Trovare lavoro

Guida alla ricerca di lavoro: trovare aziende che valorizzano diversità e inclusione

Di Jamie Birt

Jamie Birt è una coach con più di 3 anni di esperienza nell'assistere le persone in cerca di lavoro attraverso coaching individuale, webinar ed eventi. La sua missione? Aiutare le persone a realizzarsi sul lavoro.


Diversità e inclusione sono due concetti distinti che si rivelano molto più efficaci se applicati parallelamente. La diversità dovrebbe essere ambita, celebrata e favorita nell'ambiente di lavoro attraverso atti di inclusione. Se lavorare per un datore che dà la priorità a diversità e inclusione è un valore non negoziabile per te, può essere utile capire il vero significato di questi due valori e come stabilire se le aziende li valorizzano davvero nella loro cultura aziendale. Un'azienda realmente orientata alla diversità e all'inclusione non si limita solo ad assumere persone con background diversi: questi sono valori che richiedono azioni a 360 gradi e che dovrebbero essere integrati in tutti i livelli dell'organizzazione.

In questo articolo illustreremo il significato e l'importanza della diversità e dell'inclusione nell'ambiente di lavoro, soffermandoci anche su come determinare se un'azienda promuove una cultura orientata a questi valori.

Cosa si intende per diversità nell'ambiente di lavoro?

Il team di Indeed preposto a diversità, inclusione e senso di appartenenza definisce la diversità nell'ambiente di lavoro come "le competenze, i background, le culture, le esperienze e le abilità che plasmano l'identità di una persona e riflettono le comunità in cui ci si trova. Per dare vita all'innovazione, occorrono team con stili di lavoro, tecniche di problem-solving, esperienze di vita, background, punti di vista e bagagli di competenze diversi".

Le caratteristiche relative alla diversità sono molte, e comprendono la razza, l'età, il genere, la classe sociale, la religione, l'orientamento sessuale, l'esperienza militare e la disabilità. La diversità inizia dal processo di assunzione, ma non deve concludersi lì. Può essere promossa attraverso eventi sponsorizzati dall'azienda, i suoi fornitori e la supply chain, opportunità di volontariato messe a disposizione dei dipendenti e le organizzazioni e gli enti no profit che l'azienda supporta.

Cosa si intende per inclusione nell'ambiente di lavoro?

Il team di Indeed preposto a diversità, inclusione e senso di appartenenza definisce l'inclusione nell'ambiente di lavoro come "le azioni e i comportamenti che danno vita a una cultura in cui i dipendenti sentono di essere apprezzati, degni di fiducia, autentici e ascoltati, in modo da poter dare il proprio contributo e crescere".

Sono degli esempi le offerte di workshop e training incentrati su diversità e inclusione, l'implementazione di obiettivi orientati a diversità e inclusione e il supporto dato ai dipendenti mediante gruppi di interesse o comitati dedicati.

Perché la diversità e l'inclusione sono importanti?

Le aziende che adottano una cultura orientata alla diversità e all'inclusione rilevano un incremento in termini di creatività, innovazione, soddisfazione e fidelizzazione dei dipendenti. Uno studio ha riscontrato che le aziende con un tasso di diversità a livello manageriale superiore alla media hanno ottenuto ricavi superiori del 19% rispetto a quelle il cui tasso di diversità è inferiore alla media.

Per un dipendente, sentirsi rispettato, apprezzato e parte dell'azienda è importante sia a livello di benessere emotivo che di prestazioni professionali. Il senso di appartenenza sociale è un'esigenza fondamentale, eppure il 40% delle persone afferma di sentirsi isolato a lavoro. Ciò comporta un minore coinvolgimento e impegno nei confronti dell'azienda.

Inoltre, in periodi caratterizzati da caos e incertezza come quello che stiamo vivendo ora, per i dipendenti che appartengono a gruppi minoritari è fondamentale sentirsi supportati dall'azienda in cui lavorano. LaFawn Davis, VP del team di Indeed preposto a diversità, inclusione e senso di appartenenza, afferma: "Tutti viviamo in modi diversi. Abbiamo identità diverse e proveniamo da comunità diverse. Ed è proprio questo il senso profondo della diversità. Si tratta di riconoscere e celebrare tali diversità quando si verificano esperienze traumatiche. La produttività dei dipendenti potrebbe subire dei cali, l'innovazione potrebbe rallentare, le capacità, il morale, le prestazioni e la sicurezza psicologica potrebbero diminuire. Ecco perché per noi è necessario definire una cultura orientata all'inclusione e al senso di appartenenza nei nostri team all'interno delle nostre organizzazioni e creare uno spazio in cui le persone si sentano ascoltate, riconosciute, apprezzate e supportate".

7 modi per stabilire se un'azienda promuove una cultura orientata alla diversità e all'inclusione

1. Leggi l'offerta di lavoro

Le offerte di lavoro sono uno degli strumenti principali per assumere potenziali dipendenti, quindi contengono degli elementi che potrebbero far capire se un'azienda sostiene una cultura orientata a diversità e inclusione. Ecco alcuni elementi da osservare:

  • Terminologia vaga
  • Requisiti non allineati al livello della posizione
  • Benefit che attirano solo uno specifico stile di vita (ad es., tavolo da ping pong, birra alla spina, happy hour settimanali)
  • Linguaggio di genere (ninja, dominare, hacker, diva)

2. Visita il sito web dell'azienda

Nel sito web di un'azienda puoi cercare segnali della presenza di una cultura orientata alla diversità e all'inclusione. Leggi la dichiarazione della mission e i valori fondamentali dell'azienda per vedere se viene favorito un ambiente caratterizzato da diversità, inclusione o senso di appartenenza. Poi concentrati sulle foto dei dipendenti pubblicate: c'è eterogeneità? Verifica se si parla di eventuali consigli o gruppi di interesse interni per l'inclusione (ad esempio, gruppi orientati all'inclusione per LGBTQ+, donne, veterani e neri). Puoi anche vedere se l'azienda è attiva nel volontariato e a livello di comunità.

3. Esplora i social media dell'azienda

Esplorare i social media di un'azienda è un altro strumento utile per farsi un'idea della sua cultura aziendale. In genere, le aziende pubblicano foto di eventi e dipendenti e potrebbero condividere novità o aggiornamenti. Cerca i post che prendono una posizione. Ad esempio, è stato pubblicato un messaggio di supporto per la comunità LBGTQ di recente? Giugno è il mese del Pride in tutto il mondo, quindi dovresti cercare post che testimoniano il coinvolgimento dell'azienda nella parata locale o eventi speciali su questo tema pianificati nella sede aziendale.

Di recente, molte aziende hanno fatto anche delle dichiarazioni pubbliche a sostegno del movimento Black Lives Matter nei propri account di social media. Altre cose da osservare per verificare se venga promossa una cultura aziendale orientata alla diversità sono le foto dei dipendenti, i messaggi che parlano dell'impegno rispetto alla diversità e all'inclusione e la presenza di gruppi di inclusione.

4. Contatta ex dipendenti o dipendenti attuali

Contatta i dipendenti che conosci oppure sfrutta i social network per scambiare messaggi con qualcuno che lavora presso l'azienda. Chiedi di avere un colloquio informativo per scoprire se l'azienda promuove diversità e inclusione. Per esempi di domande da fare, continua a leggere.

5. Fai domande durante il colloquio

Fai domande in merito a diversità e inclusione in ogni fase del processo di selezione, dal colloquio telefonico a quello in sede. In genere, gli intervistatori riservano gli ultimi 5-10 minuti del colloquio alle eventuali domande del candidato. Questa è la tua opportunità per ottenere informazioni dai dipendenti, dai leader e dai manager che rappresentano l'azienda.

Stephen McQuinn, Senior Technical Recruiter presso Indeed, suggerisce di rivolgere agli intervistatori queste domande mirate circa la diversità e l'inclusione:

  • Quali sono i valori più importanti dell'azienda?
  • Come vengono promossi i valori di diversità e inclusione?
  • Un ambiente inclusivo è importante per me: come viene favorita l'inclusione nei team?
  • Quali risorse e/o benefit vengono offerti ai dipendenti?
  • Ci sono dei gruppi di interesse per i dipendenti?
  • L'azienda offre la formazione necessaria in merito a diversità e inclusione (ad esempio, gli unconscious bias, ovvero i pregiudizi inconsci)?

6. Presta attenzione durante il colloquio

Durante il processo di selezione, ci saranno dei segnali a cui fare attenzione per verificare la presenza di una cultura orientata alla diversità e all'inclusione. Quando ti presenti per un colloquio in sede, guardati intorno per cercare tracce di diversità nelle persone, negli spazi, nelle foto e nelle opere d'arte.

Se sostieni un colloquio virtuale, non hai la possibilità di vedere di persona il luogo di lavoro. Cerca segnali di diversità (presta attenzione a età, etnia, genere) negli intervistatori stessi. Se si tratta di un colloquio con una commissione di valutazione con intervistatori dal diverso background, valuta se si prendono tutti la stessa quantità di tempo per fare domande o rispondere. Infine, osserva il linguaggio del corpo e quanto a proprio agio si sente l'intervistatore quando risponde alle domande che gli fai in merito a diversità e inclusione (quelle riportate nella sezione precedente). Potrebbe essere utile notare se prova del disagio o se si mette sulla difensiva (ad esempio incrociando le braccia, guardando in basso o distogliendo lo sguardo da te).

Inoltre, assicurati che gli intervistatori non ti pongano domande personali come quelle sull'età, sullo stato civile, sull'orientamento sessuale o religioso.

7. Controlla i benefit

I benefit sono un buon modo per vedere se l'azienda supporta tutti i dipendenti. Alcuni esempi di benefit relativi a diversità e inclusione sono l'assistenza per le adozioni, le festività religiose mobili, il congedo parentale per entrambi i genitori, l'assistenza per gli anziani, orari di lavoro flessibili e supporto per la salute mentale. In genere, i benefit aziendali sono indicati nel sito web o nell'offerta di lavoro dell'azienda. Se non li trovi, chiedi al recruiter di farti un elenco dei benefit aziendali dopo il colloquio telefonico iniziale.

Articoli correlati

Visualizza altro 

Cosa fare dopo il diploma: possibili opzioni post-maturità

Se non sai cosa fare dopo il diploma, scopri quali sono le principali alternative post-maturità e i vantaggi e gli svantaggi da considerare per ciascuna.

Come diventare consulente del lavoro

Scopri come diventare consulente del lavoro: cosa fa, competenze richieste, formazione, esame di stato per l’abilitazione e iscrizione all’Ordine.