Offerta speciale 

Inizia subito il recruiting con un credito di 100 € per sponsorizzare il tuo primo annuncio.*

Gli Annunci Sponsorizzati ottengono, in media, il 60% in più di candidati rispetto agli annunci di lavoro non sponsorizzati.**
  • Attrai i candidati che stai cercando
  • Aumenta la visibilità dei tuoi annunci nei risultati di ricerca
  • Mostra i tuoi annunci a più candidati e più a lungo

Job posting: 5 modi per migliorare il processo di recruiting

Il job posting, ossia l’attività di redazione e pubblicazione di un annuncio di lavoro, è uno degli elementi principali del processo di recruiting poiché permette di trovare i candidati più qualificati a ricoprire una posizione vacante. Dedicare la giusta attenzione all’elaborazione di un annuncio di lavoro consente di evitare uno dei rischi primari del job posting, vale a dire ricevere numerose candidature non in linea con le caratteristiche ricercate, con la conseguenza di impiegare tempo prezioso a esaminare curricula non conformi al ruolo e alle competenze desiderate.

Approfondiamo quindi come scrivere un annuncio di lavoro e vediamo 5 modi per migliorare il recruiting grazie al job posting.

Pubblica un'offerta

Job posting, cos’è e come farlo

Scrivere e pubblicare un annuncio capace di attirare i talenti più qualificati non è solo fondamentale per ottimizzare i tempi e i costi del processo di selezione, ma è anche un’ottima occasione per comunicare la brand identity e migliorare l’immagine dell’azienda.

Un processo di selezione fondato sul job posting prevede alcuni passaggi imprescindibili:

  • definire le qualità e le competenze necessarie per ricoprire una determinata posizione (job analysis);
  • sintetizzare queste caratteristiche in un annuncio di lavoro chiaro e convincente;
  • pubblicare l’annuncio di lavoro;
  • esaminare i curricula ricevuti e selezionare i profili più in linea con la figura cercata;
  • condurre i colloqui e scegliere il miglior candidato della rosa.

Come scrivere un annuncio di lavoro? Il job posting si compone di diverse sezioni, ognuna importante per raggiungere l’obiettivo di assumere professionisti all’altezza delle richieste. Vediamole nel dettaglio.

Job title

Il titolo, o job title, descrive il ruolo esatto, oggetto dell’annuncio, e deve essere pertanto il più chiaro, mirato e specifico possibile. Usa le parole chiave più comuni per definire una determinata professione e non utilizzare gerghi aziendali. Per circoscrivere la ricerca, puoi inserire nel titolo anche la specializzazione, il livello (junior o senior) e la sede di lavoro.

Job summary

Scrivi un profilo sintetico in cui descrivi la posizione in massimo 4 righe, cercando di essere convincente e accattivante, per invogliare il possibile candidato a proseguire la lettura dell’annuncio. Se non l’hai già menzionato nel job title, specifica in questa sezione dove è situato il luogo di lavoro.

Job description

La job description, come si evince dal nome, è la descrizione vera e propria del ruolo, in cui approfondire la sezione precedente. In questa fase, infatti, devi elencare le varie responsabilità previste per questo incarico, le mansioni e le attività di cui la risorsa dovrà occuparsi quotidianamente. Un’informazione rilevante è il cosiddetto riporto gerarchico, ossia l’inquadramento del ruolo nell’organigramma aziendale, che comunica al candidato a chi dovrà fare riferimento e con quali figure si relazionerà all’interno dell’azienda.

Competenze richieste

Le inserzioni di lavoro non possono prescindere da una descrizione accurata delle qualifiche e dei requisiti necessari per ricoprire la posizione, come il livello di istruzione, l’esperienza lavorativa, le conoscenze tecniche correlate da eventuali certificazioni, oltre alle soft skills, per delineare particolari capacità relazionali e comunicative necessarie.

Per evitare liste troppo articolate, il consiglio è di suddividere i requisiti tra indispensabili e graditi, così da ordinarli per priorità.

Panoramica sull’azienda

Racconta brevemente alcune nozioni che descrivono l’azienda e la distinguono dalla concorrenza, posizionandola nel settore di riferimento. Sintetizza la vision, la mission e la cultura aziendale, offrendo ai candidati la possibilità di sentirsi rappresentati dai valori che contraddistinguono l’ambiente lavorativo.

Inquadramento contrattuale

È importante garantire chiarezza sull’offerta che proponi ai candidati, inserendo informazioni inerenti al tipo di contratto e all’orario di lavoro. Valuta se includere la fascia retributiva ed eventuali benefit, premi e incentivi.

Job posting efficace per migliorare il recruiting

Il job posting è un’attività centrale nel processo di ricerca e selezione del personale, e richiede una particolare cura per trasformarsi in un ottimo alleato per la brand reputation. Un job posting efficace è infatti un biglietto da visita dell’impresa, capace di attrarre talenti e comunicare positivamente la cultura aziendale. Al contrario, un job posting superficiale, incompleto o poco curato può rendere la selezione molto più laboriosa e improduttiva, rischiando di danneggiare l’immagine dell’azienda e di scoraggiare i professionisti più qualificati.

Capiamo dunque quali aspetti tenere in considerazione nel creare un annuncio di lavoro incisivo e vediamo 5 modi per migliorare il recruiting grazie al job posting.

1. Cura la job description per attirare i candidati migliori

Come precisato in precedenza, la job description è il cuore delle inserzioni di lavoro, in cui si specificano le responsabilità e le mansioni della nuova risorsa. Una descrizione accurata e pertinente al profilo trasmette un’immagine affidabile e professionale dell’azienda ed è fondamentale per rendere l’offerta convincente, richiamando l’attenzione dei migliori talenti e limitando le candidature non idonee.

In aggiunta al contenuto della job description, presta attenzione alla forma e all’impaginazione grafica, così che la lettura sia semplice e scorrevole, e attiri l’attenzione degli interessati. Per non sbagliare, puoi seguire alcuni accorgimenti:

  • utilizza paragrafi brevi, cercando di non superare le 3-4 righe;
  • scrivi in modo chiaro e semplice;
  • identifica le informazioni principali con elenchi puntati;
  • non dilungarti e non essere ridondante;
  • non usare gerghi, abbreviazioni o tecnicismi;
  • cura ortografia, grammatica e punteggiatura;
  • evita formalismi e utilizza la seconda persona singolare per rivolgerti al candidato.

Ricordati di non menzionare mai requisiti che riguardano età, sesso e nazionalità di chi aspira alla posizione.

2. Perfeziona la SEO del job posting per aumentare la brand visibility

Il job posting online ha regole specifiche da rispettare se si vuole aumentare la visibilità dell’annuncio di lavoro e, di conseguenza, dell’azienda stessa. Per rendere l’offerta facilmente rintracciabile e indicizzata dai motori di ricerca è essenziale rispettare i principi della SEO, ad esempio identificando e utilizzando nel testo le parole chiave più significative per il candidato ideale.

Come ottimizzare il job posting in ottica SEO? Di seguito trovi alcuni suggerimenti:

  • utilizza keyword rilevanti, ponendoti dal punto di vista dell’utente;
  • presta attenzione al job title, in modo che sia il più chiaro e specifico possibile;
  • ricordati di precisare il luogo di lavoro;
  • crea annunci originali, senza copiare testi esistenti;
  • includi link al sito web aziendale e alle pagine social;
  • rendi l’annuncio di facile lettura, utilizzando paragrafi, elenchi puntati e grassetti.

3. Considera il job posting come strumento di employer branding

L’employer branding è la strategia che mira a valorizzare la percezione dell’azienda come datore di lavoro, attraverso azioni che la rendano attrattiva e interessante non solo per i migliori candidati, ma anche per i dipendenti e i clienti. Adottare tecniche efficaci di employer branding come strumento di recruiting è impegnativo, ma porta numerosi benefici, in quanto permette di farsi notare dai talenti più qualificati prima della concorrenza, raggiungendoli anche in fase di ricerca di lavoro passiva, e di fidelizzare il personale, riducendo il tasso di turnover.

L’elemento imprescindibile dell’employer branding è lo storytelling, vale a dire un racconto della vita in azienda e dei valori che permeano l’ambiente lavorativo, attraverso sito web, social, video, blog e newsletter. Lo stesso tono di voce e gli stessi valori devono trasparire dall’annuncio di lavoro, così che i talenti si sentano naturalmente attratti e rappresentati da determinate caratteristiche, desiderando di diventare parte del team. Allo stesso modo, curare il benessere dei propri dipendenti alimenta uno storytelling spontaneo, che raggiunge i possibili candidati tramite un passaparola positivo.

4. Valorizza la candidate experience

L’interazione con i candidati durante l’intero processo di recruiting è un elemento che oggi deve essere tenuto in grande considerazione. La candidate experience, cioè l’esperienza vissuta dal candidato nel corso delle selezioni, è infatti essenziale per lasciare una buona impressione, anche in caso di mancata assunzione. Puoi curare l’esperienza dei candidati fornendo feedback costruttivi e aggiornamenti sullo stato della candidatura, e al contempo puoi creare annunci che invitino gli utenti interessati a una determinata posizione ad approfondire contenuti affini alla loro ricerca, all’interno del sito web aziendale. A questo proposito, una buona strategia di content marketing per sviluppare il blog dell’azienda ti aiuta ad avere contenuti sempre pronti, relativi ai diversi ruoli professionali, raccontati ad esempio dagli stessi dipendenti.

5. Utilizza il job posting interno

Migliorare il recruiting significa anche ottimizzare le selezioni valutando tutte le opzioni disponibili. La risorsa che stai cercando potrebbe far parte proprio della tua azienda e potrebbe essere in attesa di un’opportunità di crescita. Grazie al job posting interno, puoi pubblicare inserzioni di lavoro riservate ai tuoi dipendenti, specificando i requisiti e le competenze richieste per occupare la posizione vacante. Quando possibile, il job posting interno offre il vantaggio di avere già una buona conoscenza dei candidati, oltre a contenere i costi e i tempi della selezione e gratificare il personale. Di contro, rispetto a un annuncio pubblicato online, le candidature e, dunque, le possibilità di scelta, saranno ovviamente inferiori.

Un job posting efficace e funzionale alle esigenze dell’azienda non si limita a pubblicare le informazioni principali per ricoprire una posizione vacante, ma, come abbiamo visto, è parte di una strategia molto più complessa, da cui dipendono la reputazione del brand e la capacità dell’azienda di attirare i candidati più in linea con i requisiti richiesti. Conoscere in maniera approfondita cos’è il job posting e i 5 modi per migliorare il recruiting grazie alla redazione di annunci di lavoro incisivi e curati ti aiuta a ottimizzare il processo di selezione, raggiungendo i talenti più qualificati.

Pubblica un'offerta

Pronto per iniziare?

Pubblica un'offerta

*Indeed fornisce queste informazioni agli utenti del sito a titolo di cortesia. Non abbiamo il ruolo di consulenti legali o per la selezione del personale, non siamo responsabili per il contenuto delle descrizioni delle offerte e nessuna delle informazioni qui fornite è garanzia di prestazioni.