parti interessate del settore sanitario, se necessario.

I biologi molecolari senior hanno spesso compiti più ampi che includono la gestione del laboratorio di ricerca e dei tecnici di laboratorio.

Leggi anche:

  • Come diventare biologo

  • Come diventare embriologo in 5 passi

  • Cosa fa il genetista e dove lavora

  • Come diventare genetista medico

2. Ricercatore in biotecnologie

Poiché ci sono ancora molte incognite quando si parla di biologia molecolare, chiunque abbia una mente curiosa e una passione per le bioscienze può valutare di diventare un ricercatore esperto in questo campo.

Con una laurea in biologia molecolare o biotecnologie, è possibile lavorare nella ricerca all'interno di aziende biotecnologiche dove si creano e migliorano prodotti e processi per agricoltura, medicina e conservazione di specie animali, vegetali e habitat.

Si tratta di un settore innovativo e tecnologicamente all'avanguardia, che fornisce soluzioni ad alcuni dei problemi più urgenti del mondo, come la cura delle malattie, il cambiamento climatico, le alternative ai combustibili fossili e la sicurezza alimentare. Il ricercatore in biotecnologie ha la possibilità di:

  • Sviluppare nuovi farmaci e vaccini

  • Effettuare incroci tra piante e animali per aumentare le caratteristiche dominanti

  • Progettare parti del corpo e organi bionici

  • Produrre alternative sane e sostenibili a cibi e bevande

I ricercatori e le ricercatrici in biotecnologie lavorano solitamente in laboratori con accesso a tecnologie altamente complesse per lo svolgimento di processi biologici oppure in uffici all'interno di università, istituti di ricerca o stabilimenti di lavorazione e produzione.

Leggi anche: Biotecnologie: sbocchi lavorativi e prospettive

3. Microbiologo

I microbiologi lavorano nei laboratori di ricerca e studiano forme di vita microscopiche come cellule, batteri, virus, alghe, funghi e alcuni tipi di parassiti.

Utilizzando le conoscenze e competenze acquisite attraverso un attento esame dei microrganismi e delle loro componenti, il microbiologo ha la capacità di sviluppare nuovi prodotti, materiali e processi, oltre a migliorare quelli esistenti.

I compiti di questi professionisti della biologia molecolare comprendono in genere:

  • Pianificare e portare a termine progetti di ricerca complessi, come il miglioramento delle procedure di sterilizzazione o lo sviluppo di nuovi farmaci per combattere le malattie infettive.

  • Condurre esperimenti in laboratorio che saranno utilizzati per la diagnosi e il trattamento di malattie.

  • Monitorare gli effetti dei microrganismi su piante, animali, altri organismi o sull'ambiente nel suo insieme.

  • Preparare e pubblicare relazioni tecniche e documenti di ricerca e formulare raccomandazioni a scienziati, dirigenti, ingegneri e al pubblico sulla base dei risultati della ricerca.

4. Virologo

Il virologo studia la crescita, lo sviluppo, la struttura e le caratteristiche di diversi virus che colpiscono l'uomo, gli animali, gli insetti, i batteri, i funghi e le piante in ambienti comunitari, agricoli e naturali.

Il lavoro dei virologi spesso si divide tra l'attività in laboratorio e la consulenza in qualità di esperti in diversi aspetti della salute umana e animale. Il virologo si occupa di:

  • Diagnosticare le infezioni virali e studiare la risposta farmacologica dei virus ai farmaci antivirali.

  • Studiare l'evoluzione della resistenza ai farmaci.

  • Fornire consulenze specialistiche ai reparti ospedalieri, ai veterinari e alle amministrazioni pubbliche.

  • Consigliare i medici di base su come prescrivere e utilizzare i farmaci antivirali in modo appropriato e sicuro.

  • Fornire consulenza su questioni di salute pubblica, tra cui l'immunizzazione e l'uso dei vaccini.

I virologi lavorano tipicamente in ruoli di ricerca o di insegnamento nelle università, ma possono anche trovare ruoli come redattori scientifici o, con una formazione aggiuntiva, lavorare in ambito farmaceutico o legale.

Leggi anche: Come diventare virologo: formazione, competenze, sbocchi lavorativi

Qual è l'ambiente lavorativo di un laureato in biologia molecolare?

Coloro che terminano un percorso di studi in biologia molecolare lavorano per lo più in laboratorio (dove conducono esperimenti o esaminano campioni), ma anche in ufficio (dove analizzano i dati per esaminare le proprie scoperte).

Dal momento che possono entrare a contatto con campioni pericolosi e sostanze chimiche tossiche, è necessario che conoscano e rispettino rigorose procedure di sicurezza e igiene.

Alcuni laureati in biologia molecolare possono occupare posizioni di responsabilità oppure lavorare al fianco di altri scienziati all'interno di team multidisciplinari o, ancora, come consulenti liberi professionisti.

Ora che sai quali sono gli sbocchi professionali dei laureati in biologia molecolare, potrebbe interessarti anche come scrivere una perfetta lettera di presentazione per un biologo.

Articoli correlati:

  • Sbocchi lavorativi delle Scienze Biologiche

  • Come diventare biologo marino

  • Sbocchi lavorativi della Laurea in bioinformatica

  • 10 sbocchi lavorativi per laureati in Scienze ambientali


Articoli correlati

Come diventare zoologo e biologo della fauna selvatica

Esplora altri articoli