Trovare lavoro

I lavori più pagati e richiesti in Italia

Sapere quali sono i lavori pagati bene è un ottimo punto di partenza se ti sei appena laureato e non hai ancora deciso in che direzione muoverti con la tua carriera. Avere un’idea chiara su quali siano le figure professionali che guadagnano di più potrebbe darti le risposte e l’ispirazione che cerchi. Tieni sempre a mente che i salari dei lavori entry level sono soliti aumentare proporzionalmente a mano a mano che maturi esperienza!

Tra i lavori più pagati in Italia risaltano le nuove professioni del mercato digitale. Esperti di marketing, sviluppatori di software e programmatori sono alcune delle professioni più richieste. Questo è dovuto all’alto tasso di specializzazione, all’ampia domanda da parte delle aziende e al basso numero di professionisti per ora disponibili.

Lavori più pagati in Italia

Quando si parla dei lavori più pagati in Italia, occorre fare una distinzione tra professioni classiche e professioni digitali e tecnologiche.

Tra le professioni classiche, o tradizionali, più pagate troviamo:

  • Ingegnere. Lo stipendio varia a seconda del settore di specializzazione, oscillando tra i 37 mila e i 51 mila euro lordi annui.
  • Titolare farmacia. I farmacisti possono guadagnare dai 5 mila ai 10 mila euro lordi al mese, a seconda dello stato di attività della farmacia.
  • Commercialista. Lo stipendio parte da un minimo di 27 mila euro e può arrivare fino a 85mila euro lordi annui.
  • Medico. Lo stipendio medio di un medico si aggira sui 75 mila euro lordi annui.
  • Avvocato. In media, in Italia, un avvocato guadagna 37.500 euro lordi annui. Lo stipendio annuo oscilla tra un minimo di 26mila euro lordi e un massimo di 150 mila euro lordi.

Fra i lavori ben pagati in Italia troviamo il settore del digitale

Tra i lavori più pagati in Italia troviamo senz’altro quelli riguardanti il mercato del digitale e della tecnologia, la cui domanda è particolarmente alta. Molte di queste professioni sono giovanissime, dato che fino a pochi anni fa non esistevano neanche; per questo motivo, spesso manca un percorso formativo standardizzato per acquisire le competenze essenziali. Per alcune di queste professioni, non è necessaria una laurea ma servono conoscenze tecniche approfondite e corsi professionali. Vediamone insieme alcune.

E-commerce manager

Grazie alla crescita esponenziale del commercio online, la figura dell’e-commerce manager sta guadagnando sempre più importanza all’interno delle aziende. Sono moltissime le imprese e i brand che affiancano un e-commerce al loro negozio fisico. Per le imprese più giovani, l’e-commerce è spesso addirittura l’unico canale di vendita. Il salario medio per chi svolge questa professione sta di conseguenza aumentando.

L’e-commerce manager è uno dei lavori più pagati in Italia per via delle numerose responsabilità e mansioni che prevede ricoprire questo ruolo: definire strategie di marketing e pricing, curare le schede prodotto e le campagne pubblicitarie, gestire le promozioni e le offerte, fra le altre. Al fine di ricoprire questa posizione, è necessario possedere le giuste competenze tecniche riguardanti il mondo del digital marketing, la gestione di progetti e il coordinamento di più figure professionali.

Come abbiamo accennato, lo stipendio medio di un e-commerce manager sta crescendo di pari passo al settore delle vendite online e alla richiesta di queste figure professionali. A seconda dell’esperienza maturata, il salario di un e-commerce manager varia dai 50 mila agli 80 mila euro lordi annui.

User experience designer

Un lavoro ben pagato in Italia è quello dello user experience designer. Questa figura professionale lavora a stretto contatto con programmatori e web designer, al fine di migliorare il più possibile l’esperienza degli utenti nell’utilizzo di: siti internet, applicazioni, software e prodotti.
Al fine di raggiungere questo risultato, lo user experience designer deve studiare e testare il comportamento degli utenti, per poter creare sitemap, storyboard e wireframe.
Questa professione richiede competenze tecniche specifiche come:

  • Conoscenza della psicologia del consumatore
  • Competenze di graphic design
  • Abilità nell’utilizzo di software, come Photoshop, Illustrator o Sketch
  • Conoscenza base di programmazione (html, CSS e Javascript)

L’intervento di questa figura professionale su un e-commerce può aumentare considerevolmente il tasso di conversione dello shop online. Non c’è dunque da stupirsi che siano ben pagati; di fatto, lo stipendio annuo di questa figura varia dai 23 mila ai 58 mila euro lordi per i professionisti più esperti.

Web developer

Un web developer, o sviluppatore web, è uno dei lavori più richiesti e ambiti del momento. Questa figura professionale può lavorare all’interno di un’azienda o come freelance, e si occupa principalmente dello sviluppo di applicazioni web. Tuttavia, le mansioni di un web developer comprendono anche:

  • Manutenzione e gestione di siti web
  • Programmazione dei database
  • Supervisione della sicurezza del sito
  • Aggiornamento costante delle normative riguardanti la privacy degli utenti e l’utilizzo di cookie

Per diventare un web developer è fondamentale conoscere i principali linguaggi di programmazione e di markup, come ASP, Javascript, PHP, HTML e CSS.

Lo stipendio medio di questa figura professionale va dai 35 mila ai 45 mila euro lordi annui.

Affiliate marketing manager

Tra i lavori più pagati troviamo quello dell’affiliate marketing manager. Questa figura professionale ha il compito di gestire gli affiliati e coordinare i loro siti web e database. Il suo scopo è ottimizzare le campagne pubblicitarie, sfruttando i diversi canali di marketing, tra cui e-mail marketing, Sem, Seo, display advertising e video.

Lo stipendio annuo di questa figura professionale parte da 28 mila euro lordi annui e può arrivare a 55 mila euro lordi annui, a seconda dell'esperienza.

SEO specialist

Il SEO specialist è la figura che conosce tutte le tecniche e le attività necessarie a fare in modo che un sito web compaia tra i primi risultati delle ricerche effettuate da un pubblico target.
Farsi trovare dai propri clienti, quando questi effettuano una ricerca indirizzata a un prodotto o servizio su Google, è una delle priorità di ogni azienda. Risulta dunque evidente l’importanza di questa figura professionale.

Un SEO specialist si occupa di:

  • Analizzare il sito del cliente e dei concorrenti
  • Ricercare e analizzare le parole chiave d’interesse per il business del cliente
  • Definire una strategia SEO
  • Definire le linee guida per la scrittura di contenuti in ottica SEO
  • Controllare lo stato dei link di accesso al sito e ottenerne di nuovi

Lo stipendio di un SEO specialist varia a seconda dell’esperienza; parte da un minimo di 23 mila e arriva a un massimo di 72 mila euro lordi annui.

Growth hacker

Un growth hacker è una figura professionale ibrida che si occupa di design, marketing e programmazione. Il suo compito è creare e applicare strategie di crescita per l’azienda in cui lavora. Al fine di raggiungere quest’obiettivo, un growth hacker deve avere conoscenze e competenze molto vaste:

  • Programmazione
  • Copywriting persuasivo
  • A/B testing
  • Content ed e-mail marketing
  • Social media marketing
  • Analisi dei dati

Data la mole di competenze necessarie e la rarità di questa figura professionale, il growth hacker è uno dei lavori più pagati. Lo stipendio annuo varia dai 27 mila ai 60 mila euro lordi annui, a seconda degli anni di esperienza dell'individuo. All’estero, dove questa figura professionale è più affermata, gli stipendi possono persino superare i 100 mila euro lordi annui.

Web analytics manager

In un’era in cui ogni decisione è basata sui dati, la figura del web analytics manager sta acquisendo sempre più importanza. Questa figura professionale ha il compito di analizzare e interpretare le statistiche dei siti web e di tutte le altre piattaforme digitali appartenenti a un’azienda. Il web analytics manager si occupa della gestione e del coordinamento di un reparto di web analytics.

Questa figura professionale, con uno stipendio compreso tra i 30 mila e i 70 mila euro lordi all’anno, è senza dubbio uno dei lavori pagati bene.

Programmatore Java

Un programmatore Java, grazie alla sua vasta conoscenza dei linguaggi informatici, si occupa della gestione e dello sviluppo di siti web, videogiochi e applicazioni mobile; insomma, conosce tutte le piattaforme del momento. C’è poco da stupirsi che questa figura professionale sia così richiesta e che il programmatore Java sia un lavoro ben pagato in Italia. Questo professionista possiede di solito una laurea in ingegneria informatica, ma non sempre è necessario. Grazie a corsi e certificazioni professionali, è possibile svolgere questo lavoro anche se non si è laureati in ingegneria.

Lo stipendio di un programmatore Java parte da 30 mila per arrivare fino a 60 mila euro lordi annui.

Come abbiamo visto, il settore del digitale offre numerose opportunità. Se sei un appassionato o sei curioso di conoscerlo meglio, potresti senz’altro riflettere su quale fa più al caso tuo.

Gli altri settori con le paghe più alte

Se sei alla ricerca di un lavoro ben pagato, potrebbe interessarti conoscere anche altri settori che offrono i migliori stipendi in Italia. A seconda del ruolo e del settore in cui lavori, il tuo stipendio può variare sensibilmente.

Tra i settori più remunerativi per chi lavora come operaio, troviamo il petrolchimico, dove lo stipendio annuo lordo medio si aggira sui 28 mila euro. A seguire, vi sono i settori della carta e dell’energia.

Prendendo invece in considerazione gli impiegati, il settore navale è il più redditizio, con uno stipendio annuo lordo medio di 36 mila euro.

Tra i lavori ben pagati per donne, troviamo diversi ruoli dirigenziali; infatti, data la posizione strategica e le responsabilità che derivano da questi incarichi, le retribuzioni nel settore delle banche, dei servizi finanziari e della moda possono raggiungere i 111 mila euro lordi annui.

Questi sono solo alcuni dei lavori più pagati; non dimenticare di tenere sempre in considerazione anche le tue inclinazioni e la tua vocazione.

Articoli correlati

Visualizza altro 

Come trovare lavoro a 50 anni (e oltre) - Alcuni consigli pratici

Vuoi trovare lavoro e hai 50 anni o più? Leggi attentamente questi nove consigli pratici e trovare lavoro a 50 anni sarà più facile di quanto pensavi.

Commuting (pendolarismo): che cos'è e come ottimizzarlo

Ti presentiamo il commuting, ovvero il nuovo pendolarismo: scopri cos’è, come influenza il lavoro, come ottimizzarlo e, se possibile, ridurlo.