Offerta speciale 

Inizia subito il recruiting con un credito di 100 € per sponsorizzare il tuo primo annuncio.*

Gli Annunci Sponsorizzati ottengono, in media, il 60% in più di candidati rispetto agli annunci di lavoro non sponsorizzati.**
  • Attrai i candidati che stai cercando
  • Aumenta la visibilità dei tuoi annunci nei risultati di ricerca
  • Mostra i tuoi annunci a più candidati e più a lungo

Le domande più efficaci da rivolgere ai candidati durante un colloquio di lavoro

Durante il colloquio con un candidato, è importante raccogliere il maggior numero di informazioni possibile in breve tempo. Può rivelarsi difficile ottenere informazioni sufficienti per determinare l’idoneità di un candidato a ricoprire una posizione, ma ponendo domande efficaci riuscirai ad avere idee più chiare sulle sue competenze e sulla sua esperienza, oltre che sulle capacità di comunicare, risolvere problemi e pensare rapidamente.

Il miglior modo per valutare adeguatamente un candidato da un punto di vista professionale è porre domande sia pertinenti alle esigenze aziendali e alla posizione da coprire, sia di carattere generale, in modo da offrire al candidato l’opportunità di mostrare la propria personalità e la capacità di pensiero critico anche quando si trova sotto pressione.

Sommario:

  • Le domande più efficaci da rivolgere ai candidati durante un colloquio di lavoro
  • Domande comportamentali consigliate
  • Domande sulla crescita professionale
  • Domande rompicapo consigliate
Pubblica un'offerta

Le domande più efficaci da rivolgere ai candidati durante un colloquio di lavoro

 

1. Qual è il risultato professionale che la riempie più di orgoglio?

È importante assumere dipendenti competenti che siano anche orgogliosi del proprio lavoro. Chiedendo al candidato qual è il suo risultato professionale più rilevante, gli darai l’opportunità di condividere un momento chiave della sua carriera. Potrai inoltre comprendere meglio che tipo di lavoro lo soddisfa maggiormente e determinare se corrisponde alle attività associate alla posizione.

2. Mi racconti qualcosa di sé che non sia già indicato sul suo CV.

Le persone in cerca di lavoro creano CV che riepilogano al meglio le proprie esperienze lavorative, ma è impossibile conoscere appieno un candidato solo attraverso dei contenuti creati ad hoc. Questa domanda è volontariamente vaga e lascia al candidato la libertà di scegliere se discutere di aspetti professionali o personali. Potrebbe infatti decidere di parlare delle proprie attività di volontariato, del proprio anno sabbatico in giro per il mondo o di altre esperienze decisive.

Il modo in cui il candidato sceglie di rispondere a questa domanda e l’esperienza che deciderà di condividere può dire molto sulla condotta che adotterà sul lavoro.

3. Perché vuole lavorare con noi?

Questa domanda ti aiuterà a capire se il candidato ha fatto ricerche sull’azienda ed avere un’idea più chiara di ciò che si aspetta da un datore di lavoro. Ascolta attentamente la risposta e valuta se il candidato riporta informazioni sull’azienda e traccia eventuali corrispondenze tra quest’ultima e le proprie aspirazioni professionali.

4. Cosa l’ha spinta a candidarsi per questa posizione?

Questa è una delle domande più efficaci da porre durante un colloquio, perché approfondisce aspetti specifici relativi al ruolo professionale. Rivela con quanta attenzione il candidato ha letto la descrizione della posizione, offrendogli inoltre la possibilità di spiegare il motivo per cui ritiene di essere idoneo. In una risposta ben formulata, il candidato elencherà le proprie competenze attuali e quelle che è propenso a sviluppare e migliorare.

5. Quali sono i suoi principali punti deboli?

Questa è una delle domande più comuni per un semplice motivo: può aiutarti a capire molto sul candidato in breve tempo. Nello specifico, ti consente di dedurre tre informazioni:

  • Un eventuale conflitto tra i punti deboli e i requisiti del ruolo in questione o la capacità di ricoprirlo in modo ottimale
  • Una sufficiente consapevolezza dei propri punti deboli tale da riuscire a esporli senza esitazione
  • L’impegno adoperato per superare i propri limiti

6. Quali sono i suoi maggiori punti di forza?

Analogamente ai punti deboli, quando un candidato espone i propri punti di forza mostra anche il proprio livello di consapevolezza di sé e umiltà. Questa domanda offre inoltre al candidato l’opportunità di illustrare il modo in cui le sue qualità rispecchiano i requisiti della posizione e spiegare come utilizzerà i propri punti di forza per contribuire al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

7. Mi racconti di una situazione lavorativa difficile e di come l’ha superata.

Chiunque ha affrontato situazioni complesse sul lavoro e spesso sono proprio questi i momenti che contribuiscono maggiormente alla crescita professionale. Questa è una tra le domande più efficaci da porre durante un colloquio, poiché permette al candidato di spiegare come si comporta quando è sotto pressione e di discutere della propria capacità di risolvere problemi e gestire lo stress.

8. Perché intende lasciare il suo attuale datore di lavoro?

Quando poni questa domanda, presta particolare attenzione al modo in cui il candidato parla del proprio impiego precedente. Si concentra sugli aspetti negativi o ha un atteggiamento prevalentemente positivo, incentrato sulle proprie aspettative per il futuro? Un candidato che mostra rispetto per il datore e l’ambiente di lavoro precedenti dimostra educazione e professionalità, due caratteristiche essenziali per qualsiasi ruolo.

 

Domande comportamentali consigliate

 

9. Mi racconti di una situazione in cui ha dovuto affrontare un carico di lavoro particolarmente pesante. Come l’ha gestito?

Questa è un’ottima domanda poiché rivela le capacità organizzative e di gestione del tempo del candidato, nonché la sua attitudine a far fronte a situazioni stressanti, ad esempio in caso di un aumento del carico di lavoro. Cerca di capire a quali attività il candidato dà la precedenza, come si adatta alle nuove sfide e come collabora con gli altri per raggiungere un obiettivo.

10. Descriva una situazione in cui ha dovuto lavorare con qualcuno che ha una personalità o uno stile di lavoro profondamente diversi dal suo.

La capacità di collaborare con altre persone è un aspetto fondamentale di qualsiasi lavoro. Questa domanda dà al candidato l’opportunità di far conoscere le proprie capacità di relazione, lavoro di squadra e risoluzione dei problemi, ad esempio la sua propensione a giungere a compromessi, comunicare e collaborare per raggiungere un obiettivo o completare un’attività. Può anche aiutarti a comprendere meglio la sua personalità e il suo modo di lavorare.

 

Domande sulla crescita professionale

 

11. Quali sono i suoi obiettivi di carriera nel lungo termine?

Chiedendo al candidato di discutere dei propri obiettivi di carriera nel lungo termine puoi farti un’idea di quanto sia ambizioso, determinato e dedito al lavoro. Valuta se ha aspirazioni professionali in linea con i valori, la mission e/o gli obiettivi aziendali. Questa domanda può anche rivelare quanto a lungo il candidato prevede di lavorare per la tua azienda: se, ad esempio, la tua azienda non è in grado di soddisfare i suoi obiettivi professionali nel lungo termine, il candidato potrebbe non essere la scelta ideale.

12. In che modo intende crescere professionalmente nel corso del prossimo anno?

Una delle domande più efficaci da rivolgere a un candidato è legata agli obiettivi di sviluppo professionale. Potrebbe voler migliorare un punto debole, consolidarne uno di forza o ambire all’acquisizione di una nuova competenza utile per la sua carriera. Più di ogni altra cosa, questa domanda rivela la volontà del candidato di investire nella propria crescita professionale.

 

Domande rompicapo suggerite

 

13. Mi venda questo [oggetto].

Nonostante questo tipo di domanda sia comunemente posta durante colloqui per posizioni relative al marketing e alla vendita, può in realtà essere applicata a qualsiasi ruolo. Se intervisti candidati per posizioni diverse dall’ambito delle vendite, osserva come reagiscono sotto pressione e quali sono le loro capacità creative, di comunicazione verbale e di risoluzione dei problemi. Nel caso di candidati a ruoli commerciali, questa simulazione può darti un’idea delle loro strategie di vendita.

14. Quante palline da golf può contenere uno scuolabus?

Si tratta di una domanda approssimativa, che non prevede una risposta esatta. Dà piuttosto al candidato la possibilità di illustrare il proprio ragionamento logico. Presta attenzione al modo in cui prova a risolvere l’enigma. Chiede chiarimenti? Scompone il problema suddividendolo in più parti? Chiedigli di ragionare ad alta voce per osservare come mette in atto la propria capacità di risoluzione dei problemi.

Un colloquio di lavoro offre l’opportunità di farsi un’idea sull’idoneità di un candidato e sulla sua capacità di integrazione con gli altri dipendenti. Queste domande ti permettono di valutare al meglio sia il livello di competenza sia le caratteristiche personali di un candidato, ossia due degli aspetti più importanti da tenere in considerazione durante le assunzioni.

Pubblica un'offerta

Pronto per iniziare?

Pubblica un'offerta

*Indeed fornisce queste informazioni agli utenti del sito a titolo di cortesia. Non abbiamo il ruolo di consulenti legali o per la selezione del personale, non siamo responsabili per il contenuto delle descrizioni delle offerte e nessuna delle informazioni qui fornite è garanzia di prestazioni.